Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
cabanes

ecco come (purtroppo) una moneta può diventare rara (e costosa)

Recommended Posts

cabanes

Ho già avuto occasione di scrivere in questo forum sui Vereinstaler, e sui loro sottotipi Siegestaler e Ausbeutetaler: monete splendide quanto effimere, coniate solo per 14 anni (dal 1857 al 1871) dagli stati tedeschi, dall'Austria (almeno fintantochè non litigò con la Prussia), e dal Lussemburgo, e poi dimenticate, ovvero sostituite nell'appena nato impero tedesco dai Reichsmark.


Furono, i Vereinstaler, l'UMT degli Imperi centrali (se mi si permette di parafrasare l'Unione Monetaria Latina: in questo caso "Unione Monetaria Teutonica"); ma, poichè in quegli anni le monete vivevano in pieno il periodo del bimetallismo, dove erano gli equivalenti aurei dei Vereinstaler?


C'erano, in quantità minore rispetto ai Vereinstaler (poi si vedrà perchè) e completamente assenti dalle mie collezioni (poi si vedrà perchè), e si chiamavano Krone.


Ci fu qualche perplessità, quando tali monete vennero generate, sul nome da dare loro: dapprima vennero proposti i nomi "Goldling" o "Golding", ma in seguito, a fronte della ghirlanda di foglie di quercia del retro, e con riferimento alle corone romane, divennero Krone.

 

1829034674_1krone.jpg.25f9addad89a95c378a9f1b0ea9d7219.jpg


Digressione:
Chissà perchè, ma mentre trovo naturale riferirmi ai vereinstaler con attributo maschile, così mi viene altrettanto istintivo ritenere di natura femminile le Krone; dipenderà forse dal colore, il grigio dell'argento dei vereinstaler pare più mascolino del caldo e femmineo giallo delle Krone?


Erano monete di 11.11 grammi di peso (contenuto aureo 10 grammi tondi) e del diametro di 24 millimetri (ci fu anche il taglio ridotto da 1/2 Krone, ma non val la pena citarlo: visto l'1, visto anche il 1/2) e vennero coniate solo da:


Austria (che fu la nazione alla quale più premeva la creazione di tale moneta)
Prussia
Baviera
Sassonia
Hannover
Brunswick


I tedeschi, sempre pignolescamente attenti, si sono preoccupati di riportare il contenuto prezioso su OGNI moneta; e così, se il vereinstaler riporta la scritta "XXX EIN PFUND FEIN" (1/30 di libbra metrica) la Krone specifica: "50 EIN PFUND FEIN" (ed infatti contiene esattamente 10 grammi di oro - chiarisco, per chi non lo sapesse, che la libbra metrica è pari a 1/2 chilogrammo preciso -)


Ne furono coniate parecchie, in vari anni nel periodo di vita del Vereinstaler, per un totale di 1.185.000 pezzi (giusto per averne un'idea, Austria ca. 102.000, Hannover 774.000, Prussia 212.000) e quindi non dovrebbe essere poi così difficile inserirne qualcuna in collezione,

MA...


trovarne una che costi meno di 5.000 Euro è pressochè impossibile (tranne forse Hannover: lì ne possono bastare 3.500, di Euro), e questo significa che 50.000 Euro per 8 monete io non li spenderò mai, ma rimane comunque la curiosità: perchè così rare, e quindi così costose?


Allora, bisogna sapere che tali monete circolarono molto poco, se non niente, all'interno dei paesi emittenti: fu infatti stabilito che nessuno era obbligato ad accettare le Krone come mezzo di pagamento (*) (ed anche per questo motivo furono pochi gli stati che le coniarono).

Erano state create come mezzo per il commercio estero ("trade coins", direbbero gli anglosassoni): ma purtroppo, non avendo queste monete l'aura, la diffusione, il prestigio, il potere politico di altre monete internazionali (vedi la Sterlina) che cosa succedeva? Succedeva che il paese che incassava i pagamenti fatti tramite Krone fondeva tali monete per riconiarle come propria valuta.


(*) il che va un po' in contraddizione con la definizione che vollero dare alla moneta: "Vereinsmunze", ossia moneta associativa, di unione. Vabbè, i misteri dell'economia, per me, sono sempre insondabili.


Ecco perchè (accidenti) queste monete sono rare (qualcuno le definì "rarissime" -vedi sotto-) e perchè (riaccidenti) io non potrò mai averle in collezione, e dovrò accontentarmi solo dei Vereinstaler (che, in compenso, sono molto più belli e più variati delle Krone).

