Jump to content
IGNORED

Bronzi provinciali romani e mitologia greca


apollonia

Recommended Posts

Supporter

Bronzo di Commodo con le tre Grazie a braccetto: la prima con la testa a destra, che tiene una corona, la seconda con la testa a sinistra e la terza con la testa a sinistra, che tiene un'anfora (CNG Electronic Auction 225).

301034766_TreGrazieCommodoCNG2250238.jpg.b4e54eacf476051c2e2a32b9b6828278.jpg

MOESIA INFERIOR, Marcianopolis. Commodus. AD 177-192. Æ 26mm (7.70 g, 1h). Bareheaded and draped bust right / The Three Graces, arm in arm: the first with head right, holding wreath, the second with head left, and the third with head left, holding amphora. Hristova & Jekov 6.10.26.2 var. (obv. legend); Moushmov -; Varbanov -. Good VF, dark green patina, light scratches.
From the Mark Staal Collection of the Three Graces.

CNG 225, Lot: 238. Estimate $150. Sold for $280.

apollonia

Edited by apollonia
Aggiunta la valutazione
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Le Grazie sono dee nella religione romana, replica latina delle Cariti greche. Questi nomi fanno riferimento alle tre divinità della Grazia ed erano, probabilmente sin dall'origine, legate al culto della natura e della vegetazione. Sono anche le dee della gioia di vivere e infondono la gioia della Natura nel cuore degli dèi e dei mortali.

Queste dee benefiche sono ritenute figlie di Zeus e di Eurinome e sorelle del dio fluviale Asopo; secondo altri la madre sarebbe Era. Secondo altri autori, le dee greche Cariti sono nate dal Dio Sole (Elios) e dall'Oceanina Egle. Altrettanto accettata è la versione che vede come madre delle Grazie proprio la dea della bellezza e fertilità, sia sessuale (Afrodite è anche la Dea della "vita" sessuale) sia vegetale (non a caso dove camminava spuntavano fiori), Afrodite, la quale le avrebbe generate insieme a Dioniso, dio della vite, e non solo.

Ci sono più versioni anche riguardo al numero delle Grazie, che secondo Esiodo sono tre: Aglaia, ("Bellezza"), Eufrosine ("Allegria") e Talia ("Fioritura).

A Sparta si veneravano solo due Cariti: Cleta (l'Invocata) e Faenna (la Lucente); e due anche ad Atene: Auxo (la Crescente) ed Egemone (Colei che procede).

Nell'immaginario poetico, letterario e culturale, sia ellenico-romano che successivamente nei secoli fino ad oggi, sono rappresentate quasi sempre come tre giovani nude, di cui una voltata verso le altre, le quali incarnano la perfezione a cui l'essere umano dovrebbe tendere, nonché, secondo alcuni autori, le tre qualità essenziali della donna in prospettiva classica.

Con il tempo si è sviluppata una convenzione artistica per la rappresentazione delle Grazie per cui le tre divinità venivano mostrate spoglie, ognuna con un braccio posato sulla figura adiacente, la figura centrale in piedi rivolta nella direzione opposta alle altre. Questa è la convenzione che si trova nelle raffigurazioni numismatiche delle dee.

Da Wikipedia

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Le tre Grazie su un bronzo di Tranquillina, la moglie di Gordiano III (NAC 100).

365281895_TreGrazieNACcremna-tranquillina-wife-of-2916963.thumb.jpg.ddcb54e194330b3126d3acd8a5bb27c4.jpg

An Interesting Selection of Roman Provincial Coinage
Cremna. Tranquillina, wife of Gordian III. Bronze circa 238-244, Æ 7.39 g. SAB TRANQVILLINAM AVGVSTAM Draped bust on crescent r. Rev. COL CREM – N – ENSIVM The three Graces. von Aulock, Pisidiens II, 1419-1429. BMC 11 corr. (Lycaonia, Iconium). SNG von Aulock –. SNG Copenhagen –. SNG France 1512.
Very rare. Green patina and good very fine.

Base d’asta: 200 CHF. Valutazione: 250 CHF. Risultato: 200 CHF.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Su questo bronzo di Massimino I, delle tre Grazie a braccetto quelle a sinistra e a destra tengono ciascuna un fiore, mentre quella al centro tiene un… apprezzabile “lato B”! (Leu Numismatik, Web Auction 4).

