Jump to content
IGNORED

"Ecco l'euro!"


Layer1986
 Share

Recommended Posts

Tra l'ottobre '97 e il gennio '98, nei comuni di Fiesole e Pontassieve è stato attuato il progetto "Ecco l'Euro!" cioè un'introcuzione anticipata dell'euro.

Volevo sapere se le monete usate all'epoca devono essere considerati veri e propri euro da mettere in collezione.

Link to comment
Share on other sites


Io li chiamerei piuttosto Gettoni, tuttavia credo siano degni di restare in euro-collezione, come segni di un periodo di passaggio e di transizione dalla lira all'euro.

Link to comment
Share on other sites


beh chiamarle monete e' un po' eccessivo: in quel periodo i punti vendita abilitati mostravano un simbolo come quello per i buoni pasto in poche parole e li' si potevano usare. esiste una ''moneta'' da 1 euro una da 1/2 e anche una ''banconota'' da 3 euro.

(il cambio virtuale era 2000:1 e non 1936,27)

esistono moltissimi siti che ne parlano, segnalo un link:

http://www.emorisaliti.com/vari/pagine/euro.htm

Link to comment
Share on other sites


E' tutto giusto quello che avete detto meno che una cosa........non chiamatele MONETE non hanno nulla a che vedere con la Numismatica.

Poi ognuno è libero di collezionare cio che vuole!

Altrimenti anche quelli SLOVENI o i primi INGLESI sono una "fase" dell'euro ma una fase sbagliata!

Meglio mettere i puntini sulle i, altrimenti si crea confusione che gia ce ne troppa!

;)

Link to comment
Share on other sites


Altrimenti anche quelli SLOVENI o i primi INGLESI sono una "fase" dell'euro ma una fase sbagliata!

174738[/snapback]

Attenzione, quelle sono patacche che nessun negoziante accetterebbe. Queste invece hanno svolto la funzione di intermediari negli scambi di beni e servizi ed erano riconosciute da delle istituzioni (i due comuni toscani).

La differenza è enorme !

Link to comment
Share on other sites


Concordo con Mirko e Piergi, non possono certamente essere considerati monete, anche se sono d'accordo anche sul non confonderli con la famose serie di Euro-prova, che non hanno avuto nemmeno una parvenza di moneta circolante. Diciamo che sono gettoni che possono avere un loro valore storico, che in parte anch'io gli riconosco, anche se non li colleziono. Chissà, magari un giorno questa maggiore dignità rispetto alla classica patacca coniata a puro scopo speculativo gli verrà riconosciuta...

P.S.

Qui si parla dei due comuni toscani, ma in realtà gettoni per abituare la gente all'Euro sono stati usati in parecchi comuni italiani. Quelli di Fiesole e Pontassieve sono solo i più facili da reperire.

Link to comment
Share on other sites


Chissà, magari un giorno questa maggiore dignità rispetto alla classica patacca coniata a puro scopo speculativo gli verrà riconosciuta...

174778[/snapback]

Lo spero vivamente :rolleyes:

Link to comment
Share on other sites


La differenza sta nel fatto che i buoni furono emessi dall'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato ed erano "legali" ...quindi un po' di differenza con le patacche c'e'.... anche se pure io non li ritengo di grande valore numismatico.

Link to comment
Share on other sites


Altrimenti anche quelli SLOVENI o i primi INGLESI sono una "fase" dell'euro ma una fase sbagliata!

174738[/snapback]

Attenzione, quelle sono patacche che nessun negoziante accetterebbe. Queste invece hanno svolto la funzione di intermediari negli scambi di beni e servizi ed erano riconosciute da delle istituzioni (i due comuni toscani).

La differenza è enorme !

174750[/snapback]

Sì ma secondo questo principio i buoni pasto, ad esempio, sarabbero paragonabili a banconote...

Diciamo che non erano patacche, sicuramente nemmeno monete.

Link to comment
Share on other sites


Non conosco la definizione esatta di gettone, ma mi sembra che quello a cui facciamo riferimento sia molto calzante.

Se per gettone intendiamo un oggetto che può essere scambiato con un bene o un servizio (tipo quelli del telefono o dell'autolavaggio), direi che "Ecco l'Euro" sono proprio dei gettoni messi a disposizione da alcuni comuni per familiarizzare con la futura moneta.

Comunque da non confondersi con le Europatacche, le quali non possono essere chiamate gettoni, in quanto non possono essere usate per usufruire di un bene o un servizio.

Link to comment
Share on other sites


Paragone?!?!

Banconote e Miniassegni!

I miniassegni avevano un "valore" in tutti Italia (credo) ma qualunque commerciante poteva rifiutarsi di accettarli.

E non credo si possano chiamare Banconote!

Gettoni è giusto,patacche no! Infatti non l'ho chiamate cosi.