 

vereins.jpg.3d1b23f2a8029cc726c83225838fcf20.jpg


Altra digressione:
Ho frugato con attenzione l'intero forum: l'unico riferimento a queste monete risale al 7 Agosto 2016, e suona così "Vedo le Krone (nn.3/17 dell'asta Varesi n° 69) tutte rarissime, da fare la gioia dei collezionisti austriaci.. ".
Per un forum che, nel momento in cui scrivo, contiene 2.086.160 interventi, non è un po' poco?

 

PS @littleEvil, che ne dici? Sono contagiose anche le Krone?

 

  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

davide.cazzani
1 ora fa, cabanes dice:

Ho già avuto occasione di scrivere in questo forum sui Vereinstaler, e sui loro sottotipi Siegestaler e Ausbeutetaler: monete splendide quanto effimere, coniate solo per 14 anni (dal 1857 al 1871) dagli stati tedeschi, dall'Austria (almeno fintantochè non litigò con la Prussia), e dal Lussemburgo, e poi dimenticate, ovvero sostituite nell'appena nato impero tedesco dai Reichsmark.


Furono, i Vereinstaler, l'UMT degli Imperi centrali (se mi si permette di parafrasare l'Unione Monetaria Latina: in questo caso "Unione Monetaria Teutonica"); ma, poichè in quegli anni le monete vivevano in pieno il periodo del bimetallismo, dove erano gli equivalenti aurei dei Vereinstaler?


C'erano, in quantità minore rispetto ai Vereinstaler (poi si vedrà perchè) e completamente assenti dalle mie collezioni (poi si vedrà perchè), e si chiamavano Krone.


Ci fu qualche perplessità, quando tali monete vennero generate, sul nome da dare loro: dapprima vennero proposti i nomi "Goldling" o "Golding", ma in seguito, a fronte della ghirlanda di foglie di quercia del retro, e con riferimento alle corone romane, divennero Krone.

 

1829034674_1krone.jpg.25f9addad89a95c378a9f1b0ea9d7219.jpg


Digressione:
Chissà perchè, ma mentre trovo naturale riferirmi ai vereinstaler con attributo maschile, così mi viene altrettanto istintivo ritenere di natura femminile le Krone; dipenderà forse dal colore, il grigio dell'argento dei vereinstaler pare più mascolino del caldo e femmineo giallo delle Krone?


Erano monete di 11.11 grammi di peso (contenuto aureo 10 grammi tondi) e del diametro di 24 millimetri (ci fu anche il taglio ridotto da 1/2 Krone, ma non val la pena citarlo: visto l'1, visto anche il 1/2) e vennero coniate solo da:


Austria (che fu la nazione alla quale più premeva la creazione di tale moneta)
Prussia
Baviera
Sassonia
Hannover
Brunswick


I tedeschi, sempre pignolescamente attenti, si sono preoccupati di riportare il contenuto prezioso su OGNI moneta; e così, se il vereinstaler riporta la scritta "XXX EIN PFUND FEIN" (1/30 di libbra metrica) la Krone specifica: "50 EIN PFUND FEIN" (ed infatti contiene esattamente 10 grammi di oro - chiarisco, per chi non lo sapesse, che la libbra metrica è pari a 1/2 chilogrammo preciso -)


Ne furono coniate parecchie, in vari anni nel periodo di vita del Vereinstaler, per un totale di 1.185.000 pezzi (giusto per averne un'idea, Austria ca. 102.000, Hannover 774.000, Prussia 212.000) e quindi non dovrebbe essere poi così difficile inserirne qualcuna in collezione,

MA...


trovarne una che costi meno di 5.000 Euro è pressochè impossibile (tranne forse Hannover: lì ne possono bastare 3.500, di Euro), e questo significa che 50.000 Euro per 8 monete io non li spenderò mai, ma rimane comunque la curiosità: perchè così rare, e quindi così costose?


Allora, bisogna sapere che tali monete circolarono molto poco, se non niente, all'interno dei paesi emittenti: fu infatti stabilito che nessuno era obbligato ad accettare le Krone come mezzo di pagamento (*) (ed anche per questo motivo furono pochi gli stati che le coniarono).

Erano state create come mezzo per il commercio estero ("trade coins", direbbero gli anglosassoni): ma purtroppo, non avendo queste monete l'aura, la diffusione, il prestigio, il potere politico di altre monete internazionali (vedi la Sterlina) che cosa succedeva? Succedeva che il paese che incassava i pagamenti fatti tramite Krone fondeva tali monete per riconiarle come propria valuta.


(*) il che va un po' in contraddizione con la definizione che vollero dare alla moneta: "Vereinsmunze", ossia moneta associativa, di unione. Vabbè, i misteri dell'economia, per me, sono sempre insondabili.


Ecco perchè (accidenti) queste monete sono rare (qualcuno le definì "rarissime" -vedi sotto-) e perchè (riaccidenti) io non potrò mai averle in collezione, e dovrò accontentarmi solo dei Vereinstaler (che, in compenso, sono molto più belli e più variati delle Krone).