875187559_TreGrazieLeuWebAuction4nn-4135442.thumb.jpg.60f2b6b7c1bbfb8f091832fccb4e1351.jpg

Roman Provincial
CILICIA. Tarsus. Maximinus I, 235-238. Hexassarion (Bronze, 34 mm, 24.09 g, 7 h). AYT•K•Γ•IOY•OYH•MAΞIMЄINOC•CЄ• / Π - Π Laureate, draped and cuirassed bust of Maximinus I to right, seen from behind. Rev. TAPCOY MHTPOΠO / A M K Γ / B The Three Graces, arm in arm, those on the left and right each holding a flower. SNG Levante 1096 var. (differing reverse legend). SNG Paris 1605-1606. About very fine.

Base d’asta: 75 CHF. Risultato: 400 CHF.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Su questo bronzo di Gallieno la Grazia centrale è inginocchiata a destra (Numismatik, Auction 62).

1863746448_TreGrazieNumNeumannthrace-serdica-gallienus-253-268-ae-3697885.thumb.jpg.e76aae3dc24d9443ebbc7cb293ad93a6.jpg

Roman Provincial Coins
THRACE. Serdica. Gallienus (253-268). Ae. Obv: AVT K ΓΑΛΛΙHNOC. Radiate, draped and cuirassed bust left, holding spear and shield. Rev: OVΛΠIAC CEPΔIKHC. The Three Graces, with the middle figure kneeling right. Varbanov 2649. Condition: Good fine. Weight: 10.69 g. Diameter: 26 mm.

Base d’asta: 40 EUR. Valutazione: 50 EUR. Risultato: 120 EUR.

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Su questo bronzo di Settimio Severo le Grazie stanno dietro al dio fluviale Hebrus, reclinato a sinistra su un'urna rovesciata (Numismatik Naumann, Auction 102).

129429399_TreGrazieNumNaumann1026966386.thumb.jpg.af5949895e0f9e2b2311979753d1be32.jpg

Roman Provincial Coins
THRACE. Traianopolis. Septimius Severus (193-211). Ae. Statilus Barbarus, hegemon.
Obv: AY K Λ CEΠ CEVHPOC Π.
Laureate head right.
Rev: HΓ CTATI BAPBAPOY TPAIANOΠOΛITΩN.
River-god Hebrus reclining left on upturned urn; behind, the Charites (the Three Graces) standing facing.
Varbanov 2739.
Very rare
Condition: Near very fine.
Weight: 13.23 g.
Diameter: 32 mm.

Base d’asta: 200 EUR. Valutazione: 250 EUR. Risultato: 1.500 EUR.

apollonia

 

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Le tre Grazie su una tessera di piombo uniface (Leu Numismatik, Web Auction 17).

1422944599_TreGraziePbLeuWA17asia-minor-uncertain-2nd-3rd-centuries-7278872.jpg.abac5a80a4c92f09cc5407670a6151bb.jpg

Roman Provincial
ASIA MINOR. Uncertain. 2nd-3rd centuries. Tessera (Lead, 13 mm, 1.45 g). The Three Graces. Rev. Blank. Rostovtsev, Римские свинцовые тессеры (1903), 54. Cf. Gülbay & Kireç 52a, 53a, 55a, 56a, 57a, 58a (paired with different reverse types). Cf. Münzzentrum Rheinland 177 (2016), 257 (paired with Artemis Ephesia). Cf. Numismatik Naumann 52, lot 299 (paired with Artemis Ephesia). Somewhat rough, otherwise, about very fine.
From a collection of lead tesserae from Asia Minor, Leu Web Auction 16, 22-24 May 2021, 3128.

Base d’asta: 25 CHF. Risultato: 160 CHF.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Qui le tre Grazie su uno specchio votivo, pure di piombo (Leu Numismatik, Web Auction 19 ).

1286200121_TreGrazieLeuPbWA19asia-minor-uncertain-2nd-3rd-centuries-7905369.jpg.c754053aaab224931a963660c7629fdd.jpg

Roman Provincial
ASIA MINOR. Uncertain. 2nd-3rd centuries. Votive Mirror (Lead, 36 mm, 8.54 g). The Three Graces, arm in arm, the one on the left and right each holding a flower. Rev. Circle around central dot, otherwise blank. An attractive piece of fine style. Bent and straigthened, otherwise, good very fine.

