Jump to content
IGNORED

Un abbraccio ai Marchigiani


ARES III
 Share

Recommended Posts

Dopo il diluvio, i morti, la disperazione e la paura per gli scomparsi, la devastazione ....

Un abbraccio di cuore ai Marchigiani.

  • Like 4
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Ciao!

Mi unisco all'abbraccio.

Luciano

Link to comment
Share on other sites


3 minuti fa, ARES III dice:

Da te la situazione com'è ?

Qui a Fabriano è piovuto molto ieri pomeriggio e in serata, ma in città, a quanto ne so, non ci sono stati particolari problemi. E' andata peggio nei dintorni, ad Albacina, una frazione a 6-7 km. dal capoluogo, si è aperta una voragine in strada

https://www.radiogold.tv/2022/09/16/maltempo-a-fabriano-una-voragine-ad-albacina/

Danni di un certo peso sono segnalati in due Comuni vicini, Cerreto d'Esi

https://www.radiogold.tv/2022/09/16/cerreto-desi-maltempo-il-sindaco-sfollati-tante-segnalazioni-e-danni-ingenti/

e, soprattutto, Sassoferrato

https://www.qdmnotizie.it/sassoferrato-maltempo-e-danni-situazione-critica/

Per fortuna non ci sono state vittime, ma purtroppo altrove è stata una strage :(

Da marchigiano, anche se non direttamente colpito, ringrazio tutti per la solidarietà.

Link to comment
Share on other sites


Stamattina c'è il sole, e non fa nemmeno freddo, alle 8 quando mi sono alzato c'erano già 22°, adesso sono addirittura 27°, nel pomeriggio non sembra prevista pioggia, ma domani sì, speriamo non si ripeta quanto accaduto ieri.

@ARES III sbaglio o tra le tue tante "radici", ce ne sono anche di marchigiane?

petronius

Link to comment
Share on other sites


A Cantiano (PU) mi hanno detto che è un disastro, mancano ancora gas, acqua, elettricità e il telefono è traballante.

I danni economici sono immensi: il sindaco afferma che "Il centro storico non esiste più".

 

alluvione-cantiano-marche-2-1.jpg.webp

alluvione-cantiano-marche-17-768x1024.jpg.webp

Alluvione-Marche-un-fiume-di-fango-su-Cantiano-e-Pietralunga.-La-situazione-stamani_opengraph.jpg

cantiano-1024x768.jpg.webp

fango_e_auto_distrutte_la_piazza_di_cantiano_il_giorno_dopo_la_bomba_dacqua_656_ori_crop_MASTER__0x0.jpg

cantiano-1200x675.jpeg

  • Sad 2
Link to comment
Share on other sites


1 minuto fa, ARES III dice:

A Cantiano (PU) mi hanno detto che è un disastro

Sì, avevo letto fin da ieri sera che Cantiano era stato uno dei luoghi più colpiti :(

Link to comment
Share on other sites


Sto contattando conoscenti per avere più informazioni, ma è difficile a causa delle telecomunicazioni traballanti.

Link to comment
Share on other sites


Dalle notizie che ho avuto a Cantiano non ci sono danni alle persone, grazie a Dio, ma l'intero paese è sottosopra e distrutto, per non parlare di tutte le attività (capannoni, bar, negozi, forno, banca, farmacia ...).

In un piccolo borgo equivale alla morte economica di una comunità.

Non c'è più lavoro, le famiglie sono ora sull'orlo del fallimento e dell'indigenza.

Che Dio e lo Stato ci aiutino, in tempi rapidi.

Link to comment
Share on other sites


3 ore fa, ARES III dice:

Che Dio e lo Stato ci aiutino, in tempi rapidi.

