Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Poemenius

Romolo Augusto va alla grande

Risposte migliori

Poemenius

il piccolo augusto va alla grande ultimamente

vi propongo qua una recente apparizione e tenterò di limitare i commenti...

https://www.sixbid.com/browse.html?auction=5395&category=170798&lot=4511674

 

segnalo:

che è un semisse...e già questo è strano

che è passato in asta nel 1984 e non è entrato nel RIC nel 1994...né altrove….

che il busto non ha nulla a che fare con le coniazioni di Romolo Augusto

che la legenda al dritto non ha nulla a che fare con quella al rovescio

MA soprattutto, visto che mi manca "Biaggi E., Giustetto G., Spinoni E., Trattato generale di numismatica medioevale, p. 125 (this coin)." vorrei tanto sapere come si giustifica questo tipo di retro, e, udite udite, una marca di zecca SMA(N?) che non si vedeva dal IV secolo….

 

lascio a voi il parere… falsa tout court o ritoccata da altra moneta del IV secolo?

4511674l[1].jpg

2.png

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

azaad
Supporter

Da non collezionista di monete Romane, quando l'ho vista mi sono detto che era il busto non era coerente col poco che avevo visto di Romolo augusto. Poi ho visto che era catalogata, e che addirittura si trattava della stessa moneta in catalogo, per cui, nella mia ignoranza mi sono detto: sarà vera anche se strana, un'occasione per imparare qualcosa di nuovo...... Come no. 

Comunque la catalogazione e la scritta "This coin" mette in enorme difficoltà il collezionista non esperto del periodo. 

Me la fossi trovata in una moneta che colleziono anche con apparenza dubbia non so come avrei reagito. Per monete poco costose mi avrebbero ance potuto invitare all'acquisto senza rifletterci troppo. 

Modificato da azaad

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Poemenius

nelle citazioni relative al pezzo, hanno omesso il RIC X... che dice, pp 211-212

"un terzo esemplare falso utilizza un retro  basato su conii di un semisse di Antiochia di Costanzo II "

che sia questa ;)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Poemenius

ho segnalato la cosa con molto tatto e in punta di piedi alla casa d'aste...vediamo cosa mi dicono

Modificato da Poemenius

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

quattrino
Supporter

Come tipologia assomiglia a questo semisse di Costantino I, ovviamente  brutalmente reinciso fino a renderlo irriconoscibile: https://www.acsearch.info/search.html?id=52939281188147655_semissecostantino.thumb.jpg.6e7bdf956d5dfbf78efc77c831422920.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grigioviola

La reincisione moderna ha fatto venire un'imbarazzante pancetta alla Vittoria con tanto di piega alla Homer Simpson :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Poemenius
12 minuti fa, quattrino dice:

me tipologia assomiglia a questo semisse di Costantino I, ovviamente  brutalmente reinciso fino a renderlo irriconoscibile

se guardi quello citato da Kent, il Costanzo II Antiochia ci siamo anche di più

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vitellio

Buongiorno Carissimi !

Personalmente non credo sia una reincisione ma sia piuttosto conio ribattuto su un altro pezzo, di cui rimangono tracce evidenti al diritto in alto tra le lettere e sul bordo del rovescio h6-h9.... poi ci sono lisciature etc. ...

Pezzo molto molto strano, mi piacerebbe vederlo dal vivo per capire veramente l'effetto che fa… ricorda un po' certi pezzi del Cigoi… almeno come modo di incidere e nel rendere evidente la parte della leggenda che conta...

Cordialmente,

Enrico

P.S- Sul Fac parlano di un altro esemplare comparso nel 2012, sarebbe interessante un confronto …

Modificato da vitellio
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

quattrino
Supporter
1 ora fa, Poemenius dice:

se guardi quello citato da Kent, il Costanzo II Antiochia ci siamo anche di più

image.png.6cdd8306cf871789533b8603b16cebe6.png

Dici questo?

