Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
numes

10 Centesimi 1893 di Umberto I

Risposte migliori

numes

ho appena acquistato questa moneta:

http://cgi.ebay.com/ws/eBayISAPI.dll?ViewI...13977&rd=1&rd=1

qualcuno ne ha viste già di uguali? chi sa darmi dettagli storici?

è una contromarca d'epoca ? ( pare di sì a giudicare dalla patina uniforme)

A me affasciano queste cose, come le monete di Pio IX o Napoleone III cesellate per ottenerne effetti caricaturali e implicitamente/esplicitamente politici.

In questo caso ho pensato ad un collegamento coi fatti dell' 8 Maggio 1898

ne conoscete altre di analoghe? le trovo interessanti....c'è qualcuno che ha voglia di postarne?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

piergi00

Su un tema analogo ricordo questa discussione

http://www.lamoneta.it/index.php?showtopic...lo++contromarca

Se fai una ricerca troverai anche discussioni sulle monete con caricature

Personalmente considero queste monete con contromarche una curiosita' storica ma prive di interesse a livello numismatico

Modificato da piergi00

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numes

Grazie Pier il link, è stato utilissimo!

ora provo a cercare nel sito altre discussioni...

Anch'io le considero solo curiosità...ma mi piacciono :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numes

Nel Dizionario Biografico "Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese (1919-1945)" si legge che:

Aiazzi Amleto, da Paride e Laura Penna; n. il 27/1/1894 a Bologna. Operaio meccanico. Accusato

di propaganda comunista per avere inciso sulle monete da dieci centesimi l'emblema comunista

della falce e martello nelle officine Colombo di Milano, insieme al figlio Enrico *, con sentenza del

18/3/31 fu rinviato al Tribunale speciale. Ebbe 1 anno di reclusione.

Qualcuno sa di quali 10 centesimi si parla...quelli di Umberto I?

mi pare improbabile ...

questa contromarca di propaganda risulta apparire quindi su lle monete:

- 10 centesimi di Umberto I (la mia...al momento senza la conferma di altri esemplari)

- Buoni da 2 e 1 Lira del 1923-24 ( quelle di cui si parla nella discussione linkata da Piergi00)

- 10 centesimi di ?????? (come risulta dalla scheda postata sopra)

Domada da profano... negli anni '20 le monete di Umberto II erano ancora in circolazione?

Avete conoscenza che queste contromarche fossero fatte anche su altre monete?

Modificato da numes

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numes

le monete coniate a Milano di cui si parla nell'articolo del Varesi (vedi il link dell'altra discussione postato sopra) potrebbero essere quelle che coniava negli stabilimenti Colombo l'Aiazzi?

Intendo dire che oltre ai Buoni da 1-2 Lire, potrebbero essere frutto della medisima attività anche i 10 centesimi di Umberto I

Modificato da numes

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

niko
Nel Dizionario Biografico "Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese (1919-1945)" si legge che:

Aiazzi Amleto, da Paride e Laura Penna; n. il 27/1/1894 a Bologna. Operaio meccanico. Accusato

di propaganda comunista per avere inciso sulle monete da dieci centesimi l'emblema comunista

della falce e martello nelle officine Colombo di Milano, insieme al figlio Enrico *, con sentenza del

18/3/31 fu rinviato al Tribunale speciale. Ebbe 1 anno di reclusione.

Qualcuno sa di quali 10 centesimi si parla...quelli di Umberto II?

mi pare improbabile ...

questa contromarca di propaganda risulta apparire quindi su lle monete:

- 10  centesimi di Umberto II (la mia...senza altre conferme)

- Buoni da 2 e 1 Lira del 1923-24 ( quelle di cui si parla nella discussione linkata da Piergi00)

- 10 centesimi ?????? (come risulta dalla schede postata sopra)

Domada da profano... negli anni '20 le monete di Umberto II erano ancora in circolazione?

Avete conoscenza che queste contromarche fossero fatte anche su altre monete?

182683[/snapback]

1) Umberto II regnò un mese e non emise monete.

può trattarsi di Umberto I figlio di V.E.II e padre di V.E. III

2)negli anni venti c'era V.E.III.

le monete di Umberto I circolavano ma in numero limitato, in quanto furono ritirate dalla circolazione per sostituirli con i 20 centesimi di VEIII libertà librata.

3)la "lettera" è stata inviata nel 1894 perciò presumo si parli di U.I che in quel periodo era re, perciò i pezzi da 10 cent. di U.I

e come disse qualcuno prima di me:

"ma non diciamo strunzate..."

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numes

Oh mamma, ma dai...è un evidente refuso! è sempre e solo di Umberto I che si parla!! ....abbi per me "la pietà che l'vom all'vom più deve" :P

CORREGGO IL POST PRECEDENTE PER EVITARE CONFUSIONI NELLA LETTURA DELLA DISCUSSIONE

comunque grazie per la risposta 2)

quindi dal 1908 i 10 centesimi di Umberto I non circolavano più con corso legale

la 3) invece non l'ho capita...ma continuo ad appellarmi al Pascoli! ;)

Buon Nataleeee!!!

Modificato da numes

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

niko
Oh mamma, ma dai...è un evidente refuso! è sempre e solo di Umberto I che si parla!!  ....abbi per me "la pietà che l'vom all'vom più deve" :P

CORREGGO IL POST PRECEDENTE PER EVITARE CONFUSIONI NELLA LETTURA DELLA DISCUSSIONE

comunque grazie per la risposta 2)

quindi dal 1908 i 10 centesimi di Umberto I non circolavano più con corso legale

la 3) invece non l'ho capita...ma continuo ad appellarmi al Pascoli! ;)

Buon Nataleeee!!!

182814[/snapback]

per questa volta ti perdono! :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numes

E' il "rosso" che divenne dal 1848 simbolo dei movimenti operai e dal 1864 dell’Internazionale socialista.

La falce e il martello verranno adottati dai partiti della Seconda Internazionale (1889) come emblemi del lavoro assieme all’incudine, le ruota, la vanga….ma “incrociati” sembra che appaiono solo in Russia nel 1917-18 come simbolo dell’Armata Rossa.*

La “falce e martello” è quindi simbolo del Comunismo ed è relativamente recente.

Si direbbe che l'autore della contromarca debba essere un militante del Partito Comunista Italiano (fondato nel 1921)

Penso che la moneta, benché di Umberto I, sia stata contromarcata:

1) assieme ai Buoni da 1 e 2 Lire

oppure

2) tra quelle coniate a Milano dall'Aiazzi e che nel capo d'imputazione si dichiarano essere " dieci centesimi"

Ovviamente L'Aiazzi potrebbe essere anche uno degli l'autori, o l'unico autore, di quelle citate nell'articolo di Varesi come coniate a Milano, magari in tempi differenti: i Buoni intorno al '23-'24, i dieci centesimi intorno al '29-'31

* anni fa ci fu una polemica, con evidente rilevanza politica, tra Craxi e Angius riguardo l’origine bolscevica della falce e martello …allora la cosa si concluse con un secco 2-0, ma credo che meriterebbe un’ulteriore verifica

( magari la cosa interessa a qualcuno potrebbe svilupparla nella sezione di araldica )

Modificato da numes

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×