Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
guastatore

curiosità 5 lire 1937 famiglia

Risposte migliori

guastatore

Salve  a  tutti

ringrazio  chi mi aiuta a capire perché  la moneta 5 lire argento  del 37 ha un valore così basso  anche se consideratalvolta rara...Penso che una tiratura  di sole 100000 e una guerra di mezzo avrebbero dovuto dare più valore a questa moneta

Grazie a tutti per i chiarimenti 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gallienus
19 minuti fa, guastatore dice:

Salve  a  tutti

ringrazio  chi mi aiuta a capire perché  la moneta 5 lire argento  del 37 ha un valore così basso  anche se consideratalvolta rara...Penso che una tiratura  di sole 100000 e una guerra di mezzo avrebbero dovuto dare più valore a questa moneta

Grazie a tutti per i chiarimenti 

Secondo me la guerra è proprio uno dei fattori che ne ha tenuto il valore basso. Perché queste monete hanno circolato poco - e si trovano difatti solitamente in buona conservazione - e sono state tesaurizzate subito, per cui i 100mila pezzi (che non sono pochi) sono praticamente giunti tutti fino a noi.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tm_NPZ

Che sia da spostare nella sezione degli approfondimenti? :) La stessa domanda me l'ero posta anche io :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ilnumismatico
6 ore fa, guastatore dice:

Salve  a  tutti

ringrazio  chi mi aiuta a capire perché  la moneta 5 lire argento  del 37 ha un valore così basso  anche se consideratalvolta rara...Penso che una tiratura  di sole 100000 e una guerra di mezzo avrebbero dovuto dare più valore a questa moneta

Grazie a tutti per i chiarimenti 

Ciao e benvenuto nel forum!

La domanda è molto interessante, infatti  ogni tanto rispunta fuori in questa sezione sotto diverse angolature (ad esempio per gli altri spezzati monetali).

Un particolare molto importante, che solitamente come collezionisti di monete (inteso come denaro metallico), molte volte potremmo dare per scontato, è che il "vero denaro", quello che circolava in maniera veramente intensiva, era la cartamoneta. 
ormai la moneta metallica contenente argento era come giustamente già scritto, ampiamente tesaurizzata.
Pensiamo a questi semplici rapporti:
Mentre l'aquilotto fu coniato in qualche decine di milioni di esemplari, la fecondità superò di poco il solo milione di pezzi.
Quindi l'emissione argentea dell'impero potrebbe più essere equiparata ad un'emissione "commemorativa" che ad una emissione atta a soddisfare le reali necessità richieste per la circolazione monetaria.

Le 5 lire che invece hanno avuto ampissima circolazione, oltre l'aquilotto per il primo periodo, erano le banconote. 

Questi i due nuovi tipi che furono emessi appositamente per VEIII (precedentemente si continuò a stampare il biglietto con l'effigie di Umberto I)

Il primo tipo (chiaramente in stile "liberty") fu stampato in più di 100 milioni di esemplari, mentre il secondo, dichiaratamente "imperiale" e perfettamente in sintonia con la propaganda fascista del tempo, in ben 300 milioni di esemplari.

Alcune considerazioni.
mentre l'aquilotto è reperibile anche in conservazioni molto molto basse, diversa è la situazione per il caso del 5 Lire "fecondità". 
Il 36 si trova difficilmente in bassissima conservazione, ma in altissima conservazione è reperibile con un po di pazienza ed occhio.
Anche per il 37 analoga situazione, difficilmente reperibile in uno stato conservativo veramente impeccabile.
Segno quindi che non hanno avuto diffusa circolazione come invece l'aquilotto.

Diverso il discorso per le banconote. 
Se il primo tipo è facilmente reperibile in assoluto FdS, a fronte di un costo non esoso ma cmq non indifferente, il secondo tipo si trova decisamente a prezzi molto molto più ristretti.

Quindi la rarità del 5 lire 1937 è un po da prendere con le pinze, diciamo come la rarità della lira del 1916... 
personalmente la ritengo più sul NC (diciamo che non è comune come l'aquilotto).

Potrebbe essere considerata rara in FdC. In molti anni, ne ho viste assai poche in altissima qualità per questo millesimo.
Ed il prezzo richiesto, non era proprio in linea con i cataloghi... ;) 

Personalmente, ho ampliato la collezione di VEIII anche alla cartamoneta. Dal punto di vista collezionistico, ovviamente secondo me, non si possono scindere le tue tipologie monetali, che per me sono complementari.
Un saluto a tutti,

 

Fab

zRDucA.jpg

Foto 19-04-16, 18 57 06.jpg

Modificato da ilnumismatico
  • Mi piace 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ilnumismatico

Se siete d'accordo, sposterei discussione in approfondimenti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

azaad

Credo anch'io che questa particolare moneta, nonostante tutto, sia stata coniata per la circolazione, sia per il 1936 che per il 1937. Molto probabilmente, i relativamente pochi esemplari emessi vennero quasi subito tesaurizzati dal primo che li riceveva, rendendoli comini nonostante la scarsa tiratura. 

Un discorso simile, ad esempio, si può fare per le 500 lire d'argento. Gli ultimi anni, quando il valore dell'argento si avvicinava pericolosamente al valore nominale, gli esemplari furono brutalmente tesaurizzati, tanto che gli ultimi anni sono comuni e facilmente reperibili in FdC, al contrario dei primi anni, quando la moneta, anche se d'argento, era regolarmente spesa.

In poche parole, una moneta in metallo pregiato, emessa per la circolazione in un periodo di crisi (vuoi per guerra o inflazione) viene tesaurizzata e diventa comune, anche se emessa in un numero non impressionante di esemplari.

 

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

min_ver

La ragione della mancata circolazione del 5 lire famiglia va ricercata sia nella loro simbologia, che le portava ad essere regalate e tenute nei cassetti, sia nel fatto che nel 1930 i 5 lire Aquilotto come monete destinate agli scambi commerciali furono sostituiti da una copiosa emissione di biglietti di stato. Gli stessi Aquilotti non furono invece oggetto di tesaurizzazione in quanto emesse in elevato numero di esemplari (oltre cento milioni di pezzi) e molto attese alla loro emissione nel 1926, dato che col crescere dell'inflazione nel ventennio i tagli inferiori non erano sufficienti e i 5 lire precedenti (peraltro emessi in tempi più remoti, 1911 e 1914) non molti le potevano possedere stanti il loro peso e soprattutto la loro cospicua tesaurizzazione fin dall'inizio. Questo spiega anche perché si trova più facilmente una quadriga 1914 in SPL che in MB. 

Modificato da min_ver
Typo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora


Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×