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

karnescim
2 ore fa, grigioviola dice:

La reincisione moderna ha fatto venire un'imbarazzante pancetta alla Vittoria con tanto di piega alla Homer Simpson :D

Eva bhe ma sai la vecchiaia  .....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vitellio

 ...a riprova del fatto che è coniato posto il secondo esemplare ( ricevuto da Hydatius del Fac ) e che qui allego a futura memoria...

Se possibile è peggiore del primo quanto ad aspetto generale….

Enrico

Romulus semissis.jpg

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter
17 ore fa, vitellio dice:

 ...a riprova del fatto che è coniato posto il secondo esemplare ( ricevuto da Hydatius del Fac ) e che qui allego a futura memoria...

Se possibile è peggiore del primo quanto ad aspetto generale….

Enrico

Romulus semissis.jpg

Ciao Enrico, pensi che sia la stessa copia di coni?

Saluti Eliodoro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tinia Numismatica
18 ore fa, vitellio dice:

 ...a riprova del fatto che è coniato posto il secondo esemplare ( ricevuto da Hydatius del Fac ) e che qui allego a futura memoria...

Se possibile è peggiore del primo quanto ad aspetto generale….

Enrico

Romulus semissis.jpg

A me sfugge la logica esecutiva di un falso prodotto senza il minimo rispetto stilistici nei confronti dell’originale.....

se sei capace di incidere un conio ex novo , fallo al meglio, cercando di farlo il più possibile somigliante alla moneta originale, e ritoccalo finché non arrivi al risultato ottimale. 

Se devi fare un conio che ha poco o niente in comune con la moneta originale, cui prodest?

siccome non è la prima moneta che vedo con queste caratteristiche ( ottima tecnica ma stile incongruo, esecuzione per coniatura, evidenti usure di conio, testimoni di uso intensivo) , sto cercando di trovare  una spiegazione un po’ più articolata. 

  • Mi piace 1
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

carletto23

Ma nessuno avverte di ritirare questa porcheria ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Poemenius

Io Lho fatto qualche giorno fa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Poemenius
4 ore fa, Tinia Numismatica dice:

A me sfugge la logica esecutiva di un falso prodotto senza il minimo rispetto stilistici nei confronti dell’originale.....

se sei capace di incidere un conio ex novo , fallo al meglio, cercando di farlo il più possibile somigliante alla moneta originale, e ritoccalo finché non arrivi al risultato ottimale. 

Se devi fare un conio che ha poco o niente in comune con la moneta originale, cui prodest?

siccome non è la prima moneta che vedo con queste caratteristiche ( ottima tecnica ma stile incongruo, esecuzione per coniatura, evidenti usure di conio, testimoni di uso intensivo) , sto cercando di trovare  una spiegazione un po’ più articolata. 

Credo siano figlie di un periodo in cui c'era una maggiore ignoranza... E evidentemente questo bastava... 

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vitellio
6 ore fa, eliodoro dice:

Ciao Enrico, pensi che sia la stessa copia di coni?

Saluti Eliodoro

Ciao Eliodoro,

direi proprio di sì guardando la posizione relativa delle lettere rispetto anche al disegno, il che tende ad escludere la fusione ( peraltro anche il fatto di avere pesanti tracce di riconiazione su una moneta precedente tendeva già ad escluderlo ) e anche la reincisione  o modifica di un altro pezzo più o meno antico, nella pratica impossibilità di modificare estensivamente due pezzi nella stessa maniera.

@Tinia Numismatica Credo la risposta alla tua perplessità sia da cogliere nelle parole di @Poemenius...   non vedo molte altre possibilità, se si accetta che è un falso dati i troppi problemi ed incongruità presenti, ancor più evidenti nel secondo pezzo… alla fine è un pezzo di fantasia e non una imitazione da un originale… 

Sono evidenti tutte le pecche di essere stato  ragionevolmente eseguito in un epoca ( dai primi anni '80 andando indietro, magari anche molto ) in cui si accettava un po' di tutto senza troppe domande, soprattutto se insolito, probabilmente con database enormemente meno estesi e non consultabili elettronicamente  e magari  con collegamenti tra studiosi che erano ancora con carta e penna …

Cordialità,

Enrico

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

teofrasto

Buonasera,

visto che en passant è stato citato Cigoi, sperando di fare cosa gradita posto le pagine del Opus monetale Cigoi del Brunetti riguardanti la parte su Romolo Augustolo.

