Jump to content
IGNORED

Solo cartaceo o......??


Recommended Posts

Mi farebbe piacere conoscere la vostra opinione su di un quesito che mi pongo da molto tempo.

Volendo continuare una ciclica compilazione della bibliografia numismatica è sempre più evidente che molti contributi importanti si trovano anche online. Finora ho preferito elencare soltanto le opere (monografie, articoli, ecc.) cartacee ma oramai i contributi online sono preponderanti, basti pensare anche al nostro forum dove sono memorizzati degli articoli molto importanti che meritano di essere segnalati. Sarebbe lungo elencare i siti dove sono presenti contributi online: i materiali online del Portale dello Stato; Academia.edu, ma ce ne sono molti altri. Il dubbio è molto evidente: è il caso di citare opere che potrebbero essere rimosse e “sparire” nel “nulla” senza lasciar traccia?

Quindi la domanda è:

-         Continuare ad elencare soltanto i contributi cartacei

-         Inserire nello stesso elenco anche gli art. online (con una dicitura particolare)

-         Creare a parte un elenco di contributi che si trovano solo sul web

Ringrazio tutti quelli interverranno argomentando il proprio parere.

Link to comment
Share on other sites


porto un parere e una vicenda personale a supporto.

personalmente sono un amante del cartaceo, ma i tempi progrediscono, e il cartaceo non sempre riesce a rispondere alle esigenze del mondo in evoluzione, così accade che ottimi articoli, con ottimi contenuti, siano pubblicati solo online...

il mio esempio è emblematico

quando decisi di lavorare sul "Sirmium Group", pensai... " se ne faccio un libro, in Italia lo compreranno in 15" :) ... ed è così, spesso le "nicchie" finiscono per massacrare il povero editore che  investe per un mercato minimo...

decisi allora di fare un lavoro interamente libero su academia.

da gennaio 2016 ad oggi ho avuto circa 400 contatti su quel "paper", i quali mi hanno portato a collaborare con il museo nazionale di Budapest e con l'università di Varsavia.

è un testo stampato NO

è un testo scritto con cura .... probabilmente si, visti i risultati...

merita una citazione... a mio avviso SI

ho fatto l'esempio su di me perché mi era molto facile, ancora oggi ne sono stupito, MA questo vale per un'infinità di testi, quindi per come la vedo io, SI vanno inseriti, e SI nel medesimo elenco ma con una specifica dicitura....

è un punto di vista, ma accetto le Vs critiche ;)

  • Like 4
Link to comment
Share on other sites


Il mondo evolve e anche i testi seguono il corso. A mio parere possono convivere ambedue le realtà.  La numismatica è un settore di nicchia. I libri di numismatica non sono romanzi rosa o noir. Il cartaceo numismatico ha costi sicuramente alti perché c'è poca richiesta, ma ci sono ancora editori che riescono a contenere i costi per cui i libri risultano ancora abbordabili. È pur vero che il digitale è più a portata di mano. In poco spazio, se catalogati bene, possiamo avere tantissime notizie.  Per chi vuole c'è sempre la possibilità della stampa. Sarò ancora retrogrado ma per me i libri di "carta" hanno un fascino. Ma io mi avvicinò ai 60 mentre per i giovani "smanettare" con il web è  più naturale. 

Link to comment
Share on other sites


Se non hanno un identificatore univoco, tipo il DOI oppure un handle, le pubblicazioni digitali potrebbero col tempo non essere più raggiungibili (links non più funzionanti per varie ragioni).

E ciò vale ancora di più per le risorse gratuite, che potrebbero essere nel tempo meno "stabili".

Per questo, a mio parere, l'inserimento di pubblicazioni online negli aggiornamenti futuri della bibliografia non sembra un'idea vantaggiosa, perché si correrebbe il rischio di avere sul supporto cartaceo, destinato a durare nel tempo, indicazioni relative a risorse non più disponibili.

Piuttosto proprio perché, come hai giustamente ricordato, ci sono molti validissimi contributi in formato solo digitale, io li vedrei meglio indicizzati a parte, in uno spazio web loro dedicato, sfruttando le potenzialità di una qualche piattaforma... perché no?.. magari della stessa lamoneta.

Questo permetterebbe anche all'amministratore-curatore di tale bibliografia online di operare integrazioni in tempo reale, oppure rettifiche per esempio nel caso di links modificati.

Naturalmente è solo il mio parere.