Base d’asta: 50 CHF. Risultato: 300 CHF.

apollonia

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Oricalco di Ierapoli (Frigia) che raffigura sul iritto l’imperatore Claudio e sul rovescio Apollo a cavallo, con ascia bipenne sulla spalla sinistra (Leu Web Auction 14).

phrygia-hierapolis-claudius-41-54-assarion-6606129.webp.dc162913fbca7238e5e2fa6bbbb5ad48.webp

Roman Provincial
PHRYGIA. Hierapolis. Claudius, 41-54. Assarion (Orichalcum, 20 mm, 6.30 g, 12 h), M. Sullios Antiochos, grammateus. KΛAYΔIOΣ KAIΣAP Laureate head of Claudius to right. Rev. M ΣYIΛΛIOΣ ANTIOXOΣ ΓPA IEPAΠOΛITΩN Apollo on horseback to right, holding double-axe over his left shoulder. BMC 114. RPC I 2970. An exceptional, very sharply struck example with a beautiful black patina. Struck slightly off center, otherwise, nearly extremely fine.

Starting price: 75 CHF. Result: 120 CHF.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

 

Bronzo di Ierapoli (Frigia) che raffigura sul rovescio Apollo a cavallo con ascia bipenne (Saint Paul Antiques, Auction 7).

132120.m.jpg.cedd79c297b8f8bc264be9fd5d6a9436.jpg

Roman Provincial
Nero (54-68). Phrygia, Hierapolis. Æ (19mm, 5.45g, 12h). Ti. Dionysios, magistrate. Bare-headed and draped bust r.; c/m: radiate head within circular incuse. R/ Apollo on horseback r., holding double-axe. RPC I 2975; SNG von Aulock 3650; Waddington 6149; for c/m: Howgego 6-8. Green patina, VF

Prezzo iniziale: 20 GBP. Risultato: 85 GBP.

 

 

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Ierapoli (Hierapolis se si segue il nome greco antico) è una città ellenistico-romana della Frigia, uno dei siti archeologici e naturalistici più frequentati del Mediterraneo.

Apollo era il dio protettore della città e nel suo santuario vi era l'accesso al Plutonion, ovvero una grotta da cui escono velenosissimi vapori sulfurei che gli antichi consideravano l'ingresso degli Inferi, dimora del dio Plutone.

Da https://www.romanoimpero.com/2020/04/hierapolis-ierapoli-turchia.html

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Bronzo di Tiatira che raffigura sul rovescio Apollo Tyrimnaios a cavallo, con l’ascia a doppia lama (bipenne) (https://rpc.ashmus.ox.ac.uk/coins/4/1556)

323073766_207334d.jpg.d9a4b93c990e004b95f37d5f207682cb.jpg  1931421625_207334r.jpg.872e0b363f8ace5dc82d4f0210f009a3.jpg

Province              Asia

Subprovince      Conventus of Pergamum

City        Thyatira 

Region  Lydia

Reign    Marcus Aurelius

Obverse inscription        ΒΡΟΥΤΤΙΑ ΚΡΙϹΠΙΝΑ

Obverse design draped bust of Crispina, r.

Reverse inscription         ΑΛΙ ΘΥΑΤΙΡΗΝΩΝ

Reverse design Apollo-Tyrimnaios on horseback, l., wearing radiate crown, naked but for chlamys, holding double axe

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Storicamente la città di Tiatira era la meno importante di tutte le sette città dell'Apocalisse. Essa era situata tra i confini della Misia e della Ionia. Essa era circondata da molti fiumi, ma questi pullulavano di sanguisughe. La sua caratteristica piú lodevole e finanziariamente ben avviata, era dovuta alle sue organizzate corporazioni di vasellame, concerie, tessitura, tintorie, sartorie, ecc. Fu da questa città che venne Lidia, la commerciante di porpora. Ella fu la prima Europea convertita da Paolo.

