Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
apollonia

Statere di Festo, Creta

Risposte migliori

apollonia
Supporter

La moneta molto rara (NAC 88) raffigura sul diritto il gigante Talo con una pietra in entrambe le mani.

Secondo il mito, Talo era un gigante di bronzo incaricato da Minosse di sorvegliare l’isola, mettendo in fuga i nemici che tentavano di sbarcarvi scagliando enormi pietre contro di loro o anche, dopo essersi buttato nel fuoco fino a una temperatura molto elevata, schiantandosi su di essi stritolandoli e bruciandoli.

1847399567_StaterediFestoNACgiganteTalos1874217l.jpg.f0c55b1bebee878ff5a3142eeeff2caf.jpg

Greek Coins 
Phaestus 
Stater circa 300-270, AR 11.32 g. T – AL – WN Naked Talos, with spread wings, standing facing and holding stone in each hand. Rev. FAISTIWN Bull butting r. Svoronos, Créte, pl. XXIV, 24 (these dies). Le Rider, Monnaies Crétoises, pl. XXIV, 4 (these dies). Dewing 2080 (this obverse die).
Extremely rare and among the finest specimens known. A very interesting and unusual
obverse representation struck in high relief on unusually good metal.
Lovely old cabinet tone and extremely fine Ex Leu 22, 1979, 113 and Triton III, 1999, 464 sales.
From the M. A. Sinton collection.
 

In the early history of the Greeks the island of Crete was of great importance: not only did tradition identify it as the birthplace of Zeus, but the island's Minoan culture was one of the earliest literate civilizations of Greece. Unfortunately, the early Minoan culture had suffered nearly complete destruction by 1200 B.C. and the island never recovered its former Bronze Age glory.
Even after Greece emerged from its Dark Age, Crete was underdeveloped. Indeed, the Cretans did not strike their first coins until at least a century after their trading partners in Central Greece. With a distinctive culture and relative isolation, however, it was certain that when the Cretans began to produce coinage, something intriguing would result.
Probably the main reason the Cretans had not issued coins earlier in their history was because they had no indigenous sources of gold and silver so they had to rely entirely on external sources. Before the time of Alexander III the main supply of coin silver was the ‘turtles’ of Aegina, the powerful maritime state which had established a colony on Crete at Cydonia.
Most early Cretan coins are overstruck on Aegina ‘turtles’ and then later Cretan coins often are overstruck on the earlier Cretan coins, thus producing a third generation of coinage from one planchet. In this respect Crete was truly an island economy, as there was intensive recycling of coinage and little evidence for the export of its own coin types.

With the decline of Aegina, and the rise of the Macedonian Kingdom under Philip II and Alexander III, many new coin types were imported to Crete. Fuelled by a need to replace the dwindling supply of 'turtles', and inspired by the return of Cretan mercenaries from abroad with pay in hand, Crete was poised for a quantum leap in its coinage.
The most prolific Cretan issues were struck at 28 mints in the period 330-280/70 B.C., made possible by the campaigns of Alexander and the wars of his successors, all of which provided wealth and opportunity for Cretan mercenaries. Many Cretan issues are either remarkably original or blatantly imitative of other Greek coins. The level of artistry employed varied so greatly as to contain true masterpieces and barbaric atrocities with inscriptions that often are retrograde. This is equalled in no other area of Greek numismatics and is one of the most engaging aspects of the island’s coinage.
The most remarkable engraving on Crete was done for the city of Phaestus, which produced a series of tetradrachms of great artistry and typology during the first 50 years of the Hellenistic period. The reverses – as here – usually show a bull, but the obverses depict a variety of subjects, including Heracles seated or attacking the Lernean Hydra, the local hero Velchanus seated, and a naked, winged male figure (Talus) holding two round stones, one of which he prepares to hurl.
Talus was a fearsome, winged creature made of bronze who circled the island three times a day in performing his duty to Zeus, who had sent him there to protect Europa. When Talus encountered anyone attempting to land on the island he would capture them and subject them to a fire, into which he would willingly leap, deriving great pleasure in the pain he caused. Though usually successful in his efforts, when he tried to prevent the Argonauts from landing Talus perished, either from the use of witchcraft or a well-aimed arrow from the bow of Heracles.

 

2017873030_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.7330763b0c876ce75656a77efaa7aa1d.jpg

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apollonia
Supporter

La gigantesca statua vivente fu creata da Efesto per Zeus che, prima di tornare sull’Olimpo, ne fece dono ad Europa affinchè sorvegliasse l’isola dove dal loro amore erano nati Minosse re di Creta, Radamanto, giudice degli inferi e l’eroe Sarpedonte.

talos2-1-243x300.jpg.e274d36d6e008ad12a782fb132a3d625.jpg

Talo era invincibile, tranne in un punto della caviglia, dove era visibile l'unica vena che conteneva il suo sangue. La leggenda vuole che quando la spedizione degli Argonauti giunse sull’isola, sia stato reso pazzo da Medea e ucciso dall’argonauta Peante che trafisse la sua vena con un colpo di freccia. Un'altra versione narra che il gigante sia morto per la fuoriuscita del sangue, causata però dall'urto della caviglia con una roccia.