Basta che non le si chiamino Monete tutto il resto va bene, ci sono talmenti tanti tipi di Euro da collezionare e ne usciranno altrettanti......... ;)

Edited by favaldar
Link to comment
Share on other sites


Nessuno discute sulla loro bellezza; questa è soggettiva. Nemmeno sulla legalità della cosa (anche le europatacche sono spesso legali, anche se prive di valore di scambio).

Penso si stesse discutendo sul significato numismatico di queste emissioni pre-euro; cioè se può essere assegnato loro l'appellativo di MONETA o BANCONOTA, piuttosto che GETTONE e BIGLIETTO.

Link to comment
Share on other sites


Nessuno discute sulla loro bellezza; questa è soggettiva. Nemmeno sulla legalità della cosa (anche le europatacche sono spesso legali, anche se prive di valore di scambio).

Penso si stesse discutendo sul significato numismatico di queste emissioni pre-euro; cioè se può essere assegnato loro l'appellativo di MONETA o BANCONOTA, piuttosto che GETTONE e BIGLIETTO.

175202[/snapback]

il cartaceo potrebbe è una via di mezzo tra mini assegno e "buono": legalmente utilizzabile nei negozi aderenti alla convenzione.

si potrebbe parlare di documento di legittimazione o definizioni simili, ma si perderebbe un po' il fascino.

sicuramente non è moneta perchè al momento in cui circolavano, in europa avevano corso legale le varie monete nazionali.

Link to comment
Share on other sites


Nemmeno sulla legalità della cosa (anche le europatacche sono spesso legali, anche se prive di valore di scambio).

Le europatacche non sono "legali", perchè non sono state emesse e non hanno lo scopo di servire da mezzo di scambio.

se può essere assegnato loro l'appellativo di MONETA o BANCONOTA, piuttosto che GETTONE e BIGLIETTO.

La risposta a questa domanda sta scritta sul biglietto stesso: "Buono emesso dai comuni di Fievole e Pontassieve, spendibile solo negli esercizi convenzionati ubicati nei due comuni. Non rappresenta moneta a corso legale".

Link to comment
Share on other sites


Le europatacche non sono "legali", perchè non sono state emesse e non hanno lo scopo di servire da mezzo di scambio.

Non ho detto che abbiano "corso legale".

Per "legali" si intende che la loro esistenza non contravviene a nessuna legge.

In effetti non è illegale possederle, in quanto non sono dei FALSI e non hanno la pretesa di esserlo.

Magari le europatacche fossero illegali e le ritirassero tutte dal mercato! <_<

Link to comment
Share on other sites


  • 3 months later...

Salve,

vorrei sapere cosa ne pensate riguardo all'idea

che mi son fatto la miniserie di Fiesole e Pontassieve.

A mio parere sono da considerarsi gettoni monetali

come quello da 20 centesimi del 1906(Esposizione

di Milano) e quello da 2 lire del 1928(Fiera di Milano),

in quanto gli unici riconosciuti da enti pubblici(i due comuni),

a cui si somma il riconoscimento e la partecipazione

economica dello Stato Italiano e della Comunità Europea.

Credo dunque che un giorno rientreranno anche in tutti i

cataloghi di numismatica,come i due esemplari del Regno.

Che ne pensate??

UN SALUTO A TUTTI! ;)

Link to comment
Share on other sites


Sinceramente a me non piace come tipo di collezionismo, ma se fossero veramente belli farei magari un'eccezione e li terrei semplicemente come curiosita' numismatica.

Una cosa che invece mi piace e' la banconota da 1 euro bozzetto di Carafa che trovo molto bello e anche interessante (fu proposto alla bce, ma tutti sappiamo che mai e' stato emesso un biglietto da 1 euro ...ne quello ne altri): sinceramente non so se e' mai stato stampato e nel caso in che tiratura... se ce ne fosse qualche esemplare in giro lo prenderei.

AntonioCarafa.jpg

qui la notizia.

Link to comment
Share on other sites


Scusami katayama,

preferiresti una banconota non ufficiale e non circolata,

a monete e banconota(quelli di Fiesole Pontassieve)

ufficiali e circolate per un anno e mezzo?? :rolleyes:

Link to comment
Share on other sites


Questo è il foglio illustrativo che accompagnava il "folder" dei suddetti "euro" nel quale sottolineano che si tratta di gettoni e buoni

img4528li9.th.jpgimg4529wn4.th.jpg

e questo è il "folder" :D

img4530ih7.th.jpg

Link to comment
Share on other sites


Almeno con questi buoni o gettoni si poteva acquistare la merce nelle cittadine o provincie abilitate, ma con le europrove circolanti oggi puoi acquistare un bel nulla oltre che non aver nessun valore intrinseco!

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.