Jump to content
IGNORED

Piastra Innocenzo XI anno VI "pacem loquetur gentibus"


ceolo
 Share

Recommended Posts

Supporter

Buongiorno a tutti,

recentemente ho acquistato questa piastra. Non sono un collezionista di monete pontificie, però mi piace avere in collezione anche monete rappresentative del meglio della produzione numismatica del nostro paese. Da qualche tempo cercavo una piastra, anche comune e non in conservazione eccelsa. Così quando ho visto questa, che ho trovato gradevole e ad un prezzo adeguato alle mie intenzioni di spesa, l'ho acquistata. Una volta osservata in modo più attento, ho notato che il tondello presenta delle bolle, mentre le leggende, soprattutto le firme degli incisori, mi sembrano un poco confuse. Oltre a questi elementi, ho verificato anche il peso che è risultato di 26,14 g.,  molto inferiore ai circa 32 grammi di peso di questa moneta. Il diametro è regolare (44 mm), la moneta non presenta segni di tosatura e non presenta neppure segni di usura evidenti, se non al rovescio.   Sapevo che queste monete sono spesso appicagnolate, infatti esiste una traccia di rimozione di un'appendice; però, nel caso di fusione, potrebbe trattarsi anche della rimozione di un codolo. 

A questo punto, prima di riportare la moneta al venditore, persona che apprezzo e dalla quale negli anni avevo già acquistato altri tondelli, gradirei avere un parere anche da altri utenti più esperti ed allenati alla visione di queste bellissime ed affascinanti monete.

Grazie

 

Federico

 

IMG_2778.JPG

IMG_2779.JPG

Link to comment
Share on other sites


Ciao, interessante...

partiamo dalle cose banali da escludere:rolleyes:: sei certo della precisione della tua bilancia?

Altra cosa: sicuro che il materiale sia argento? Dall'aspetto sembrerebbe piombo o stagno...

Michele 

Edited by ZuoloNomisma
  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Se il peso è quello che ci hai comunicato.....il discorso è chiuso. Comunque molte cose non convincono.

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Infatti, il peso è l'elemento decisivo.  E per quanto riguarda questo dato ne sono certo. Per puro scrupolo ho appena provato con un tallero di Maria Teresa e mi dà 28,04 g. . Per quanto concerne il materiale, non mi sembrano piombo o stagno, sono metalli molto malleabili.  Viste le dimensioni corrette, non sono neppure sicuro che sia argento. Ho fatto una prova molto empirica, facendo una proporzione tra il peso dell'esemplare in mio possesso e quello di una moneta autentica, presumendo una parità di massa.

Il risultato è che la copia medaglia dovrebbe essere composta da una lega metallica con il peso specifico di 8,35 Kg per decimetro cubo: lo stagno ha un peso specifico di kg 7,28. Forse si tratta di una lega di stagno e qualcosa d'altro?

 

Link to comment
Share on other sites


Supporter
49 minuti fa, ZuoloNomisma dice:

Ciao, interessante...

partiamo dalle cose banali da escludere:rolleyes:: sei certo della precisione della tua bilancia?

Altra cosa: sicuro che il materiale sia argento? Dall'aspetto sembrerebbe piombo o stagno...

Michele 

Potrebbe essere una copia d'epoca utilizzata come medaglia a scopo devozionale. Credo che la restituirò, l'ho acquistata come moneta e non come medaglia o copia d'epoca.

Grazie a tutti per le risposte

Link to comment
Share on other sites


C’e’ una traccia di appicagnolo

guarda anche la differenza di definizione dei volti dei personaggi con quelli della piastra di Zuolo molto meglio dettagliati

il problema forse non e’ solo l’usura na anche una lega di metallo diversa responsabile anche del peso calante 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Credo che sul Falso non ci siano molti dubbi ma in foto il dubbio è la regola. Sicuramente foto migliori aiuterebbero a chiarire ma come chi mi ha preceduto gli indizi sono tutti per il falso.:whome:

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Se l'hai acquistata per buona  ( con relativo prezzo giusto per la tipologia, NON il prezzo giusto per te....) è meglio restituirla...

saluti

TIBERIVS

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Si vedono bene tante microbolle in negativo sia al diritto che al rovescio. L'esemplare non è coniato ma fuso. Pur non potendo escludere l'ipotesi di un falso d'epoca, dubito che lo sia perchè poco probabile che ne esistano (sarebbero stati riconosciuti immediatamente).

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.