Secondo il mito, Zeus lasciò altri due doni ad Europa, precisamente Lealaps (Lelapo in italiano), un cane addestrato tanto veloce che nessuna preda riusciva a sfuggirgli, e un giavellotto dalla mira infallibile.

 

1635160320_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.5dd7161bbda71c5f578d766ff522a3d3.jpg

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apollonia
Supporter

Della NAC 106, maggio 2018, anche questo statere di Festo del tipo Talo-Toro, già comparso nella Gorny & Mosch 225 del 2014.

Numismatica Ars Classica NAC AG, Auction 106, lot 1202, 09.05.2018.

1157364462_StatereTaloToroNACexGorny3928688l.thumb.jpg.9990a3dc6ba08066f4e6683c30dad501.jpg

Greek Coins 
Phaestus. Stater circa 350-330 BC, AR 11.82 g. Talos standing facing, with spread wings and head r., extending his l. and hurling a stone with his r.; between his legs, dog r. Rev. Forepart of bull r. Le Rider pl. XXI, 1. Svoronos 6.
Very rare. Old cabinet tone and about very fine / fine
Ex Gorny & Mosch sale 225, 2014, 1499.

 

C’è un cane tra le gambe di Talo: potrebbe essere Lelapo, il cane addestrato tanto veloce che nessuna preda riusciva a sfuggirgli donato da Zeus ad Europa.

 

201958542_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.0b720b7a7caba26c0b2dc295ef3fe42a.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apollonia
Supporter

A titolo informativo, l’esemplare NAC 106 del 2018 stimato 500 CHF è stato assegnato all’80% della stima (ca. 355 €).

Nell’asta precedente della Gorny & Mosch 225 del 2014 citata nella didascalia, la stima era di 300 € e l’hammer di aggiudicazione 1300 €.

 

995652623_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.91939e939e9394546cea99eb4684f0fb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa
Supporter

Bellissima la leggenda di Talos. Grazie Apollonia per avercela riportata all’attenzione. Vendite recenti per lo statere  di Festo con Talos? 

Modificato da numa numa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apollonia
Supporter

Di nulla. Anzi, poi aggiungerò qualcosa sullo sviluppo del mito.

Prossimamente è in programma alla Künker 312 del prossimo ottobre questo esemplare

238445549_StatereFestoKunker4303107l.thumb.jpg.8770c604618e5b9f973a397e9714b70f.jpg

CRETA. PHAISTOS. AR-Stater, 350/330 v. Chr.; 10,00 g. Kopf der Europa r.//Stierprotome r. Le Rider vergl. Pl. XXI, 5 f.; Slg. Traeger -; Svoronos 7.
RR Vorzüglich
Exemplar der Sammlung Prof. Wiemers, Auktion Kricheldorf 49, Freiburg 2017, Nr. 102; zuvor erworben 2001 bei der Nomos AG.

Estimate: 12'500 EUR   |   Starting price: 10'000 EUR

 

325648182_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.c1d3ad3287731d2bfbf50dc83a1ab4f0.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apollonia
Supporter

Alla Leu Numismatik Web Auction 5 del prossimo settembre sarà battuta una dramma della stessa zecca.

2081030459_DrammadiFestoLeu4329650l.thumb.jpg.e923527a9971277266c7ba7d6bd3c400.jpg

Estimate: -   |   Starting price: 200 CHF

A very rare drachm from Phaistos
CRETE. Phaistos. Circa 360-320 BC. Drachm (Silver, 19 mm, 5.95 g, 11 h). Youthful male head (of Herakles?) to right. Rev. Facing bull's head. BMC -. McClean 7171 (same dies). SNG Copenhagen -. Svoronos, Crète, p. 259, 27. Weber -. Very rare. An interesting issue with a youthful head of enchanting style. Graffito of ΛO on the obverse, otherwise, very fine.

From a European collection, formed before 2005

 

1345454958_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.a304d10b9a2e68056312bcc3836e7319.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa
Supporter
40 minuti fa, apollonia dice:

Di nulla. Anzi, poi aggiungerò qualcosa sullo sviluppo del mito.