Link to comment
Share on other sites


Il post di Liutprand è di grande importanza perchè tocca un tema secondo me centrale nel futuro degli studi numismatici, le bibliografie sono portali di accesso indispensabili al pubblicato e nei tempi attuali, permeati sempre di più dalla rivoluzione informatica, sono in fase di profonda revisione tecnica. Da qualche anno mi sto occupando della produzione e tenuta di una bibliografia numismatica digitale che raccoglie tutti i contributi inerenti agli ambiti da me prescelti, laddove il contributo è presente online creo il link alla o alle pagine che lo ospitano, credo che ormai la scienza bibliografica richieda sempre più l'utilizzo di programmi ad hoc che permettono aggiornamento costante e incremento informativo delle singole schede bibliografiche, una singola scheda bibliografica in formato cartaceo molto raramente potrà estendersi oltre i dati essenziali come titolo, autore e casa editrice, in formato digitale si può arricchirla di un abstract o dell'immagine degli indici e della copertina in caso di monografia, il che significa aiutare gli utenti a orientarsi meglio nella comprensione del contenuto dei testi, capire attraverso abstract e indici se quel particolare contributo può essere di interesse o meno, forse l'obiettivo più importante che la scienza bibliografica dovrebbe perseguire, a tal fine in una bibliografia digitale sono fondamentali anche le possibilità di indicizzazione non solo per titoli e autori, come da tradizione, ma anche per soggetti cioè per tags che possono essere creati ad hoc secondo l'ambito numismatico che si sta curando, anche in maniera molto dettagliata e specifica con un potenziamento molto efficace della precisione euristica. Io mi sto occupando tramite un programma di reference management presente online della bibliografia numismatica delle zecche dell'Italia meridionale e di un'altra bibliografia numismatica inerente il tardo impero romano, l'impero romano orientale, ostrogoti e longobardi, oriente latino e stati crociati; l'obiettivo è di trovare alleati per estendere gli ambiti numismatici da bibliografare, penso alle altre zecche italiane, alla Magna Grecia e alla Sicilia antica, alla Repubblica Romana e al primo impero per citare solo ambiti particolarmente rilevanti e di immediato interesse qui in Italia. Si tratta di un lavoro immane anche tenendo presente che la tenuta di una bibliografia digitale è un lavoro a tempo pieno cui attendere quotidianamente, il mio contributo per il momento può essere consultato solo dal portatile presente nel mio studio biblioteca e che metto a disposizione degli studiosi interessati, non è solo una bibliografia ma avendo anche il link o in alcuni casi il file testo salvato è più precisamente una bibliografia/biblioteca digitale.     

WP_20170703_13_04_09_Pro.jpg

WP_20170703_13_04_37_Pro.jpg

WP_20170703_13_08_43_Pro.jpg

WP_20170703_13_12_50_Pro.jpg

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Intanto ringrazio quelli che hanno espresso le loro interessanti opinioni. Spero che arriveranno altri contributi.

Link to comment
Share on other sites


  • 4 weeks later...

Secondo me è meglio censire solo gli studi pubblicati su supporto cartaceo perché, come più volte qui scritto, la pubblicazione on line non è per sempre, a differenza di quella cartacea.

Faccio un esempio. Poniamo il caso che Il giornale della numismatica on-line debba chiudere (che dio ci scampi!) e di conseguenza il sito non esista più: tutti gli articoli pubblicati andranno irrimediabilmete persi e la segnalazione di essi in una pubblicazione sarebbe inutile. Cosa che non è accaduta con la chiusura del Giornale della numismatica, stampato fino a qualche anno fa perché presente nelle noste biblioteche e, cosa più importante, in quelle pubbliche.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Dipende anche dal tipo di bibliografia, in un formato tradizionale cartaceo lo spazio è limitato e quindi converrebbe registrare solo pubblicazioni in formato durevole, una bibliografia digitale con la possibilità di allegare link ai testi e di aggiornare costantemente le schede bibliografiche consente una repertoriazione integrale di tutti i testi sia in formato durevole che in formato digitale e in remoto.

Link to comment
Share on other sites


  • 5 weeks later...
10 ore fa, demonetis dice:

Ciao @Liutprand, alla luce di questa discussione, hai deciso come strutturare il tuo prossimo aggiornamento della BNI?

Ciao, speravo di avere più pareri. I dubbi restano: da un lato sono convinto che una bibliografia debba offrire soltanto contributi certi e indelibili...quindi cartacei. Continuo però a pensare ai tanti contributi online, alcuni dei quali molto meritevoli. Insomma dubbio amletico....

