Jump to content
IGNORED

Scudo 1780 PIO VI


tognon
 Share

Recommended Posts

Buon giorno amici delle pontifice

E' il mio primo messaggio nella vs interessante sezione per postare il mio ultimo acquisto.

La moneta non e' niente di eccezionale sia come rarita' che conservazione ma ha una bella patina e poi e' ...bella grande, il bordo e' intatto quindi niente limature o appiccagnoli vari.

Mi confermate che e' del tipo piu' comune con raggi attorno alla tiara e con V al posto della U numero catalogo 17 ?

Vi saluto e vi ringrazio degli eventuali commenti e ...Buona Pasqua a tutti

Rino

 

scudo 1870.jpg

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


E' il tipo più comune in effetti...

L'usura del rovescio in buona parte è attribuibile al conio ormai logoro e arrugginito, si ritrovano le stesse caratteristiche di porosità su buona parte degli esemplari. Per contro l'usura da circolazione non mi pare troppo pesante...

Ciao, RCAMIL.

Link to comment
Share on other sites


Buongiorno Tognon,

non è eccezionale ma è comunque uno scudo piacevole e collezionabilissimo per quanto mi riguarda.

Se ne trovo uno simile lo prendo al volo.

Saluti e buona giornata

Silver

Link to comment
Share on other sites


Bello scudo, complimenti. Soprattutto il dritto, sono monete queste che in conservazione media non hanno molto seguito e fanno prezzi modesti. Appena però la conservazione sale un pochino la richiesta economica diventa importante data proprio la difficoltà di reperirne in stato superiore al buon BB.

Link to comment
Share on other sites


Bella monetona...e bella patina....ma scusate l'ignoranza e forse la svista ma sotto la data e accanto alla chiesa ci vedo solo io dell'altro...? che sono se ci sono?...è stata ribattuta su altra moneta? Preciso it's not my field.

Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, Asclepia dice:

Bella monetona...e bella patina....ma scusate l'ignoranza e forse la svista ma sotto la data e accanto alla chiesa ci vedo solo io dell'altro...? che sono se ci sono?...è stata ribattuta su altra moneta? Preciso it's not my field.

Accidenti e' vero, non ci avevo fatto caso.

Sembrano lettere o cifre in incuso. Mah...

Link to comment
Share on other sites


2 minuti fa, tognon dice:

Accidenti e' vero, non ci avevo fatto caso.

Sembrano lettere o cifre in incuso. Mah...

Vorrei proprio capire...il contorno come è?Me lo descrivi o ci fai na foto?

Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, Asclepia dice:

Vorrei proprio capire...il contorno come è?Me lo descrivi o ci fai na foto?

Purtroppo più' di cosi' non riesco.

Il contorno si presenta come una serie di ellissi schiacciate.

Ciao

IMG_20170414_131105.jpg

IMG_20170414_131049.jpg

Edited by tognon
Link to comment
Share on other sites


45 minuti fa, tognon dice:

Accidenti e' vero, non ci avevo fatto caso.

Sembrano lettere o cifre in incuso. Mah...

Si tratta di un artefatto da conii collisi.

Se i due conii sbattono fra loro in assenza di tondello, uno o entrambi si improntano (in rilievo) con le impronte in incuso del conio opposto. Quando viene posizionato un successivo tondello questo riceve in incuso le impronte rilevate dell'altro conio alterato. Per verificarlo basta ruotare specularmente l'immagine di una faccia della moneta e confrontare le impronte sospette cercando di farle combaciare (la rotazione è necessaria per un gioco di positivi/negativi, ricordando che rispetto all'impronta, l'immagine di un conio è speculare, ecc...).

Ho fatto una rapida elaborazione a partire dalle immagini della stessa moneta che sono presenti sul catalogo di lamoneta.it (trovate per caso ma si tratta indubbiamente del medesimo esemplare!). Sono affiancati e confrontati i particolari: con ellissi rosse e gialle sono indicate le corrispondenze che provano quanto sopra: lettere XT di SEXTVS (TX specularmente) e lettera P di PIVS (speculare)

Scudo 1780.jpg

Link to comment
Share on other sites


ok te l'ho chiesto perchè magari veniva fuori altro..ma niente... però guardandola bene mi sembra di leggere PIVS con lettere girate  sotto la data 1780 e la TX di SEXTVS accanto alla chiesa, entrambi in incuso...

1 minuto fa, Giov60 dice:

Si tratta di un artefatto da conii collisi.

Se i due conii sbattono fra loro in assenza di tondello, uno o entrambi si improntano (in rilievo) con le impronte in incuso del conio opposto. Quando viene posizionato un successivo tondello questo riceve in incuso le impronte rilevate dell'altro conio alterato. Per verificarlo basta ruotare specularmente l'immagine di una faccia della moneta e confrontare le impronte sospette cercando di farle combaciare (la rotazione è necessaria per un gioco di positivi/negativi, ricordando che rispetto all'impronta, l'immagine di un conio è speculare, ecc...).

Ho fatto una rapida elaborazione a partire dalle immagini della stessa moneta che sono presenti sul catalogo di lamoneta.it (trovate per caso ma si tratta indubbiamente del medesimo esemplare!). Sono affiancati e confrontati i particolari: con ellissi rosse e gialle sono indicate le corrispondenze che provano quanto sopra: lettere XT di SEXTVS (TX specularmente) e lettera P di PIVS (speculare)

Scudo 1780.jpg

:beerchug: paro paro quello che avevo visto io 

 

Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, tognon dice:

Il contorno si presenta come una serie di ellissi schiacciate.

I "sacri testi" le definiscono fogliette in rilievo ;)

Ciao, RCAMIL.

Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, rcamil dice:

I "sacri testi" le definiscono fogliette in rilievo ;)

Ciao, RCAMIL.

Grazie della precisazione, imparare e' sempre un piacere.

:)

Link to comment
Share on other sites


2 ore fa, Giov60 dice:

Si tratta di un artefatto da conii collisi.

Se i due conii sbattono fra loro in assenza di tondello, uno o entrambi si improntano (in rilievo) con le impronte in incuso del conio opposto. Quando viene posizionato un successivo tondello questo riceve in incuso le impronte rilevate dell'altro conio alterato. Per verificarlo basta ruotare specularmente l'immagine di una faccia della moneta e confrontare le impronte sospette cercando di farle combaciare (la rotazione è necessaria per un gioco di positivi/negativi, ricordando che rispetto all'impronta, l'immagine di un conio è speculare, ecc...).

Ho fatto una rapida elaborazione a partire dalle immagini della stessa moneta che sono presenti sul catalogo di lamoneta.it (trovate per caso ma si tratta indubbiamente del medesimo esemplare!). Sono affiancati e confrontati i particolari: con ellissi rosse e gialle sono indicate le corrispondenze che provano quanto sopra: lettere XT di SEXTVS (TX specularmente) e lettera P di PIVS (speculare)

Scudo 1780.jpg

Grazie delle informazioni, come scritto a rcamil, imparare e' sempre un piacere.

Quindi devo considerare la moneta come difettosa o portatrice di anomalie abbastanza diffuse per la tipologia?

Link to comment
Share on other sites


La moneta è stata coniata così: non è difettosa ma proviene da conio alterato. Se fosse FDC, tale rimarrebbe. C'è anzi chi attribuisce un plusvalore a tali difetti di conio.

A proposito: sono assolutamente d'accordo con @rcamil sul fatto che la moneta non sia poi così usurata ma derivi da un conio logoro, anzi il danno da conii collisi ha contribuito all'aspetto impastato.

Nel complesso è un esemplare gradevole.

Edited by Giov60
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.