Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
CoinLover

Dubbi su antoniniano di Claudio il Gotico

Recommended Posts

CoinLover

Salve a tutti,
Ho qualche dubbio su questo antoniniano. Sembra essere il RIC V-1 32,  FELICITAS AVG. Tuttavia qualcosa non torna sul peso (1.5g rispetto a 3.5g indicati da Numista) e gli assi (che sono alla tedesca quando dovrebbero essere alla francese).
Il diametro e' 19mm.
Che ne pensate?

antoninianus_claudiusII_dritto_small.jpg

antoninianus_claudiusII_rovescio_small.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

A me la moneta sembra ufficiale; il peso di questi bronzetti è estremamente variabile, inoltre al tuo sembra manchi parte del contorno. Che cosa intendi per "assi alla tedesca o alla francese"?

Share this post


Link to post
Share on other sites

CoinLover
1 minuto fa, gpittini dice:

DE GREGE EPICURI

A me la moneta sembra ufficiale; il peso di questi bronzetti è estremamente variabile, inoltre al tuo sembra manchi parte del contorno. Che cosa intendi per "assi alla tedesca o alla francese"?

@gpittini diritto e rovescio hanno la stessa orientazione, mentre ho letto che dovrebbero essere a 180 gradi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

grigioviola

Eeeeh hai voglia col III secolo! :D

emissione ufficiale, un po' sottopeso ma assolutamente in linea.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

CoinLover
1 minuto fa, grigioviola dice:

Eeeeh hai voglia col III secolo! :D

emissione ufficiale, un po' sottopeso ma assolutamente in linea.

@grigioviola, quindi era comune che ruotassero gli assi per errore?

Share this post


Link to post
Share on other sites

grigioviola

Durante il III secolo si assiste a un generale impoverimento del contenuto di fino nell'antoniniano via via sempre più evidente fino quasi a sparire del tutto nella composizione della lega metallica.

Parimenti si assiste anche a un impoverimento tecnico nella fabbricazione delle monete. Il punto più alto di questo fenomeno, nell'impero centrale, sembra posizionarsi verso la fine del regno di Gallieno dove, nella zecca Romana, accanto a tondelli di buona fattura, inizia una produzione di tondelli realizzati coi medesimi conii dei "fratelli più belli" ma su dischetti di minor peso e diametro. Questo fenomeno è stato notato da Bland dopo aver studiato i due principali ripostigli del periodo: Cunetio e Normanby.

Il fenomeno prosegue anche durante il regno di Claudio II dove è frequente trovare una produzione affiancata di tondelli di buon peso e diametro a tondelli, delle medesime serie, di peso e diametro inferiori.

Il tutto degenera poi verso la fine del regno di Claudio II e l'inizio del regno del fratello Quintillo, in particolar modo con la serie di divinizzazione DIVO CLAVDIO quando è evidente che alla zecca di Roma la produzione aveva perduto ormai quasi del tutto gli standard qualitativi del passato.

Il tutto va messo in relazione con la cosiddetta rivolta di Felicissimo e degli operatori della zecca della capitale, rivolta repressa nel sangue da Aureliano che ha poi intrapreso una serie di operazioni volte a riformare sia la produzione che la metrologia delle emissioni.

Ergo, tondelli sottopeso, approntati frettolosamente e con assi orientati in maniera casuale sono all'ordine del giorno per le coniazioni di Gallieno (fine regno), Claudio II e Quintillo.

Un discorso completamente diverso invece riguarda le emissioni coeve dell'impero gallico.

Spero di averti chiarito un po' di dubbi @CoinLover, il III secolo è un periodo affascinante, di turbolenze, di guerre interne e di accadimenti politici di varia natura. Dal punto di vista numismatico offre un sacco di possibilità di studio e di collezione ed è ancora tutto sommato accessibile economicamente senza grossi svenamenti!

  • Like 1
  • Thanks 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

CoinLover
1 ora fa, grigioviola dice:

Durante il III secolo si assiste a un generale impoverimento del contenuto di fino nell'antoniniano via via sempre più evidente fino quasi a sparire del tutto nella composizione della lega metallica.

Parimenti si assiste anche a un impoverimento tecnico nella fabbricazione delle monete. Il punto più alto di questo fenomeno, nell'impero centrale, sembra posizionarsi verso la fine del regno di Gallieno dove, nella zecca Romana, accanto a tondelli di buona fattura, inizia una produzione di tondelli realizzati coi medesimi conii dei "fratelli più belli" ma su dischetti di minor peso e diametro. Questo fenomeno è stato notato da Bland dopo aver studiato i due principali ripostigli del periodo: Cunetio e Normanby.

Il fenomeno prosegue anche durante il regno di Claudio II dove è frequente trovare una produzione affiancata di tondelli di buon peso e diametro a tondelli, delle medesime serie, di peso e diametro inferiori.

Il tutto degenera poi verso la fine del regno di Claudio II e l'inizio del regno del fratello Quintillo, in particolar modo con la serie di divinizzazione DIVO CLAVDIO quando è evidente che alla zecca di Roma la produzione aveva perduto ormai quasi del tutto gli standard qualitativi del passato.

Il tutto va messo in relazione con la cosiddetta rivolta di Felicissimo e degli operatori della zecca della capitale, rivolta repressa nel sangue da Aureliano che ha poi intrapreso una serie di operazioni volte a riformare sia la produzione che la metrologia delle emissioni.

Ergo, tondelli sottopeso, approntati frettolosamente e con assi orientati in maniera casuale sono all'ordine del giorno per le coniazioni di Gallieno (fine regno), Claudio II e Quintillo.

Un discorso completamente diverso invece riguarda le emissioni coeve dell'impero gallico.

Spero di averti chiarito un po' di dubbi @CoinLover, il III secolo è un periodo affascinante, di turbolenze, di guerre interne e di accadimenti politici di varia natura. Dal punto di vista numismatico offre un sacco di possibilità di studio e di collezione ed è ancora tutto sommato accessibile economicamente senza grossi svenamenti!

@grigioviola, grazie per la digressione storica! Potresti consigliarmi un libro che tratti degli eventi che hai descritto?

Share this post


Link to post
Share on other sites

grigioviola

Questo su Aureliano, rivolta e riforma: 

poi su Normanby e Cunetio questo: The Cunetio and Normanby Hoards: Roger Bland, Edward Besly and Andrew Burnett with notes to aid identification by Sam Moorhead https://www.amazon.it/dp/1907427953/ref=cm_sw_r_cp_apa_i_TTIPDbTJ8ZPFY

Direi due volumi fondamentali!

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

CoinLover
19 ore fa, grigioviola dice:

Questo su Aureliano, rivolta e riforma: 

poi su Normanby e Cunetio questo: The Cunetio and Normanby Hoards: Roger Bland, Edward Besly and Andrew Burnett with notes to aid identification by Sam Moorhead https://www.amazon.it/dp/1907427953/ref=cm_sw_r_cp_apa_i_TTIPDbTJ8ZPFY

Direi due volumi fondamentali!

@grigioviola, grazie!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.