Saluti, Teo

Opus 1.png

Opus 2.png

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adelchi
6 ore fa, Tinia Numismatica dice:

A me sfugge la logica esecutiva di un falso prodotto senza il minimo rispetto stilistici nei confronti dell’originale.....

se sei capace di incidere un conio ex novo , fallo al meglio, cercando di farlo il più possibile somigliante alla moneta originale, e ritoccalo finché non arrivi al risultato ottimale. 

Se devi fare un conio che ha poco o niente in comune con la moneta originale, cui prodest?

siccome non è la prima moneta che vedo con queste caratteristiche ( ottima tecnica ma stile incongruo, esecuzione per coniatura, evidenti usure di conio, testimoni di uso intensivo) , sto cercando di trovare  una spiegazione un po’ più articolata. 

Forse proprio nel tentativo di creare un inedito sostenibile dal punto di vista almeno tecnico visto che dal punto di vista stilistico probabilmente non sosterrebbe una accurata indagine.

Tanto la platea degli acquirenti e' talmente vasta che qualcuno alla ricerca del pezzo unico , mai apparso prima , lo trovano sicuramente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tinia Numismatica
32 minuti fa, adelchi dice:

Forse proprio nel tentativo di creare un inedito sostenibile dal punto di vista almeno tecnico visto che dal punto di vista stilistico probabilmente non sosterrebbe una accurata indagine.

Tanto la platea degli acquirenti e' talmente vasta che qualcuno alla ricerca del pezzo unico , mai apparso prima , lo trovano sicuramente.

Può essere.....però tralasciare altre ipotesi così rapidamente, non mi convince del tutto. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tinia Numismatica
2 ore fa, Poemenius dice:

Credo siano figlie di un periodo in cui c'era una maggiore ignoranza... E evidentemente questo bastava... 

Può essere....ma continua sembrarmi troppo lavoro per poco. Tanta spesa, poca resa....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adelchi

Premettendo che tutto e' possibile e che bollare la moneta in questione come falso ,senza una approfondita analisi,sarebbe superficiale ; vorrei guardare il problema dal punto di vista delle probabilita' il risultato e' che diventa difficile sostenerne l'autenticita' . 

Ammettendo che sia una imitazione coeva ,quante sono le probabilita'  che venisse imitato un imperatore che ha regnato meno di un anno e che ha coniato relativamente poco e la cui monetazione ha circolato ,sempre relativamente, poco? , secondo me molto ma molto basse.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vitellio

Carissimi,

giusto per chiudere il cerchio vi posto anche l'esemplare di Elia Pulcheria ( anche se si legge PulchePia sulla moneta) prodotto con lo stesso Conio del rovescio dei 2 Romolo, anche lo stile dell'incisione del conio del diritto denota la stessa mano...

Ricordo che Elia Pulcheria fu imperatrice fino al 450 d.C. , Romolo dal 475 al 476 .

Lo stile e la produzione delle monete autentiche di entrambi è diversissimo tra loro, come è logico aspettarsi con il passare di almeno un trentennio tra i due...

Si legge benissimo la impossibile sigla di zecca SMAN, come giustamente ipotizzato da @Poemenius
Aggiungo anche una scheda di comparazione tra un falso ( il primo ) e altri  3 esemplari di Romolo ragionevolmente autentici…


...direi che a questo punto c'è ancora poco da dire….

 

Cordialmente, :)

Enrico

Pulchepia.jpg

Romulus semissis.jpg

1697136304_4511674l1.jpg.4cc55fa25b9a67ec4d89332d867cdb96.jpg

Rom Aug comp.jpg

Modificato da vitellio
  • Mi piace 2
  • Grazie 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Poemenius

L'incrocio con pulcheria se ben ricordo è citato a pg 212 del RIC x

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×