Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
dupondio

Asse Contromarcata

Risposte migliori

dupondio

Ciao a tutti. secondo voi questa asse contromarcata che avevo postato giorni fa che pesa 4,3 grammi con la contromarca TI.C.A che sta per Titus Caesar Augustus,non è decisamente sottopeso?????,in piu' non vi è assolutamente traccia del D. e del R. <_<

post-1893-1172007557_thumb.jpg

Modificato da dupondio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rapax

...caspita Luca non riesco a recuperare l'altro tuo post su questa moneta... comunque, senza considerare che sia un presunto asse, a giudicare dalle dimensioni, il peso non credo proprio possa essere di 4,3 g...

Ma che caspita di monete stai adocchiando??? :D :D

Non dirmi che adesso ti è presa la flippa delle contromarche... conoscendoti non mi suonerebbe per nulla strano... :lol: :lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dupondio
...caspita Luca non riesco a recuperare l'altro tuo post su questa moneta... comunque, senza considerare che sia un presunto asse, a giudicare dalle dimensioni, il peso non credo proprio possa essere di 4,3 g...

Ma che caspita di monete stai adocchiando???  :D  :D

Non dirmi che adesso ti è presa la flippa delle contromarche...  conoscendoti non mi suonerebbe per nulla strano...  :lol:  :lol:

201996[/snapback]

Confermo 4,3 grammi l'ho pesata io con la bilancina, è molto sottile :)

ecco la vecchia discussione :)

http://www.lamoneta.it/index.php?showtopic=18341

Modificato da dupondio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

william

Sotto alla prima contromarca TI.C.A non ce ne è un'altra?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dupondio
Sotto alla prima contromarca TI.C.A non ce ne è un'altra?

202008[/snapback]

si :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rapax
Confermo 4,3 grammi l'ho pesata io con la bilancina, è molto sottile :)

ecco la vecchia discussione :)

http://www.lamoneta.it/index.php?showtopic=18341

202007[/snapback]

Grazie Luca, mi era proprio sfuggita...

Ma in totale è un asse consunto (...molto consunto) o altro? Ha un peso proprio "strano".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Aristofane

Mi aggiungo... Siamo di fronte ad una moneta particolare... Come dice Rapax, sono stato anche io contagiato dalla flippa delle contromarche, ma non mi è mai capitato di incontrare una contromarcata così sottopeso... Qualcuno ha idea del significato della seconda contromarca?

Modificato da Aristofane

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mazzarello silvio
Supporter

ciao potrebbe trattarsi di un'asse ridotto di Nerone che pesavano circa 6 gr se questa sera rientro presto sarò più specifico Silvio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dupondio

Ecco la seconda contromarca,almeno penso che lo sia........

post-1893-1172088704_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mazzarello silvio
Supporter

ciao scusate il ritardo nella risposta, come dicevo potrebbe trattarsi di un'asse ridotto di Nerone vi posto il mio che pesa 5,53 gr per 24 mm di diametro, se consideriamo la considerevole usura come peso dovremmo esserci non so però per il diametro Silvio

post-4344-1172315100_thumb.jpg

post-4344-1172315110_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Silla

Ho anche io una contromarca su un tondello che al rovescio è senza impronta e guarda caso la contromarca è TI.C.A ..Tiberius Caesar ?? Certo non è bella come la Tua e la foto è pessima ma ti assicuro sono identiche ( la postai già un anno e passa sul forum ) anche sul peso siamo vicini .

Foto post-119-1172392356_thumb.jpg

Modificato da Silla

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

avgvstvs

Solo adesso ci faccio caso...

Tempo fa presi un lotticino di contromarcate su eB, molte con la contromarca simile alla tua, su tutte praticamente erano illeggibili le iscrizioni precedenti (tranne un SC centrale su una). Ecco i pesi:

4.62g

6.18g

5.61g

5.41g

9.10g

4.80g

3.90g

Come vedi, l'essere sottopeso rispetto alle emissioni "ordinarie" non sembrerebbe cosi' strano.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tigellino

Ciao a tutti...