Allora siamo messi bene

Edited by pato19
Link to comment
Share on other sites


"Cantiano non esiste più: siamo senza luce, acqua e gas. Noi isolati dal mondo"

La vicesindaca Natalia Grilli: "Spazzati via tutti i bar, la farmacia, i negozi, anche alcune case. Ci avevano detto che ci sarebbe stata solo un'allerta gialla"

Natalia Grilli, vicesindaca di Cantiano, parla senza riuscire a trattenere le lacrime: "Mi scusi - dice al telefono - ma sono molto provata. Mio marito era tra le persone rimaste bloccate in macchina tra due frane, era fuori dal paese in una frazione vicina. E' riuscito liberarsi e a tornare a casa solo stanotte".

Vicesindaca, il suo sindaco Alessandro Piccini dice che Cantiano non esiste più. E' così?

"Il centro storico del Paese non c'è più. La piazza principale è stata travolta dalla forza del fango che ha invaso e distrutto i bar, la farmacia, gli esercizi commerciali portando via tutti gli arredi, tutto. La porta del Comune è stata divelta, l'ufficio anagrafe completamente sommerso. Solo la parte alta del Paese, quella in collina, si è salvata, la parte bassa, quella commerciale, è completamente distrutta".

Per fortuna non avete né vittime né dispersi. Ce lo conferma?

"Sì, almeno questo, è stato un miracolo perché tutto è avvenuto improvvisamente in mezz'ora, intorno alle 18, proprio nell'orario in cui le persone sono in giro o tornano a casa dal lavoro. Io stessa ero rientrata alle 17 con la spesa e tutto era normale, un'ora dopo non si poteva più uscire. Qui sotto casa mia hanno salvato una ragazzina tirandola su di peso, anche una signora è stata salvata con una corda".

Com'è la situazione adesso? Di cosa avete bisogno nell'immediato?

"Da ieri pomeriggio siamo senza acqua, elettricità e gas. Di questo abbiamo bisogno, che sia ripristinatata subito almeno la luce. Siamo completamente isolati dal mondo, non possiamo neanche ricaricare le batterie del cellulare, non abbiamo la rete internet, non possiamo vedere la tv. Ci sentiamo fuori dal mondo senza sapere cosa sta succedendo. Per fortuna ha smesso di piovere, e la gente si è messa subito al lavoro per cercare di portare in salvo dalle case coinvolte le proprie cose e per cominciare a liberare il centro abitato".

Eravate stati avvisati di una possibile bomba d'acqua?

"Assolutamente no, c'era un'allerta gialla ma nessuno si sarebbe mai immaginato una cosa del genere. E' successo tutto in mezz'ora, sono esondati tutti i fiumi. Ma all'inizio nessuno di noi ha compreso la drammaticità di quello che stava accadendio fino a quando non abbiamo visto case trascinate via dalla forza del fango. Non so davvero come faremo a ripartire, i danni sono enormi, non sarà facile ripartire in un Paese come il nostro. Speriamo che non ci lascino soli".

https://www.repubblica.it/cronaca/2022/09/16/news/vicesindaca_cantiano-365911785/

 

Link to comment
Share on other sites


Mi hanno contattato alcuni residenti e sono infuriati per la generosità governativa:

https://www.google.com/amp/s/ampvideo.repubblica.it/amp/dossier/governo-draghi/alluvione-nelle-marche-draghi-stanziati-gia-5-milioni-per-i-primi-interventi/426032/426985

Ma 5 milioni, anche se come primo stanziamento (seppure è una somma di tutto rispetto per un solo individuo o per una singola famiglia), sono una cifra irrisoria se si calcola che dovrà essere ripartita fra tanti Comuni! A cosa e per quanto possono bastare, visti anche i rincari e l'inflazione galoppante? Ma per le armi, in un paio di ore, i miliardi li hanno trovati ! Che vergogna che provo!

Scusate lo sfogo!

Vi prego non commentate questo, non parlate di politica , non vorrei che si chiudesse questa discussione.

 

Link to comment
Share on other sites


Supporter

La mia solidarietà e vicinanza alla comunità marchigiana colpita da questa tragedia nonché un abbraccio alle famiglie delle vittime. Comunque mi è sembraro non adeguato lo stanziamento iniziale del governo a fronte di una tale tragedia per cui spero possa essere attivato quanto prima un numero di solidarietà per sostenere i nostri amici marchigiani.