 

vereins.jpg.3d1b23f2a8029cc726c83225838fcf20.jpg


Altra digressione:
Ho frugato con attenzione l'intero forum: l'unico riferimento a queste monete risale al 7 Agosto 2016, e suona così "Vedo le Krone (nn.3/17 dell'asta Varesi n° 69) tutte rarissime, da fare la gioia dei collezionisti austriaci.. ".
Per un forum che, nel momento in cui scrivo, contiene 2.086.160 interventi, non è un po' poco?

 

PS @littleEvil, che ne dici? Sono contagiose anche le Krone?

 

Molto interessante questa storia, grazie!

Davide

Share this post


Link to post
Share on other sites

Der Kaiser

Interessante. Non hai mai pensato di vendere i Vereinstaler per spendere su queste monete piu' rare visto che ti piacciono? Comunque si è nella norma che non si parli di queste monete in un forum italiano, pure io non trovo quasi nessuna discussione su monete dell'impero tedesco.

Share this post


Link to post
Share on other sites

littleEvil

Uè, @cabanes! è da un po' che non ci si leggeva!

Tu poi sempre esagerato: l'Hannover si trova già a 2480,00 EUR su ma-negozio, il che vuol dire bastano solo 49.000 euro e non 50mila come dici tu!

Per quanto riguarda la tua

2 ore fa, cabanes dice:

Digressione:
Chissà perchè, ma mentre trovo naturale riferirmi ai vereinstaler con attributo maschile, così mi viene altrettanto istintivo ritenere di natura femminile le Krone;

direi che è freudiana: IL tallero e LA corona, sempre che tu non ci veda altre cose - da "oggettofilia", che io poi a questo punto NON voglio sapere.

 

Con le Krone non mi tenti, ultimamente mi interesso solo per i krónur

e  - visto che ti piacciono gli argenti - ti posto un'anteprima dei miei nuovi arrivi

Unbenannt.jpg.6ce045d07c1d48711c0bdd2ef943bfd8.jpg

arte minimalista nordica! Che ne dici?

Un saluto a te e a tutti gli altri,

Njk

 

 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

cabanes
Il 9/9/2020 alle 21:51, littleEvil dice:

direi che è freudiana: IL tallero e LA corona, sempre che tu non ci veda altre cose - da "oggettofilia", che io poi a questo punto NON voglio sapere.

talleri e corone freudiani/e: giuro di non averci proprio pensato, ma probabilmente il mio subconscio è molto più malizioso di me; io continuo ad essere un imbecille romantico sognatore , per il quale le fanciulle sono sempre a mezzo busto, circonfuse in una luce morbida e calda.

Ma veniamo alle Krone (così rispondo anche alla proposta di @Der Kaiser : non è che siano granchè belle come monete, ma diventano il giusto complemento per completare la collezione di Vereinstaler, anche se non valgono (esteticamente) come questi ultimi. E pertanto non soffro granchè se non posso/voglio permettermele.

Io però ora mi arrendo: ho tentato in vari modi di interessare i lettori del forum alla monetazione tedesca e pre-tedesca dell'800 (non dimentichiamo che, nonostante tutto, noi siamo i loro figli culturali. L'attuale civiltà, quella cosiddetta occidentale, quella nella quale ora viviamo, è nata lì), ma devo ammettere, a giudicare dalla partecipazione ai miei topics, di non esserci riuscito.

E' un peccato, vista la ricchezza di tale monetazione. Faccio solo un esempio, anzi, una citazione: Friedberg - Gold Coins of the World "la colossale produzione monetaria della Germania non può essere meglio evidenziata dal fatto che questa occupa circa un terzo di questo libro".

Finito il piagnisteo, veniamo ora alla moneta che LittleEvil ci presenta: io credo di essere un pittore minimalista (mooolto dilettante), talmente minimalista che i miei lavori sono assolutamente monocromatici. Bene, c'è qualcosa che non mi convince nella moneta presentata, peraltro bella: mi da la sensazione che di minimalista ci sia solo la tecnica (spesso buona scusa per non impegnarsi in lavori più accurati), ma che l'immagine, la composizione, siano quelle tradizionali di cento o duecento anni fa: Se minimalista vuole essere, lo sia anche nella scelta del soggetto, non solo nella rappresentazione.

E con questo finisco di fare il critico d'arte, cosa che non so nè voglio fare.

ed ora: SALUTI !

Share this post


Link to post
Share on other sites

Erdrückt

@littleEvil Bellissima! Io ho il pezzo da 500 Proof (uso la foto piccola che ho nel PC da millenni :D) 

Monete Proof.PNG

Edited by Erdrückt
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.