Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal

Recommended Posts

Caio Ottavio

Salve. 
Concordo con Santone: serve il peso per determinare la tipologia monetale di riferimento. Potrebbe essere un peso per due doppie, sicuramente pisano, forse databile al XVII secolo. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Luca2013

 Pesa 3 grammi con una bilancia da cucina ! Se volessi cercarla in un elenco o repertorio dove dovrei andare ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hirpini
Supporter

Buongiorno, premetto che in questa materia occorre molta pazienza e ricerca. Concordando con @Caio Ottavio, aggiungo che di un peso monetale pisano si parla in questa discussione che potrebbe essere interessante (credo che al rovescio anche il tuo peso sia punzonato con piccolo giglio e una foto potrebbe certamente essere utile). Vi si accenna ad un libro sui pesi monetali pisani (e qui potrebbe darci una mano il nostro @mistura che ne parla).

Intanto mentre quello postato pesa 12 g. si discute anche di una "doppia di Pisa" del peso medio di 5-6 g.

Ad abundantiam penso sia utile anche uno sguardo a questo peso da g. 26, che credo sia un probabile multiplo (e comunque potrebbe dare una verosimile idea del diritto del tuo peso nella sua interezza). E' stato venduto da Dea Moneta - Artemide Aste all'asta del 4-5- novembre 2017 e come quello di cui alla discussione di cui sopra, ha un piccolo giglio in punzone sul retro. Non posso dire altro di quell'asta se non postarne il link, in quanto pur essendo iscritto al sito non riesco ad entrarvi:

peso.thumb.jpg.c37af98863058b5d15f4da1f9689c3e3.jpg

Questo ho quanto ho saputo dire in una materia che non è la mia.

Saluti

HIRPINI

Edited by Hirpini
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hirpini
Supporter

Buongiorno,

se può ancora interessare (in tutta sincerità ne dubito), qui si parla di un altro peso monetale pisano da g. 6,02 detto "doppio pisano", sempre con piccolo giglio al rovescio e descrizione delle lettere al diritto e dei punzoni al rovescio. E penso: una doppia pesa 6 g., quella dell'aspirante cittadino pesa la metà, ergo…?

Non conosco la monetazione sei-settecentesca tanto meno la pisana, ma da un rapido sguardo al CNI XI, Toscana, zecche minori, ho riscontrato un "grosso" meno comune risalente al XVII secolo e di un più diffuso "grosso o mezzo giullo", coniato in maggiore abbondanza nel secolo successivo. Il peso monetale in questione potrebbe riferirsi a quella moneta?

Giusto per imparare, la parola agli esperti.

Saluti a tutti

HIRPINI

Edited by Hirpini

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.