La piú importante religione di Tiatira era l'adorazione di Apollo Tyrimnaios, il quale veniva adorato insieme all'imperatore. Apollo era il dio sole, ed in quanto a potenza, veniva subito dopo suo padre Zeus. Egli era conosciuto quale il 'distoglitore del male'; egli presiedeva sulle leggi religiose e sull'espiazione (mezzo di espiazione, facendo ammende per malefatte o colpe). Di lui Platone disse: "Egli spiega agli uomini le istituzioni del tempio, dei sacrifici ed i servizi alle deità, oltre ai riti connessi con la morte e dopo la vita". Tramite i profeti e gli oracoli, egli comunicava agli uomini la sua conoscenza del 'futuro' e la 'volontà di suo padre'. In Tiatira, questo rito veniva condotto da una profetessa, la quale stava seduta sopra una sedia a tre piedi, e rilasciava i suoi messaggi mentre era in trance.

Da http://www.lavocedidio.com/Tiatira.asp

apollonia

 

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Medaglione di bronzo di Commodo (Tiatira, Lidia) che raffigura sul rovescio Asclepio e Apollo con bipenne (Numismatik Naumann 51).

lydia-thyatira-commodus-177-192-medallion-2766294.thumb.jpg.9bff99ae947313cf536413ac87acefba.jpg

LYDIA. Thyatira. Commodus (177-192). Medallion. M. Aur. Athenaios, strategos. Obv: ΑV ΚΑΙ M ΑVΡH ΚOΜΜOΔOС. Laureate, draped and cuirassed bust right. Rev: ЄΠI CTPA M AVP AΘHNAIOV / ΘVATЄIPHNΩN. Asclepius standing facing, leaning upon serpent-entwined staff; to right, Apollo standing slightly left, holding branch and bipennis. RPC IV online 8494; Mabbott 1851-2.
Very rare, with RPC online citing just four examples. Likely the finest known. Condition: Good very fine. Weight: 39.81 g. Diameter: 44 mm.

Base d’asta: 2.400 EUR. Valutazione: 3.000 EUR. Risultato: 3.500 EUR.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Bronzo di Traiano che mostra al rovescio Apollo nudo in piedi di fronte, testa a sinistra, con un ramo d'alloro nella mano destra estesa e una doppia ascia nella sinistra da cui pende una clamide (https://rpc.ashmus.ox.ac.uk/coins/3/1815).

682397333_52361d.jpg.3d3573205fea52e94c7c7c44df85f8ec.jpg  228670085_52361r.jpg.b3ad401cdaddf034522c82796a4ceeb6.jpg

Province              Asia

Subprovince      Conventus of Pergamum

City        Thyatira 

Region  Lydia

Reign    Trajan

Obverse inscription        ΑΥΤ ΚΑΙ ΝΕΡΒΑ ΤΡΑΙΑΝΩ ϹΕ ΓΕΡ

Obverse design laureate head of Trajan, r., with small aegis

Reverse inscription         ΑΝΘΥ ΦΟΥϹΚΩ, ΘΥΑ/ΤΕΙ//ΡΗ/ΝΩΝ (in field, l. and r)

Reverse design Apollo Tyrimnaios naked standing facing, head l., holding a laurel-branch in his extended r. hand, a double-axe in his l. from which hangs chlamys.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Bronzo di Marco Aurelio che mostra al rovescio Apollo-Tyrimnaios nudo in piedi in quadriga al galoppo, a sinistra, con corona radiata, con in mano un ramo d'alloro e una doppia ascia; sotto i cavalli, il dio del fiume (Lykos) reclinato, a destra, con una canna in mano, appoggiato su un'urna (https://rpc.ashmus.ox.ac.uk/coins/4/1536).

1424423216_189914d.jpg.71852b2a944d1c177ee913bd62599df5.jpg  1922809117_189914r.jpg.0f845f98e20f77bf13b582a8909e0bac.jpg

Province              Asia

Subprovince      Conventus of Pergamum

City        Thyatira 

Region  Lydia

Reign    Marcus Aurelius

Obverse inscription        ΑV ΚΑΙ Μ ΑV[ΡΗ]ΛΙ ΑΝΤΩΝ ΑΡΜ

Obverse design bare-headed bust of Marcus Aurelius (long beard with short curls) wearing cuirass and paludamentum, r., seen from centre

Reverse inscription         ΘVΑΤΕΙΡΗΝΩΝ

Reverse design nude Apollo-Tyrimnaios standing in galloping quadriga, l., wearing radiate crown, holding laurel-branch and double axe; below horses, river-god (Lykos) reclining, r., holding reed, resting on water-urn.

