Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
gabriel_

Richiesta lettura legenda pronvinciale

Recommended Posts

gabriel_

Salve a tutti,

Necessito dell'aiuto dei navigati in provinciali per aiutarmi a ricostruire la legenda di questo bronzo di Severus Alexander.

Alexandria, Troas
Diametro 23 mm
Peso 7 gr

Ho cercato referenza qui https://rpc.ashmus.ox.ac.uk/ ma non ho trovato nessuna identificazione che trovi corrispondenza al diritto ed al rovescio, per cui mi viene da pensare che forse ho sbagliato io a leggere la moneta.

D/ io leggerei "[...]VERV[...] ALEXANDRVS AV"
R/ COL ALE TRO (ma sembra molto più frequente COL AVG, possibile? A me sembra una E la lettera finale)

Vediamo se con le vostre opinioni qualcosa ne esce!

Grazie mille, allego foto.

Dsc_0002.jpg

Dsc_0004.jpg

Dsc_0007.jpg

Dsc_0008.jpg

Dsc_0010.jpg

Dsc_0014.jpg

Dsc_0021.jpg

Dsc_0025.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

gabriel_

Qualche altra foto che potrebbe tornare utile!

Dsc_0002.jpg

Dsc_0004.jpg

Dsc_0009.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Massenzio

ciao,

io nella legenda leggo M AVR SEVERV ALEXANDRVS AV, al rovescio COL ALE TRO.

 

Edited by Massenzio
ortografia

Share this post


Link to post
Share on other sites

gabriel_
1 hour ago, Massenzio said:

M AVR SEVERV ALEXANDRVS AV

Grazie mille, ho attribuito RPC 4014, non perfettamente accurato ma il pù simile che ho trovato.

Buon weekend a tutti e due!

Share this post


Link to post
Share on other sites

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Sembra strano, ma nella Troade il nome ALEXANDER era diventato effettivamente ALEXANDRUS. Secondo me, pur essendo una colonia, di veterani ex-legionari che masticassero davvero il latino ce n'eran pochi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cato_maior

Sarebbe interessante vedere se effettivamente esistono casi simili nella stessa zecca!😅

15 minuti fa, gpittini dice:

DE GREGE EPICURI

Sembra strano, ma nella Troade il nome ALEXANDER era diventato effettivamente ALEXANDRUS. Secondo me, pur essendo una colonia, di veterani ex-legionari che masticassero davvero il latino ce n'eran 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

In pochissime monete, le altre riportano ALEXANDER. Evidentemente, si trattava di un solo incisore poco "latinizzato".

_troas_AE25_SNGCop_161cf.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

gabriel_

Forse, senza saperlo, ho in mano una moneta interessante allora! Forse!

Grazie mille a tutti come sempre per la vostra gentilezza.

Ma quindi non si tratta da una vera e propria provincia? Mi sembra di aver visto che l'area ricade nella Provincia Asia Minor, Troas quindi è da considerarsi solo come area geografica, non politica?

Share this post


Link to post
Share on other sites

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Hai visto bene, però all'interno delle diverse province potevano esserci delle città (in questo caso, Alessandria nella Troade) che avevano lo statuto di Colonie, oppure di Municipi. Le colonie generalmente erano fondate da un imperatore che inviava lì un gruppo di veterani, assegnando a ciascuno delle terre alla fine del servizio militare. In questo caso, la lingua ufficiale era il latino e non il greco, anche sulle monete; inoltre, le istituzioni locali ricalcavano quelle romane. Invece, nelle normali città delle province, permaneva la lingua locale (in oriente  il greco), anche sulle monete, e in genere erano mantenute le istituzioni locali precedenti, se compatibili.

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

gabriel_
14 minutes ago, gpittini said:

DE GREGE EPICURI

Hai visto bene, però all'interno delle diverse province potevano esserci delle città (in questo caso, Alessandria nella Troade) che avevano lo statuto di Colonie, oppure di Municipi. Le colonie generalmente erano fondate da un imperatore che inviava lì un gruppo di veterani, assegnando a ciascuno delle terre alla fine del servizio militare. In questo caso, la lingua ufficiale era il latino e non il greco, anche sulle monete; inoltre, le istituzioni locali ricalcavano quelle romane. Invece, nelle normali città delle province, permaneva la lingua locale (in oriente  il greco), anche sulle monete, e in genere erano mantenute le istituzioni locali precedenti, se compatibili.

