Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Matteo

monete di viminacium

Risposte migliori

Matteo

Buonasera a tutti! Da due mesi a questa parte sto scrivendo un breve articolo sulla monetazione di Viminacium, mi rimane però un dubbio e mi auguro di poter trovare qualcuno che possa aiutarmi a superarlo. Non riesco a capire se nella monetazione provinciale di Gordiano III coniata a Viminacium ci sia una connessione tra il ritratto dell'imperatore radiato o laureato ed il valore, purtroppo ho poca letteratura in proposito e solo 10 esemplari da studio. Grazie a tutti!

Matteo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tacrolimus2000

In molti lavori sulla monetazione provinciale si è cercato di studiare la metrologia delle emissioni romane locali, non solo a Viminacium. La mancanza di documentazione e, molto spesso, di chiari segni di valore rende, soprattutto per le monete in bronzo e altre leghe del rame, il lavoro difficoltoso. Ci si scontra poi con le ampie variabilità di peso e con pochi esemplari a disposizione. A volte le conclusioni sono precedute da un bel “probabilmente”, oppure vengono ipotizzati nominali intermedi (1.5 assi, 4.5 assi, ect).

Sono poche le eccezioni dove le emissioni chiaramente identificabili dal segno del valore come ad esempio le emissioni della Mesia Inferiore, le emissioni provinciali quasi autonome della zecca di Chios e di alcune zecche dell'Asia Minore, ad esempio Aspendus, Magydos e Side.

Le emissioni della zecca di Viminacium non presentano segno di valore per cui è necessario basarsi solo su differenze di peso, diametro e tipo di busto imperiale

I larghi bronzi con busto laureato addensano tra 28 e 30 mm con pesi di 10-18 g e sono ben distinguibili dai piccoli bronzi sempre con busto laureato di 19-23 mm di diametro e peso inferiore a 4 g (a volte solo 2.5 g). In mezzo gli esemplari con busto radiato, intermedi in peso (5-7 g) e diametro 22-24 mm. Questo è abbastanza evidente soprattutto per Gordiano III ed i due “Filippi”, per cui si hanno molte emissioni (sul web puoi trovare numerosi esempi con i dati tecnici per farti una casistica più ampia dei 10 esemplari in tuo possesso).

Questa distribuzione di pesi/diametri in relazione al tipo di busto porterebbe ad un ovvio parallelismo con le emissioni imperiali, volendo indentificare la sequenza come sesterzio/dupondio/asse. Personalmente non conosco, tuttavia, nessun lavoro che lo affermi con certezza (ma questa è sicuramente una mia lacuna).

http://www2.arnes.si/~sspbmate/VIMINACIUM.htm

Il dato statistico è che è possibile isolare 3 gruppi diversi di emissioni:

- grandi bronzi laureati

- medi bronzi radiati

- piccoli bronzi laureati

Credo sia innegabile che si dovesse trattare di 3 nominali diversi. Chiamarli sesterzi, dupondi e assi potrebbe invece essere una forzatura o una estrapolazione difficilmente dimostrabile.

Il Varbanov ad esempio classifica tutte le monete di questa zecca solo in base al loro diametro, senza mai usare i termini sesterzio, dupondio, asse, ma spesso capita di leggere le monete di Viminacium classificate come tali, ad esempio:

http://gordianiiirpc.ancients.info/g3Viminmoessup.html

Nel vasto panorama della monetazione provinciale romana, non sempre la corona radiata ha il significato di X 2 come sui dupondi o sugli antoniniani emessi dalle zecche imperiali. Spesso si hanno emissioni simili di egual peso e diametro coniate sia con corona radiata che busto laureato (e anche indipendentemente dal tipo di metallo, bronzo o oricalco). Forse a Viminacium la corona radiata aveva invece questa valenza.

Mi piacerebbe leggere il tuo lavoro, una volta terminato e pubblicato.

Scusa infine se non ti ho detto nulla di più di quanto già sapessi.

Luigi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Matteo

Ti ringrazio moltissimo! Poter avere l'opinione e i suggerimenti di altre persone molte volte mi è fondamentale. Cercherò tramite internet e con ulteriori acquisti di creare una tesi che connetta valore/ritratto radiato e valore/ritratto laureato e di seguito verificherò l'attendibilità di questa teoria. Probabilmente il mio articolo uscirà sulla rivista "Monete Antiche".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tacrolimus2000

Bene, allora lo leggerò sicuramente, visto che sono abbonato a Monete Antiche e sulla zecca di Viminacium ho diverse cose che non mi sono chiare.

Personalmente trovo la zecca di Viminacium affascinante anche per altri motivi, oltre a quelli relativi allo studio della metrologia delle emissioni. Se al primo impatto le emissioni sembrano tutte uguali, in realtà differiscono nei dettagli.

Io ho contato grossolanemente almeno 13 tipologie con la Mesia, 4 che ritraggono l'imperatore ed 1 con la vittoria. La zecca ha inoltre emesso medaglioni, mi pare.

Cosa è raffigurato effettivamente al rovescio, oltre agli emblemi delle legioni VII Claudia Pia Fidelis e IV Flavia Felix (ossia il toro ed il leone)? La Mesia? Ho letto che qualcuno identifica la personificazione come quella della stessa città di Viminacium, perchè raffigurata turrita.

Interessante poi che la Mesia viene accumunata alla Pax (Pax Moesia) e raffigurata con un ramo di alloro ed un globo: una "Pax" imposta con la presenza di due legioni!!

Una delle tipologie più particolari è quella che compare su una emissione di Gordiano III, dove la Mesia è raffigurata nell'atto di tenere una lepre per le zampe posteriori; probabilmente si voleva fare riferimanto ai festeggiamenti per la presenza di Gordiano III nell'area balcanica o a Viminacium stessa. O forse il motivo è un altro e non ha nulla che vedere con ciò?

Perchè la zecca inizia ad operare coniando monete in bronzo solo sotto Gordiano III, quando acquista il titolo di Colonia? Adriano aveva precedentemente concesso a Viminacium il titolo di Municipium (Municipium Aelium Viminacium), ma non si hanno emissioni prima di Gordiano III e la datazione inzia proprio da questa data.

Su un altro foro ho sentito parlare bene di questo libro, Kolonial Pragungen aus Moesia Superior und Dacia di Ferenc Martin. Leggo pochissimo il tedesco e non avendolo acquistato non ho idea del suo reale contenuto (eccetto la parte di catalogo per la quale però già possiedo il Varbanov).

Buon lavoro.

Luigi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Matteo

La maggior parte delle cose che hai detto sono appunto presenti nel mio articolo e ci sono anche alcune possibli risposte alle tue domande, mi piacerebbe poterti mandare una prima bozza del mio articolo, posso? Come?

Avere il parere di altre persone mi farebbe molto piacere dato che solitamente non riesco mai ad averlo!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tacrolimus2000
La maggior parte delle cose che hai detto sono appunto presenti nel mio articolo e ci sono anche alcune possibli risposte alle tue domande, mi piacerebbe poterti mandare una prima bozza del mio articolo, posso? Come?

Avere il parere di altre persone mi farebbe molto piacere dato che solitamente non riesco mai ad averlo!

200100[/snapback]

Veramente il piacere è tutto mio!

Ti invio un MP con un indirizzo di posta elettronica dove puoi spedire la bozza.

Grazie

Luigi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×