Jump to content
IGNORED

So cos'è ma vorrei mostrarvelo


Andrezangi
 Share

Recommended Posts

Non credo sia la stanza pertinente ma non sapendo dove pubblicare vi mostro qui  le foto di questo bilancino e relativi pesi monetali di appartenenza famigliare

 

 

bila1.jpg

bila6.jpg

bila5.jpg

^311A194D181E41DF32979E6CDBED56013C2EB99E296349267B^pimgpsh_fullsize_distr.jpg

bil2.jpg

bila7.jpg

  • Like 5
Link to comment
Share on other sites


per me a carino i pesi mi sembrano diversi tra loro intravvedo pesi di Genova o sbaglio? Mi sembrano molto ben conservati i pesi. Però nn me ne capisco molto

Link to comment
Share on other sites


se lo scopo del post è quello di  mostrare l'oggetto, senza secondi scopi,  probabilmente potrebbe ottenere maggior  visibilità in sezioni  quali  "piazzetta ......

dove provvedo a spostarlo

Link to comment
Share on other sites


Farò magari particolari dei vari pesi monetali....Molto difficile stabilire da quale ceppo del ramo materno provenisse l'oggetto...Siam sempre stati una famiglia di contadini possidenti/benestanti.... avevo un trisnonno fattore di una famiglia nobile locale, ma come giustamente avete detto i pesi sono di gran lunga precedenti all'attività del mio avo..

Link to comment
Share on other sites


Che bellezza. Complimenti. Ma in che metallo sono questi pesi? Sembrano ossidati pochissimo, come nuovi. Io ne ho alcuni in ottone, di poco più recenti, e il tempo ha lasciato i suoi segni. Ancora complimenti, buona domenica.

Link to comment
Share on other sites


Di fatto tra la metà del 700 e il primo decennio dell'800 i miei antenati rivestirono in qualità di sindaci il ruolo di amministratori.... Il comune era formato da Terre e Ville in base all'entità demografica... Alcune tra le Frazioni ( Terre) avevano una rendita autonoma, frutto dei capitali e del profitto ricavato dalla gestione, affittanze dei beni posseduti dalla Parrocchia e dai vari oratori locali.. i Sindaci e chi rivestiva incarichi civili si occupa di redigere il Libro dei Capitali et Incanti della terra in questione,,i miei antenati per oltre 60 anni si occuparono della gestione di tale patrimonio ( contratti di mezzadria, affitanze, dare e avere, prestiti e riscossione dei debiti che per accolazzione spesso gravavano alle spalle delle famiglie e discendenti per oltre 50 anni.. Questo bilancino potrebbe essere stato utilizzato per i vari pagamenti. Tra l'altro il periodo della monetazione Coincide

m1 (2).jpg

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


12 minuti fa, King John dice:

Ci hai mostrato un qualcosa di straordinario. Grazie.

Ci mancherebbe...per quanto posso collaboro volentieri anche io :-)

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Molto bello e ben conservato il bilancino

credo piu' '800 che '700 guardando i pesi. Non cosi raro come qualcuno ha detto, ma attraente e in ottime condizioni. 

Decisamente piu raro e molto interessante invece il libro dei Capitali e  incanti con probabilmente informazioni e dati preziosissimi per lo studio della storia  economica del periodo

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


12 ore fa, monetiere dice:

Guardando i pesetti appartiene alla fine del 1700 (intendo gli stemmi) complimenti! É un oggetto molto raro

Ciao.

Bell'insieme.

Considerando la presenza di un peso monetale del 20 lire italiane, sposterei la datazione al XIX secolo.

M.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


è anche possibile che vi siano dei pesetti in più rispetto al contenuto originale, alcuni non corrispondono al diametro delle varie sedi essendo più piccoli

Link to comment
Share on other sites


La scatola è di fabbricazione milanese, circa 1810-1830, interessante anche perché di provenienza "diretta", ossia non dal mercato. Ma dove abitava questa famiglia?

Saluti

Gzav 

Link to comment
Share on other sites


Il ‎19‎/‎06‎/‎2017 at 23:26, gzav dice:

scusa  del ritardo, pensavo ti fosse già arrivata la risposta... da quale ceppo famigliare provenga non lo so....ma sicuramente dalla provincia di brescia

 La scatola è di fabbricazione milanese, circa 1810-1830, interessante anche perché di provenienza "diretta", ossia non dal mercato. Ma dove abitava questa famiglia?

Saluti

Gzav 

Nel bresciano gzav :-)

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.