Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
Dimitrios

"I regimi passano la moneta resta."Ma non sempre!

Risposte migliori

Dimitrios

Ieri sera stavo rilleggendo questa vecchia discussione,

http://www.lamoneta.it/index.php?showtopic=9469&hl=

dove si parlava delle differenze fra il marengo Luigi XVIII 1815A coniato a Parigi e quello 1815R coniato durante l’esilio di Londra.

In occasione di questa stessa discussione ho notato che l’amico mmon aveva espresso che:

“Il marengo di Napoleone del 1815 (cento giorni) è invece chiaramente una moneta creata con il conio precedente all'esilio all'Elba, con il solo cambiamento della data.”

Ebbene ho deciso di aprire questa nuova discussione perché le cose non stanno esattamente cosi ;)

I coni sono diversi!Certo le differenze sono veramente minime ma sento doveroso precisarle per non portare avanti false impressioni.

Ecco le prove (guardate l'allegato):

1. La palline a ridosso del bordo sono 103 nel conio usato dal 1809 al 1814,

ma solo 100 nel conio del 1815.

2. La distanza fra le sopracciglia e la N di Napoleon è pari a 2,4mm nel conio 1815

contro 1,5mm dei coni precedenti

3. La testa di Napoleone è meno rilevata nel 1815.

Si possa dunque ipotizzare che il ritorno dell’imperatore sia stato considerato cosi improbabile che l’incisore generale Pierre Joseph Tiolier (1763-1819) non abbia conservato la matrice del diritto del “20 Francs” e che abbia dovuto rifarla per i cento giorni più famosi della storia francese.

La monetazione del 1815 deve essere quindi considerato una tipologia diversa, non a causa di un differente regime politico, ma perché è stata usata una matrice nuova.

Sperando di aver chiarito in modo esaustivo questo argomento, vi saluto cordialmente

Dimitrios

post-1057-1170646300_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

picchio

Confrontando le impronte al dr. degli esemplari del 1814 e 1815 per Parigi non noto sostanziali differenze. Potrebbero aver riadattato nuovi conii utilizzando le vecchie impronte. Come potrebbero allo stesso modo aver generato nuovi conii.

Il 1814 di Parigi in bello stato di conservazione è una moneta assai difficile atrovarsi mentre il problema non si pone per il 1815 che è stato tesaurizzato ai tempi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mmon

prescindendo dalle differenze di conio, mi piacerebbe acquistare un marengo dei cento giorni, anche solo decente (non sono mica Dimitrios :D :D ). Ma non ne trovo mai uno, almeno dai negozianti e nelle aste che seguo io.

Se come dice Picchio erano monete tesaurizzate, si vede che lo sono tuttora.

Oppure compaiono in aste che io non seguo.

ricordo di averne visto uno alcuni anni fa in un grosso negozio USA, ma non sono arrivato in tempo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

picchio

Parigi 1815 compare abbastanza di frequente ed anche Lille (W) non è particolarmente raro. Bayonne (L) è decisamente meno frequente come apparizioni sul mercato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dimitrios

Nel mio archivio ho registrato:

- 15 passaggi con zecca di Parigi (A)

Più di una volta in conservazione FDC.

Esiste anche un esemplare di presentazione in conservazione incredibile FS, venduto da CGB - Asta Monnaies X - Collection Alain Davis - n.107.

- 6 passaggi con zecca di Lille (W)

Uno solo in conservazione FDC.Lo stesso esemplare è stato venduto prima da Vinchon, poi da Palombo e poi da Genevensis.In ogni i caso già lo Splendido si deve considerare una conservazione notevole per il tipo.

- 6 passaggi con zecca di Bayonne (L)

Il migliore era qSPL.

Nonostante la tiratura più alta e quello che si possa intuire guardando le quotazioni dei cataloghi, il pezzo coniato a Bayonne è nettamente più difficile da trovare in alta conservazione rispetto a Lille.

Parigi sui può anche esigere in FDC.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

picchio

Ho visto oggi due esemplari del 20 franchi 1815 A di Napolepone sul sito di Clark Smith, mi pare attorno ai 350 $, conservazione di conseguenza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×