Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
agrippa

ECent. 1867

Risposte migliori

agrippa

Metto questi due centesimi della zecca di Milano per conoscere qualcosa di questa monetazione.

Nell'osservare l'ingrandimento sono rimasto meravigliato sia dello stile che della ricercatezza della composizione di questa moneta.

Per l'epoca la vedo molto moderna. Ho detto una castroneria ?

Se poi avrete la bonta di dirmi il significato della sigla "T dot" che vedo sotto il collo di VEII ed il grado di conservazione avrete completamente soddisfatto la mia curiosità.

Grazie

agrì

post-42-1163633011_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

flakin

Buon giorno Agrippa, Allego alcune info sulla moneta, sulla conservazione direi Un qbb/bb per quanto riguarda la sigla T dot ...lo *ignoro* io ne ho un paio pero' o non ci sono o sono sparite a causa dell'usura,... cordiali saluti. { nessuna catsroneria, facile che l'abbia sparata io vedi il post scrittum } :P

Ps: ammeno che non voglia indicare che sono stati coniati a Torino??? Mha'!>??

post-1487-1163659834_thumb.jpg

Modificato da flakin

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

heineken79

Come conservazione siamo su MB (forse anche meno): è presente parecchio cancro.

La sigla T . (che poi in realtà è F . ;) ) è quella dell'incisore Ferraris.

La zecca è Milano (M).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko

Sul qBB ci siamo: nota i raggi della stella e le foglie delle corone sul rovescio. Al dritto Emanuele Due non è ridotto troppo male: il botulino non ha appianato tutte le rughe né il parrucchiere del tempo lo ha reso calvo ;) Peccato per la barba, altrimenti avrei fatto un pensierino al BB.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paolino67

Confermo che si tratta di F. (Ferraris) e non T. Come conservazione siamo ridotti un pò maluccio, i rilievi non sarebbero male, ma le ossidazioni diffuse non fanno superare al pezzo l'MB. Il pezzo per MIlano del 1867 è peraltro il più comune di quelli da 2 cent di VE II°. La moneta in effetti ha già una concezione moderna, e rientra perfettamente nei canoni dell'unione monetaria latina. Grazie anche alla standardizzazione dei parametri, le monete della seconda metà dell'800 cominciavano già ad assumere un aspetto più vicino a quelle attuali piuttosto che a quelle che le avevano precedute.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

flakin

opla'... logico che la F stia per Ferraris... io avevo capito che ci stava proprio la scritta T dot abbiate pazienza ero appena smontato dalla notte la lucidita' era quasi a zero... :P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×