Link to comment
Share on other sites


In effetti la caratteristica instabilità del web rende il lavoro di censimento e classificazione dei suoi contenuti piuttosto precario, tuttavia è un cimento necessario e irrinunciabile data la sua enorme rilevanza ai fini di qualsivoglia ricerca in ogni ambito, è possibile farlo con strumenti adatti, a contenuti digitali e volatili si adattano database digitali ad aggiornamento costante ed ampliabili senza problemi, serve insomma una manutenzione continua che si occupi non solo dell'aggiornamento del materiale bibliografico nuovo ma anche delle schede bibliografiche già preparate con il controllo dei link e la loro eventuale modifica, nella mia bibliografia digitale oltre ai link ai testi cerco di salvare anche i files dei testi più importanti in modo da assicurare più stabilità ai contenuti.

Link to comment
Share on other sites


  • 1 year later...

Forse l’ideale e’, se possibile, sempre la doppia modalità, col Gazzettino ci siamo mossi in questa direzione, certamente penso che il digitale, non fosse altro per i costi, prenderà sempre più piede, chi procede, anche le due riviste cartacee nazionali in cartaceo oggi, e’ quasi un resistente e lunga vita a loro ...

Link to comment
Share on other sites


Indubbiamente il web offre il vantaggio di una diffusione immediata e capillare senza eccessivi costi, invece il cartaceo ha dei costi e non sempre è reperibile da tutti, come detto da @dabbene il mix delle due cose sarebbe l'ideale, ma io comunque rimango per avere il cartaceo da sfogliare, ove non si potesse anche il web aiuta tanto.

Pertanto ritengo giusto avere una libreria con dei volumi e delle riviste da poter sfogliare a piacimento, la tangibiltà non ha eguali, ma avere altresi collegata anche una libreria digitale con articoli o altro non è un peccato ed anzi integra sempre quella cartacea.

Io ho infatti i miei libri e riviste, quando posso ne acquisto sempre altri da poter leggere, ma accanto ho anche una piccola memoria esterna del PC dove salvo tutto quello che mi interessa riguardante la numismatica, comepre le foto delle monete che nel tempo ho visto nei miei viaggi.

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


  • 2 months later...

Il cartaceo non ha eguali resterà comunque ai posteri come memoria di un tempo che creava arte e manualità...

La cosa incredibile e che le nuove generazioni, richiedano nonostante nati da una cultura diversa, il cartaceo per apprendere il passato attraverso le sue manifestazioni espressive.

Vedo che lo è anche per altri ambiti come la musica e l'arte, dove molti giovani vanno alla ricerca dei vinili e dei libri d'arte.

Insomma un ritorno o una riscoperta del passato, come se l'era digitale avesse un po' stancato con la sua fredda e scontata visione..

P.s. Ovviamente cartaceo forever..

Eros

 

 

Link to comment
Share on other sites


  • 4 weeks later...

Riprendo questa discussione poiché l'aggiornamento della mia bibliografia 2015-2020 è in fase avanzata e devo prendere una decisione. Indubbiamente il quesito resta ma mi sembra che alcune realtà online siano oramai ineludibili, vista la loro permanenza e fruibilità. Per ora, ad esempio, ho deciso di inserire in bibliografia la serie dei "Materiali" del Portale Numismatico dello Stato giunti al n. 45. Ho preso questa decisione poiché è un portale istituzionale, quindi non ci dovrebbe essere il pericolo che i contributi vengano rimossi. Inoltre, come sappiamo e cosa non secondaria, i tomi possono essere salvati e stampati.                                                                                                                                                       

  Ovviamente mi farebbe piacere continuare a leggere i vostri pareri e a ricevere segnalazioni di opere online per le quali ricorrano le stesse caratteristiche dell'opera citata. Grazie a tutti per l'attenzione.

 

 

Edited by Liutprand
impaginazione errata
  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


  • 2 weeks later...

Ciao Bernardino, 

visto che lo chiedi a noi ti proporrei anche di valutare gli articoli dei primi tre Gazzettini che sono già digitalizzati sul sito di Accademia.edu.

A breve arriverà anche il numero 4.

In questo caso essendoci anche la pubblicazione cartacea la traccia comunque rimarrà .

Come sai io sono un grande fautore del cartaceo, il digitale lo vedo solo più in abbinamento delle due modalità, paradossalmente tra un po’ le nostre biblioteche specialistiche ormai verranno superate e condivise solo per i contributi recenti, un segno dei tempi coi suoi lati positivi e magari anche qualcuno no, bello per la divulgazione ma lo sfogliare le pagine dei tempi e’ sempre una sensazione e una grande emozione che non ha confronti ...tema comunque estremamente ampio

saluti,

Mario

http://independent.academia.edu/QGazzettini

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


@dabbene Gli articoli del Gazzettino sono già stati inseriti in Bibliografia in quanto cartacei.