Prossimamente è in programma alla Künker 312 del prossimo ottobre questo esemplare

238445549_StatereFestoKunker4303107l.thumb.jpg.8770c604618e5b9f973a397e9714b70f.jpg

CRETA. PHAISTOS. AR-Stater, 350/330 v. Chr.; 10,00 g. Kopf der Europa r.//Stierprotome r. Le Rider vergl. Pl. XXI, 5 f.; Slg. Traeger -; Svoronos 7.
RR Vorzüglich
Exemplar der Sammlung Prof. Wiemers, Auktion Kricheldorf 49, Freiburg 2017, Nr. 102; zuvor erworben 2001 bei der Nomos AG.

Estimate: 12'500 EUR   |   Starting price: 10'000 EUR

 

325648182_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.c1d3ad3287731d2bfbf50dc83a1ab4f0.jpg

Che brutto... 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apollonia
Supporter

Già, per non dire osceno. Europa sembra aver subito un intervento di rinoplastica, con aggiustamento delle labbra alla Belen Rodriguez e stiramento delle palpebre. Il muso del toro sembra dotato di una mini proboscide: che abbia subito anche lui un intervento di rinoplastica? Chissà che ne pensa il collezionista prof. Wiemers che se l’è aggiudicata nell’asta Kricheldorf 49 del febbraio 2017 a Friburgo a 6'000 EUR, il triplo della stima. Stima che è passata da 2'000 EUR all’attuale 12'500 EUR nell’arco di diciotto mesi. Infine, chissà se qualcuno che legge ha la possibilità di risalire al catalogo Nomos AG del 2001, che secondo la didascalia segna il battesimo della moneta nelle aste, per vedere com’era presentata agli inizi del terzo millennio.

 

1110161284_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.3584b24b33746ea1a1cf6093e9651489.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apollonia
Supporter

Torno alle monete con la raffigurazione del gigante Talo in azione per segnalare questo bronzo battuto alla Triton XI una decina d’anni fa.

1662696473_CNGTritonXIFestoTaloAE77000195.jpg.b2cfd2ffc146491662650098212f4f6b.jpg

CRETE, Phaistos. Circa 300-250 BC. Æ 18mm (5.25 g, 11h). Talos, nude, advancing right, hurling stone in his right hand, holding another in his left / FAIC-TIWN, hound on the scent to right. Svoronos, Numismatique 74; Joy 490; SNG Copenhagen 520; BMC 27-8. Near EF, wonderful red-brown patina.
From the Christopher Morcom Collection. Ex Sir Herman Weber Collection (not in Forrer’s catalog).

 

Non male la performance in asta: Estimate: 500 USD, Sold For $4000 (nel 2008).

 

455119210_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.9c87525e7ae64688e23be1afa57e4688.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apollonia
Supporter

Secondo una versione del mito, il cane di nome Lelapo (che potrebbe essere benissimo quello sul rovescio del bronzo della Triton XI) donato da Zeus ad Europa passò da suo figlio Minosse a Procri, la sposa di Cefalo, un fauno bellissimo che, a causa di un raggiro, la tradì con Eos, l’aurora. Procri abbandonata fuggì a Creta dove aiutò Minosse a guarire da un sortilegio che la moglie Pasifae gli aveva lanciato. Il re di Creta come ringraziamento le donò Lelapo, il cane tanto veloce che riusciva sempre a catturare le prede, assieme all’altro dono che Zeus aveva lasciato a Europa prima di tornare sull’Olimpo, il giavellotto che non mancava mai il bersaglio.

Procri e Cefalo si riconciliarono e ripresero a vivere felicemente insieme. Ma un giorno, pensando che Cefalo fosse ancora innamorato di Eos, durante una battuta di caccia Procri si nascose in un cespuglio per spiare l’amato. Cefalo, sentendo un fruscio nel cespuglio e pensando che vi si nascondesse una fiera in agguato, afferrò il giavellotto regalatole da Procri e lo lanciò contro il cespuglio, uccidendo accidentalmente la moglie.

Cefalo ereditò il cane Lelapo e se lo portò dietro a Tebe (nella Beozia, a nord di Atene) dove una volpe malvagia stava devastando la campagna: la volpe di Teumesso, tanto veloce da sembrare destinata a non essere mai catturata. D’altra parte, il cane da caccia Lelapo era destinato ad acchiappare qualsiasi cosa gli capitasse a tiro. Al loro incontro scattarono entrambi tanto veloci che era difficile persino seguirli con gli occhi. Ci fu un attimo in cui sembrò che il cane fosse riuscito a stringere la sua preda fra le ganasce, ma se le ritrovò piene d'aria mentre la volpe riprendeva a correre con rinnovata energia. Era un paradosso senza possibilità di soluzione e allora Zeus tramutò entrambi in pietre e sistemò il cane in cielo come il Cane Maggiore, senza la volpe.

 

2058115015_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.92006938ec9245c78dfa1a4055a18a2c.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×