 

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Bronzo di Filippo I che mostra al rovescio Apollo Tyrimnaios in piedi, di fronte con la testa a sinistra, che regge un ramo e una doppia ascia, tra le due Nemesi di Smirne, quello a sinistra che regge una briglia e quello a destra un cubito; ai piedi, una ruota (https://rpc.ashmus.ox.ac.uk/type/20183).

101111d.jpg.f59ff32498cd2893ee738a6e03996eb5.jpg  101111r.jpg.fcbc81c363a3b4a0284f789652dc7fb3.jpg

Province              Asia

Subprovince      Conventus of Thyatira

City        Thyatira 

Region  Lydia

Reign    Philip I

Obverse inscription        ΑΥ Κ Μ ΙΟΥ ΦΙΛΙΠΠΟϹ

Obverse design laureate, draped and cuirassed bust of Philip I, r., seen from rear

Reverse inscription         ΘΥΑΤƐΙΡΗΝΩΝ ΟΜΟΝΟΙΑ Κ ϹΜΥΡΝΑΙΩΝ Ϲ Α Ο ΑΡΧΙΜΗΔΟΥϹ

Reverse design Apollo Tyrimnaios standing facing, head l., holding branch and double axe, between the two Nemeses of Smyrna, the l. one holding bridle and the r. one cubit; at feet, wheel.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Nemesi (o Nemesis) è la dea greca della giustizia divina e della vendetta, perseguitatrice dei malvagi che non avevano fatto buon uso dei doni offerti loro dalla sorte. È lei che mise in atto la punizione divina su Narciso per la sua vanità, attirandolo in una pozza dove scorse il proprio riflesso e se ne innamorò, finendo per morire.

Nemesi entra nella mitologia come figlia della Notte, di cui si innamorò Zeus. La madre di Nemesi la nascose a Zeus, il quale minacciò di gettarla nel Tartaro se non avesse liberato la figlia. Cosa che quindi fu costretta a fare. Nemesi cercò in ogni modo di sfuggire al suo innamorato assumendo forme animali tra le più svariate. Giunta ai confini del mondo si mutò in oca selvatica, ma Zeus si trasformò in cigno e si accoppiò con lei. Nemesi nella sua forma di uccello depose un uovo che venne scoperto nelle paludi da un pastore, il quale lo passò a Leda. È in questo modo che Leda, secondo una versione del mito, diventa la madre di Elena di Troia, avendo conservato l'uovo in una cassa fino a quando non si dischiuse e avendo allevato la bimba come una sua figlia.

Secondo un’altra versione del mito, Elena nacque da un uovo della stessa Leda. Costei, sposa di Tindaro, ebbe molti figli, alcuni dei quali però concepiti con Zeus che, innamoratosi di lei, l’aveva sedotta sotto le sembianze di un cigno. Da tale unione nacquero due uova contenenti Clitemnestra e Polluce, Elena e Castore; alcune versioni vogliono però che Clitemnestra e Castore fossero figli di Tindaro e quindi mortali, mentre Elena e Polluce fossero immortali per la paternità di Zeus.

Nemesi riceveva un culto particolarmente importante a Ramnunte, in Attica, dove la statua della dea era addirittura attribuita a Fidia, nonché a Smirne e ad Atene, dove le erano dedicate le feste nemesie, strettamente connesse al culto dei morti e alla loro indispensabile pacificazione con i vivi. A Smirne c'erano due manifestazioni di Nemesi, una dualità interpretata come rappresentazione di due aspetti della dea, la benevola e l'implacabile, ovvero le dee della città vecchia e della nuova città rifondata da Alessandro.

In età ellenistica Nemesi diventerà una delle molte personificazioni della dea Tyche (la «Fortuna»).

 

apollonia

 

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Nemesi sul rovescio di un sesterzio di Adriano (Triton XII).

