Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
caiuspliniussecundus

Oncia fusa

Risposte migliori

caiuspliniussecundus

Vi mostro questa moneta di un mio conoscente, più che altro perché mi sono accorto che il rilievo supera in millimetri lo spessore del tondello stesso! Non avevo mai visto una moneta (pur fusa e non coniata, siamo d'accordo) con dei rilievi proporzionalmente così alti ! fascino della monetazione fusa dell'antica Repubblica Romana.

Aes Grave, Oncia, peso 21 gr, Astragalo, clava / Astragalo (visto da sotto), clava. Turlow Vecchi 28. Secondo Crawford queste monete sarebbero state prodotte intorno al 260-230 aC. Secondo me è impossibile una datazione così tarda, risalgono alla fine del IV secolo, tra il 300 e il 330.

post-705-1170534357_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

caiuspliniussecundus

il rovescio

post-705-1170534418_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa

su quali presupposti basi la tua datazione ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

lorenzobassi

Trovo affascinante anch'io la monetazione fusa della repubblica romana, ma purtroppo le occasioni per visionarle sono state poche. La moneta da te inviata è molto particolare ed interessante, come lo è anche la tua affermazione sulla datazione. Attendiamo una tua risposta alla domanda inviata da numa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

quattrino

"Astragalo:

Ossa del tarso (del piede). Anticamente quelli di capre e montoni erano usati come dadi da gioco. Nei ceppi d'ancore venivano fusi nel piombo a fini propiziatori."

http://www.archeosalento.it/Glossario/Astragalo.htm

Conoscevo l'uso dell'astragalo solo come dado da gioco, non per l'uso propiziatorio.

Quest'ultimo spiega la presenza sulle monete. Non credo che i Romani volessero pubblicizzare qualche loro bisca....... :lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Raistlin

Ciao Caius, io mi interesso alla monetazione italica e come te sono daccordo a inserirle in un contesto più antico di quanto alcuni libri dicono. Il Turlow Vecchi secondo me non è per niente attendibile riguardo la cronologia delle monete che ha elencato ed, anzi, nel libro ha inserito anche due monete ritenute false da tutti (una della zecca di Gubbio e una di Todi), quindi quando si tratta di questa materia ci sono sempre delle tesi contrastanti!!

Come ho detto sopra, anche io sono daccordo in una datazione più antica e secondo me hai ragione nel dire che sono di fine IV sec. a. C., ma su che dati ti basi?? o è solo una supposizione? :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

caiuspliniussecundus

Mi sto preparando la risposta... :ph34r: ma farò partire una discussione apposita.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×