In una domanda ha risposto anche alla seconda che volevo porre. Ecco spiegato perchè alcune provinciali sono in greco altre mantengono la legenda in latino. Interessantissimo argomento! 

Ora, altra questione! Sappiamo il valore e la denominazione delle imperiali (quasi certa perlomeno fino all'introduzione del nummus), mentre per le provinciali rimane un'area molto grigia. Dato che sia imperiali che provinciali venivano coniate nello stesso arco di tempo, viene logico pensare che le diverse monetazioni circolassero per tutto l'Impero sotto forma di commercio. Ciò significa che se mi fossi presentato in una bottega di Roma a prendere il pane con un radiato dalla Moesia (quindi appartenente ad una monetazione non imperiale) la moneta sarebbe stata accettata oppure no?

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Massenzio
20 ore fa, gabriel_ dice:

In una domanda ha risposto anche alla seconda che volevo porre. Ecco spiegato perchè alcune provinciali sono in greco altre mantengono la legenda in latino. Interessantissimo argomento! 

Ora, altra questione! Sappiamo il valore e la denominazione delle imperiali (quasi certa perlomeno fino all'introduzione del nummus), mentre per le provinciali rimane un'area molto grigia. Dato che sia imperiali che provinciali venivano coniate nello stesso arco di tempo, viene logico pensare che le diverse monetazioni circolassero per tutto l'Impero sotto forma di commercio. Ciò significa che se mi fossi presentato in una bottega di Roma a prendere il pane con un radiato dalla Moesia (quindi appartenente ad una monetazione non imperiale) la moneta sarebbe stata accettata oppure no?

 

Non è uno degli esempi migliori perché in Moesia nel IIII sec. per un certo periodo fu attiva una zecca imperiale a viminacium quindi i radiati argentati sarebbero stati presi senza problema ovunque. :)

Le zecche coloniche potevano battere solo moneta bronzea destinata al commercio locale ma sono state rinvenute anche in contesti con monete delle zecche imperiali quindi sicuramente qualcosa veniva accettato e utilizzato, comunque monete sporadiche o piccole quantità.

Considerando che si trattava di moneta bronzea di poco valore (equivalente ad assi e sesterzi) non era in realtà così facile che tali monete uscissero dal contesto locale, anche ricchi e facoltosi commercianti non solo avrebbero viaggiato con un aureo piuttosto che con 100 sesterzi ma avrebbero richiesto sicuramente un pagamento in moneta nobile per i loro scambi. Queste monete locali venivano usate per le spese di tutti i giorni e per il commercio al dettaglio.

Aureliano poi mise tutto in ordine con la sua riforma non consentendo più emissione di monete locali.

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

gabriel_
2 hours ago, Massenzio said:

Non è uno degli esempi migliori perché in Moesia nel IIII sec. per un certo periodo fu attiva una zecca imperiale a viminacium quindi i radiati argentati sarebbero stati presi senza problema ovunque. :)

Le zecche coloniche potevano battere solo moneta bronzea destinata al commercio locale ma sono state rinvenute anche in contesti con monete delle zecche imperiali quindi sicuramente qualcosa veniva accettato e utilizzato, comunque monete sporadiche o piccole quantità.

Considerando che si trattava di moneta bronzea di poco valore (equivalente ad assi e sesterzi) non era in realtà così facile che tali monete uscissero dal contesto locale, anche ricchi e facoltosi commercianti non solo avrebbero viaggiato con un aureo piuttosto che con 100 sesterzi ma avrebbero richiesto sicuramente un pagamento in moneta nobile per i loro scambi. Queste monete locali venivano usate per le spese di tutti i giorni e per il commercio al dettaglio.

Aureliano poi mise tutto in ordine con la sua riforma non consentendo più emissione di monete locali.

Grazie Massenzio per la piacevole ed interessante spiegazione, ora tutto ha un senso :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.