Nemesi.80000613.jpg.579fc9e5632d026736f9c334cdff3983.jpg

Hadrian. AD 117-138. Æ Sestertius (26.14 g, 6h). Rome mint. Struck circa AD 134-138. HADRIANVS AVG COS III P P, laureate head right / S C across field, Nemesis standing right, holding fold of dress with right hand and branch pointed downward in left. RIC II 779; Strack 704; Banti 720; BMCRE 1549. Good VF, brown patina, short edge split.

Estimate $1000. Sold For $1800. 

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Bronzo di Alessandro Severo (Tiatira, Lidia) con la personificazione della città stante di fronte, testa a sinistra, con kalathos e chitone gonfiato dal vento, che regge la statua di culto di Apollo Tyrimnaios stante, a sinistra, che regge una doppia ascia ( https://rpc.ashmus.ox.ac.uk/coins/6/4382 ).

263879d.jpg.6adb4a8edb65e6af73d1d592c09732d3.jpg  263879r.jpg.32fbee27a48f7b62b5d2846e10b215fc.jpg

Province              Asia

Subprovince      Conventus of Sardis

City        Thyatira 

Region  Lydia

Reign    Severus Alexander

Obverse inscription        ΙƐΡΑ ϹΥΝΚΛΗΤΟϹ

Obverse design draped bust of the Senate, r.

Reverse inscription         ƐΠΙ ϹΤΡ Λ Μ ΠΩΛΛΙΑΝΟΥ ΘΥΑΤƐΙΡΗΝΩΝ

Reverse design City personification standing facing, head l., wearing kalathos and chiton inflated by wind, holding cult-statue of Apollo Tyrimnaios standing, l., holding double-axe.

 

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Bronzo di Alessandro Severo (Tiatira, Lidia) che raffigura al rovescio Apollo Tyrimnaios, radiato, stante di fronte su quadriga di cavalli visti di fronte, con ramo d'alloro e doppia ascia in mano ( https://rpc.ashmus.ox.ac.uk/coins/6/4375 ).

1508725830_246051dmesso.jpg.abeb7f9c5b29ffce017d46f4fb353935.jpg  1080499138_246051rmesso.jpg.28817e5156e2ecf42f00594023c62954.jpg

Province              Asia

Subprovince      Conventus of Sardis

City        Thyatira 

Region  Lydia

Reign    Severus Alexander

Obverse inscription        ΑΥΤΟΚΡ Κ Μ ΑΥΡ ϹƐΒΗΡΟϹ ΑΛƐΞΑΝΔΡΟϹ

Obverse design laureate, draped and cuirassed bust of Severus Alexander, r., seen from front

Reverse inscription         ƐΠΙ ϹΤΡ ΑΥΡ ΚƐΝΤΑΥΡΟΥ ΔΙΟ ΘΥΑΤƐΙΡΗΝΩΝ

Reverse design Apollo Tyrimnaios, radiate, standing facing on quadriga of horses seen from the front, holding laurel branch and double axe.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Bronzo di Elagabalo (Tiatira, Lidia) che raffigura al rovescio l'imperatore in abito militare in piedi, a destra, e Apollo Tyrimnaios in piedi, a sinistra, con la clamide e la doppia ascia in mano; i due sostengono una corona agonistica su un altare acceso tra di loro ( https://rpc.ashmus.ox.ac.uk/coins/6/4356 ).

260825d.jpg.9786b9bf931a8ad34fdf9c116d7477fe.jpg   260825r.jpg.b121eeb6755fe88c42240ddff16bbf6f.jpg

Province              Asia

Subprovince      Conventus of Sardis

City        Thyatira 

Region  Lydia

Reign    Elagabalus

Obverse inscription        ΑΥΤ ΚΑΙ Μ ΑΥΡ ΑΝΤΩΝƐΙΝΟϹ

Obverse design laureate and cuirassed bust of Elagabalus, r., wearing cuirass decorated with Gorgon's head, seen from front

Reverse inscription         ƐΠΙ ϹΤΡ Τ ΚΛ ϹΤΡΑΤΟΝƐΙΚΙΑΝΟΥ ΘΥΑΤƐΙΡΗΝΩΝ ΠΥΘΙΑ

Reverse design the Emperor in military dress standing, r., and Apollo Tyrimnaios standing, l., wearing chlamys and holding double axe, the two supporting an agonistic crown over a lighted altar between them.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Bronzo di Elagabalo (Tiatira, Lidia) che raffigura al rovescio l’imperatore in abito militare, in piedi a sinistra, che impugna la lancia e stringe la mano a Tyche della Città, che regge un lungo scettro e alla statua di culto di Apollo Tyrimnaios che regge una doppia ascia; tra loro, altare illuminato; a destra, Nike stante, a sinistra, che regge un ramo di palma e incorona l'imperatore da dietro con una corona di fiori ( https://rpc.ashmus.ox.ac.uk/coins/6/4317 ).