Ho contattato alcuni miei amici nelle Marche e fortunatamente stanno bene ma anche loro hanno confermato che non si ricordavano di aver visto in anni recenti un alluvione apocalittico del genere ma la loro preoccupazione è il dopo... ora ci sono famiglie ed un territorio in ginocchio.

Tutti insieme ce la faremo

Edited by numys
Errore di battitura
Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, numys dice:

Comunque mi è sembraro adeguato lo stanziamento iniziale del governo a fronte di una tale tragedia per cui spero possa essere attivato quanto prima un numero di solidarietà per sostenere i nostri amici marchigiani.

Scusa, senza polemiche, ma hai sentito i sindaci e gli altri amministratori? Hai fatto un sopralluogo per dire che sia adeguato? Poi la solidarietà ci potrebbe e potrá anche essere, ma questo è un compito dello stato e non si può sempre gravare sull'altrui bontà! Anche perché ci sono state delle mancanze su vari livelli amministrativi. Ripeto è abbastanza facile stanziare tantissimi soldi per armamenti e facciamo i pidocchi in queste situazioni ? Non hanno neppure inviato l'esercito per aiutare. Sta gravando tutto sui cittadini la pulizia delle strade, ecc...

Le piccole comunità montane (come quelle delle Marche) sono talmente fragili che ogni volta che vengono colpite da calamità (alluvioni, terremoti, ...) queste muoiono economicamente se non ci sono rapide, concrete e SUFFICIENTI iniziative di aiuto. Se no un paese scompare. E questo purtroppo lo abbiamo già visto moltissime volte.

Edited by ARES III
Link to comment
Share on other sites


Supporter
10 minuti fa, ARES III dice:

Scusa, senza polemiche, ma hai sentito i sindaci e gli altri amministratori? Hai fatto un sopralluogo per dire che sia adeguato? Poi la solidarietà ci potrebbe e potrá anche essere, ma questo è un compito dello stato e non si può sempre gravare sull'altrui bontà! Anche perché ci sono state delle mancanze su vari livelli amministrativi. Ripeto è abbastanza facile stanziare tantissimi soldi per armamenti e facciamo i pidocchi in queste situazioni ? Non hanno neppure inviato l'esercito per aiutare. Sta gravando tutto sui cittadini la pulizia delle strade, ecc...

Le piccole comunità montane (come quelle delle Marche) sono talmente fragili che ogni volta che vengono colpite da calamità (alluvioni, terremoti, ...) queste muoiono economicamente se non ci sono rapide, concrete e SUFFICIENTI iniziative di aiuto. Se no un paese scompare. E questo purtroppo lo abbiamo già visto moltissime volte.

 

Scusami @ARES III ma volevo dire "non adeguato", errore di battitura. Sono completamente d'accordo con te sugli aiuti economici insufficienti ecco perché avevo specificato sul supporto di un numero di solidarietà o qualcosa di simile perché tutti noi possiamo contribuire.?

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Grazie @ARES III per il tuo intervento ho rimediato all'errore, a volte la fretta può creare malintesi.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


27 minuti fa, numys dice:

errore di battitura.

Può capitare. È il bello e il brutto di non essere dal vivo a parlare.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Sono nato a Roma ma vivo nelle Marche del nord da 34 anni e ho imparato ad apprezzare e stimare questa popolazione. È gente che lavora a testa bassa con un forte senso di solidarietà. Ma la solidarietà non può e non deve fare le veci del necessario intervento della Stato. 

Il pericolo è stato gestito con facebook e il passaparola. Mia figlia ha telefonato a un suo amico in Comune che gli ha detto “la piena del Misa è a 5 km dalla città”. Abbiamo fatto i conti con la velocità media dell’acqua e ci siamo attrezzati. 

Una telefonata all’amico, non una telefonata “della” protezione civile.

Tutto affidato alla buona volontà dei singoli.

Questa la considero una grave mancanza dello Stato.

Polemarco

Edited by Polemarco
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.