Devo dire che le contromarche affascinano anche me... :D

Per quanto riguarda quelle di Dupondio identificano molto probabilmente un asse di Augusto contromarcato di Tiberio: TI infatti non sta per TITUS ma per TIBERIUS e CA per CAESAR.

CIAO!

Tigellino

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dupondio
Ciao a tutti...

Devo dire che le contromarche affascinano anche me... :D

Per quanto riguarda quelle di Dupondio identificano molto probabilmente un asse di Augusto contromarcato di Tiberio: TI infatti non sta per TITUS ma per TIBERIUS e CA per CAESAR.

CIAO!

Tigellino

203865[/snapback]

Qua spiega tutto.

http://www.romancoins.info/CMK-Ephesus-Aug.html#TI*C*A

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

centurioneamico

I pesi delle monete contromarcate sono spesso molto relativi se consideriamo che le contromarche potevano servire a riabilitare monete non più accettate dal pubblico perchè troppo consunte e non più leggibili o riproduzioni barbariche di emissioni ufficiali.

Solo per queste ultime mi è capitato di incontrare contromarche che ne abbassavano il valore (da sesterzio a dupondio o a asse) probabilmente solo perchè fortemente sotto peso rispetto all'emissione ufficiale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tacrolimus2000

La contromarca TI.C.A è diffusa in varie aree geografiche dell'impero romano; una analisi delle tipologie permette di individuare almeno tre classi principali.

Una prima serie di monete ospite appartengono alla zecca di Roma, ad esempio assi di Caligola, assi a nome di Germanico e assi a nome di Agrippa. La posizione della contromarca su queste monete è tale da obliterarne parte della legenda. L'interpunzione tra le lettere è proporzionata alle lettere e non è l'elemento che salta subito all'occhio. Questa tipologia è diffusa in area occidentale.

Un secondo gruppo di moneta ospite comprende tra l'altro assi tresvirali (posiziondella cmk casuale)e gli assi efesini (posizione della contromarca centrale) e viene attribuito all'area mesica (credo in base allo studio delle associazioni con altre contromarche tipiche dell'area). Caratteristica della contromarca è la buona impressione, il cartiglio largo e preciso, e una interpunzione a "globetto pieno" assai marcata, di dimensioni rilevanti rispetto alle lettere.

Un terzo gruppo infine compare su esemplari completamente lisci, di peso tra 3 e 7 g., con punzone meno profondo e lettere a volte in corsivo o a volte di imitazione (tipo II.C.A, invece che TI.C.A). L'esemplare di Dupondio credo ricada in questa classe.

A proposito di questi esemplari senza rilievi apparentemente visibili, il Prof. R. Martini scrive:

"Anche non volendo ipotizzare che le monete in questione non siano mai state coniate ma che si sia trattato solo tondelli metallici predisposti per l'impressione, sembra evidente che questi esemplari avessero quale unico scopo quello di veicolare la contromarca TI.C.A, ormai del tutto avulsi da quella che avrebbe dovuto essere la loro identità monetale originaria (§)"

Quanto alla possibilità di identificare con certezza il significato delle lettere TI, credo che non si sia ancora in grado di attribuirle con certezza. I candidati sono Tiberio, Claudio e Tito (quest'ultimo è il meno probabile secondo Martini). Alla luce della discreta eterogeneicità delle monete ospite, a mio avviso, la contromarca è stata usata da più di un "obliteratore" imperiale.

Luigi

(§) R. Martini, Monete imperiali contromarcate di bronzo dell'area delle provincie della Moesia e della Thracia di I secolo d.C.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

agrippa

Ciao Dupondio

Nel particolare ingrandito mi sembra di vedere alcune lettere della legenda originaria della moneta.

Osservala bene. Non escludo che possa essere un dupondio di Augusto del tipo AVGVSTVS / TRIBUNIC / POTEST su tre linee in corona.

agrì

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dupondio

Grazie tacrolimus2000 molto interessante.Grazie agri ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×