Grazie Mario

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Credo anch'io che una selezione in base a rilevanza e probabilità di durevolezza dei contributi digitali sia da fare, soprattutto nella compilazione di bibliografie tradizionali non immediatamente aggiornabili in caso di mutazioni; riguardo il fascino del cartaceo a confronto con l'utilità del digitale credo ci siamo tutti espressi trovandoci sostanzialmente d'accordo, sono due ambiti complementari da integrare, il digitale non è solo più economico e di più facile accessibilità ma permette un qualcosa che è estremamente difficile da fare con mezzi tradizionali, cioè la concentrazione in un unico spazio di una moltitudine di contributi di ogni epoca sparsi e dispersi in altrettante moltitudini di periodici e pubblicazioni miscellanee, anche non inerenti la numismatica in maniera specialistica, concentrare tutto questo materiale in un un'unica sede è oltremodo costoso ed impegnativo e solo grandi istituzioni specializzate possono riuscirci, col digitale può riuscirci chiunque ci dedichi del tempo, il vantaggio enorme e assai proficuo è permettere l'accesso a tutto il pubblicato inerente un determinato tema, dai primi storici contributi fino ai più recenti e aggiornati, cosa di grande importanza ai fini di uno studio scientifico... 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


  • 1 year later...
Il 10/4/2019 alle 08:17, Liutprand dice:

Riprendo questa discussione poiché l'aggiornamento della mia bibliografia 2015-2020 è in fase avanzata e devo prendere una decisione. Indubbiamente il quesito resta ma mi sembra che alcune realtà online siano oramai ineludibili, vista la loro permanenza e fruibilità.

Buonasera @Liutprand, ha già deciso quale pubblicazione digitale inserire nell'aggiornamento della sua BNI oltre ai "Materiali" del Portale Numismatico dello Stato? Grazie.

Link to comment
Share on other sites


Salve @demonetis, per ora ho inserito solo i "Materiali", sulla cui fruibilità non ci sono più dubbi. Per il resto sto ancora decidendo, vedremo. Grazie per l'interessamento.

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


  • 1 year later...

Se posso dare anch’io un contributo

distinguerei quelli che sono ccontributi SOLO digitali ( ad esempio in riviste nate solo come digitali) dai contributi invece che appaiono in riviste, collane , pubblicazioni cartacee e poi vengonk riportati come estratti pdf su siti di ricerca quali Academia etc.

nel secondi caso e’ facile perche sono comunque apparsi in fisico sul cartaceo e quindi si riporta la fonte primaria. 
nel secondo caso si potrebbero riportare solo quelli che hanno un DOI (ISBN equivalent) ovvero la cui traccia e’ in qualche modo registrata reperibile. Per chiarezza raggrupperei tali contributi in una sezione a parte (“contributi digitali” ) per tenerli distinti da quelli tradizionali e per facilitarne la reperibilità. Tengo a precisare che ci sono diverse riviste che vengono pubblicate solo digitalmente ( tipo OMNI o il joyrnal of Oriental numismatics? Che offrono ottimi contributi 

Vi sonk poi casi particolari quali i bollettini degli Studi e Nateriali del Portale Numismatico dello Stato che per molto tempo sono stati disponibili solo in formato elettronico fino a quando - dopo una notevole campagna di persuasione (?) - finalmente il Poligrafico si e’ convinto a stampare i cartacei a partire da un certo bollettino in poi .  In realtà tutti i numeri sono stati prodotti a stampa ma in numero all’inizio limitatissimo per distribuzione ristretta. Quindi nella bibliografia tutti i Materiali possono trovare posto nella classificazione ortodossa convenuta. 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


  • 4 months later...

Disturbo il prof. Mirra @Liutprand, per chiedere quando è prevista la pubblicazione del secondo aggiornamento della BNI.

Cordialmente,

Alessandro.

Link to comment
Share on other sites


14 ore fa, demonetis dice:

Disturbo il prof. Mirra @Liutprand, per chiedere quando è prevista la pubblicazione del secondo aggiornamento della BNI.

Cordialmente,

Alessandro.

 

Diciamo...prossimamente. Ora sono impegnato in alcune iniziative, spero di pubblicare in settembre.

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


  • 2 weeks later...

@demonetis ti aggiorno. Ho deciso di pubblicare il nuovo aggiornamento con il Circolo di Nepi. Quindi credo che uscirà con il consueto numero di Appunti Numismatici nel prox gennaio.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.