Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Falaride

Sestante C. Aurunculeio (Sardegna)

Risposte migliori

Falaride

Buonasera a tutti, nell'ultima asta Roma Numismatics è stato battuto questo sestante:

Imitative AVR series Ӕ Sextans. Uncertain mint, 2nd century BC. Head of Mercury right, two pellets above / Prow right; ROMA above, AVR ligate before, two pellets below. Cf. Crawford 65/6. 4.56g, 20mm, 5h.

Corrisponde al BMC 130/131, al  Sollai n°6 e al Piras n°35 ed è dato come raro.

Roma Numismatics lo ha catalogato come "imitative" e in effetti sembra proprio così visto lo stile quasi caricaturale della moneta. Ora si sa che generalmente la monetazione in Sardegna non era proprio raffinata come quella Magno Greca, ma questo esemplare sembra veramente un imitazione....Ora, a parte l'asse del Sardus Pater con leggenda retrogada e stile barbarico (Lulliri 127, Banti n°3 pag. 290), qualcuno di voi ha qualche altro esempio di imitazione di monete della Sardegna Romana (inteso come periodo della monetazione coniata nell'isola)? Perchè non ho trovato altri esempi nella bibliografia in mio possesso....

 

3045601l.jpg

Modificato da Falaride

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

g.aulisio

I bronzi col monogramma AVR sono, per l'appunto, probabilmente di produzione sarda.

Ma cosa può far pensare che l'imitazione sia necessariamente prodotta in Sardegna?  

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini

DE GREGE EPICURI

I sestanti sardi  sono quasi tutti riconiati su monete puniche, delle quali si vede di solito qualche traccia. Non dico che questo valga in assoluto, ma è molto frequente. Qui non sembra esserci una coniazione sottostante.

Ecco un esempio di sestante riconiato (credo su una Tanit/protome di cavallo, ma non ne sono certo):

PIC_3925.png

PIC_3927.png

Modificato da gpittini

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Falaride
14 ore fa, g.aulisio dice:

I bronzi col monogramma AVR sono, per l'appunto, probabilmente di produzione sarda.

Ma cosa può far pensare che l'imitazione sia necessariamente prodotta in Sardegna?  

Ciao, è questo che mi lascia perplesso...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Falaride
13 ore fa, gpittini dice:

DE GREGE EPICURI

I sestanti sardi  sono quasi tutti riconiati su monete puniche, delle quali si vede di solito qualche traccia. Non dico che questo valga in assoluto, ma è molto frequente. Qui non sembra esserci una coniazione sottostante.

Ecco un esempio di sestante riconiato (credo su una Tanit/protome di cavallo, ma non ne sono certo):

PIC_3925.png

PIC_3927.png

Di silito venivano coniati sul bronzo con la testa di Kore a sinistra e toro stante a destra...e confermo,esistono comunque esemplari senza ribattitura.

Modificato da Falaride

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×