Jump to content

Recommended Posts

Soddisfatto
fabry61
36 minuti fa, ak72 dice:

_20200623_205256.JPG_20200623_205227.JPG

Il bezzo da 6 falso è una della monete di cui ci si chiede il senso. Perchè contraffare una tale moneta di piccolo taglio?

Gli amanti di tutte le monetazioni sicuramente argomentano molto facilmente. La percentuale di argento contenuto permetteva di avere un ottimo guadagno stampando una moneta di solo rame.

Un esempio semplice è dato (per il periodo) dalle varie contraffazioni dei soldi da 12 bagattini. Viceversa è stato difficile trovare un bezzo da 6 bagattini che pur avendo la stessa quantità (teorica di argento) a quanto pare non attirava gli interessi dei falsari. In questo caso la risposta è facile: molto più conveniente economicamente stampare una moneta da 12 bagattini che non 2 da 6 bagattini.

Per il bezzo anonimo in questione si pone la stessa domanda. Ne valeva la pena? La risposta è veloce : sì. Il guadagno sul mezzo soldo era allettante così come era per i sesini, per i quattrini ed addirittura per i bagattini. Inoltre stampare tali monete era più semplice. D'altra parte tali monete erano molte conosciute visto la grande quantità di conii e tondelli in circolazione a Venezia. Ma nei territori di terraferma? o nei territori confinati? Ecco quindi che come nel caso dei sesini stmpati nelle zecche di furbi Principi, tali monete potevano essere scambiate in zone dove la conoscenza stessa della moneta non era propriamente perfetta.

Il guadagno in primis e poi chi avrebbe potuto arrestare il malfattore? Sicuramente con la lunghezza delle indagini non sarebbe stato possibile riuscire ad incastrare una veloce ed inaspettata produzione di monete false. Che così, a volte sfuggiva agli "artigli del leone".

Artigli molto ben affilati.

Edited by fabry61
Link to post
Share on other sites

Però mi chiedo una cosa. Chi poteva accettare questo bezzo per buono? La prima regola di un falsario è di fare una copia il più simile all'originale. Qui siamo ben lontani...

Arka

Diligite iustitiam

Link to post
Share on other sites

Soddisfatto
fabry61
12 ore fa, Arka dice:

Però mi chiedo una cosa. Chi poteva accettare questo bezzo per buono? La prima regola di un falsario è di fare una copia il più simile all'originale. Qui siamo ben lontani...

Arka

Diligite iustitiam

Gli stessi che accettavano un 21 bagattini.😇

Link to post
Share on other sites

417sonia
Supporter

Buona giornata

Già! Chi lo poteva accettare per buono?

Credo semplicemente che possa succedere a chi non controlla il resto .... quante persone accettano, anche oggi, monete della Bulgaria, Turchia, Thailandia .... solo perché simili nelle dimensioni e nel metallo agli euro?

Un mucchietto di monete di resto messe sul bancone, che finiscono direttamente nelle tasche, senza guardare se qualcuna ha legende e iconografia differente.

saluti

luciano

 

Link to post
Share on other sites

chievolan

Ma si ... la penombra di una osteria ... l'ora tarda, ... l'oste distratto che spera di trombarsi la cameriera prima di chiudere, ... quella che spera di evitarlo, ... la moglie che li tiene d'occhio ....

tutti e tre avrebbero potuto accettare quella monetina dall'ultimo avventore.

Monetina poi che il giorno dopo sarebbe stata eventualmente data come resto a un "chioc".

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.