1518819161_natived.jpg.356d25eaa86a07bfcc6df033b3c70a1d.jpg   1403077327_nativer.jpg.0c608c63029342815c924d9a245cecde.jpg

Province              Asia

Subprovince      Conventus of Sardis

City        Thyatira 

Region  Lydia

Reign    Elagabalus

Obverse inscription        ΑΥΤ ΚΑΙ Μ ΑΥΡ ΑΝΤΩΝƐΙΝΟϹ

Obverse design laureate, draped and cuirassed bust of Elagabalus, r., seen from front

Reverse inscription         ƐΠΙ ϹΤΡ ΚΛΩ ΑΥΡ ΔΙΟΝΥϹΙΟΥ ΙΠΠΙΚΟΥ ΘΥΑΤƐΙΡΗΝΩΝ

Reverse design emperor in military dress standing, l., holding spear and clasping hands with Tyche of the City, holding long sceptre and cult-statue of Apollo Tyrimnaios holding double-axe; between them, lighted altar; to r., Nike standing, l., holding palm branch and crowning the emperor from behind with wreath.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Apollo Sminteo

Bronzo di Gallo Treboniano (Alessandria Troade) che raffigura al rovescio Apollo seduto a destra, servito dal pastore Ordes in piedi al centro sullo sfondo su un tavolo a tre gambe davanti a lui, che con la mano destra alzata mostra al pastore le sue frecce; nel campo a destra siede il sacerdote Krines, nel campo a destra in alto si vede un topolino trafitto da una freccia (Gorny & Mosch 276).

498449116_ApolloSminteoGorny8010112.m.jpg.2ae3cfdf48347ddea4c22a5b5727cf83.jpg

RÖMISCHE PROVINZIALPRÄGUNGEN
UNBESTIMMTES KLEINASIEN. ALEXANDRIA TROAS.
Trebonianus Gallus, 251 - 253 n. Chr. AE As ø 21mm (6,08g). Vs.: IMP VIB TREB GALLVS AV, drapierte Panzerbüste mit Lorbeerkranz n. r. Rs.: C-O-L - AV-G / TROAD, der r. sitzende Apollon wird von dem in der Mitte im Hintergrund stehenden Hirten Ordes mit auf einem dreibeinigen Tisch vor ihm liegenden Speisen bewirtet, mit der erhobenen Rechten zeigt Apollon dem Hirten seine Pfeile, r. im Feld sitzt der Priester Krines, im Feld r. oben sieht man eine kleine, von einem Pfeil durchbohrte Maus. Bellinger, Troy A 402; RPC IX 413 (stempelgleich!).

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Supporter

La rappresentazione mitologica del rovescio di questo bronzo si riferisce alla leggenda del culto della città di Alessandria Troade tramandata da Polemone nell'Iliade-Scholion (Polemone frg. 31, Preller, FHG III 124f., 31), secondo la quale Apollo, adirato con il suo sacerdote Krinis che lo venerava nella città di Chryse (vicino ad Alessandria Troade), aveva provocato un’invasione di topi che distrussero tutti i raccolti della zona. Ma poi, pentitosi, Apollo volle riconciliarsi con il suo sacerdote e si recò da Ordes, il superiore del sacerdote, dal quale fu accolto con ospitalità senza essere riconosciuto, e gli promise di distruggere immediatamente i topi con le sue frecce. L'animale rappresentato su questa moneta, trafitto da una freccia, rappresenta uno dei topi. Si rivelò quindi a Ordes come un dio e gli ordinò di comunicare la sua apparizione al sacerdote Krinis. In seguito Ordes e Krinis fecero erigere a Chryse un santuario e diedero ad Apollo l'appellativo di "Smintheus" (cioè "il topo Apollo").

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.