Jump to content
IGNORED

5 lire scudo 1872 Roma falso


Maregno

Recommended Posts

Buona sera Marengo.

Normalmente, anche sull'argento, l'acido reagente lascia un alone colorato.

Credo  chiaramente, dalle sue parole, che comunque dalla prova effettuata sia emerso che di argento non si tratti.

Si potrebbe  risalire ad un peso specifico facendo due misure sulla moneta per potere azzardare  delle ipotesi.

Buona serata.

Gabriella

 

 

 

Link to comment
Share on other sites


Ero certo della non originalità del tondello ma erroneamente testavo per cercare un ipotetico titolo basso in argento oppure in un bagno dello stesso, ma il rivestimento ha fatto un po' di schiuma ed e scomparso, scoprendo il tondello che e realizzato appunto in un "metallo/lega" che non viene intaccato.

Conoscendo i pesi specifici dei metalli credo che si potrebbe risalire al materiale in cui e fatto, tanto da capire se una simile nefandezza ha avuto un costo di produzione che gli conferisce un minimo di interesse. Tutto lì.

Link to comment
Share on other sites

Awards

Buon giorno Marengo.

Credo che ci sia qualcosa che non funziona.

Se il peso di 40,40 sono grammi, il peso specifico si aggirerebbe su un valore di circa 16/17 che potrebbe essere circa quello dell'oro a 800 di titolo.

Se ha voglia, potrebbe rivedere il tutto e, se possibile, nella maniera più accurata, misurare diametro, spessore e  rifare il peso.

Penso che con un po' di calma, almeno a determinare il peso specifico, potremmo arrivarci.

Cordiali saluti.

Gabriella

 

 

Link to comment
Share on other sites


Buona sera marengo.

Supponendo che lo spessore sia 2,57 e non 12,57 si otterrebbe un peso specifico di circa 7,5.

Tenendo conto di un possibile margine di errore nelle misure e del colore che si vede dalle immagini, potrebbe trattarsi, a mio parere, di ottone al massimo tenore di zinco(60%) il cui peso specifico è all'incirca 7,8.

Buona serata.

Gabriella

Ps. L'ottone però  viene corroso dagli acidi.

 

Edited by ACERBONI GABRIELLA
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Scusate l’ignoranza, ma anche per dare maggiore visibilità.

Che tipo di acido si usa e con quali precauzioni?

Pietra di paragone: cos’è e quali effetti si hanno?

Grazie.

Link to comment
Share on other sites


Buon giorno Oppiano.

Che io sappia la pietra di paragone è una pietra a grana molto fine, tipo ardesia, su cui viene sfregato l'oggetto da testare. La traccia lasciata si confronta con la traccia lasciata da un metallo di cui si conoscono le caratteristiche.

Metodo un po' empirico e di valutazione direi soggettiva.

Per quanto riguarda gli acidi, normalmente, si usa l'acqua regia od il solo acido nitrico. Anche qui non si ha un risultato rigoroso. Ci si basa sul fatto che più l'oro o l'argento  si avvicinano al titolo 1000 meno reagiscono.

Le precazioni usate sono minime anche perché minimo è il pericolo e la quantità di acido in gioco(minuscole gocce).

Si usa semplicemente cura nel maneggiare il contenitore dell'acido con l'oggetto da testare appoggiato su un piano(evidentemente non in mano) e si mantiene una distanza sufficiente a non respirare i vapori.

Cordialità Gabriella

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


@Oppiano

Questo è il metodo che uso io. Non molto poetico rispetto a classici approfondimenti numismatici presenti sul sito, e inoltre calcola che io lo uso non con le monete bensì con l’argenteria.

In foto c’è la pietra di paragone naturale (vivamente raccomandata rispetto a quelle sintetiche), con una traccia di moneta in argento a destra, e una traccia di moneta in alluminio a sinistra. Sullo sfondo la boccetta dell’acido per l’argento.

1.thumb.jpg.4d78acf426253dde1ffe60501ca71880.jpg

Applico l’acido con la spatola incorporata nel tappo.

Se la traccia diventa rossa, c’è presenza di argento (più vivo è il rosso, più alto il tenore di argento). Ogni altro colore significa che non c’è argento.

2.thumb.jpg.4e4e60868f7c47f77f8856b52d107bb0.jpg

Personalmente non guardo la traccia sulla pietra di paragone, ma invece uso un metodo personalizzato per rendere il risultato ancora più evidente: asciugo la traccia con un cotton fioc, e aspetto che il liquido sparisca (questione di pochi secondi).

3.thumb.jpg.3c508987f453fb318468d62dd7de6eea.jpg

In questo modo la differenza è netta.

Queste sono le basi, poi ci sono altre cose a cui far caso (tipico è il caso degli oggetti placcati in argento).

Io preferisco non mettere mai l’acido direttamente sull’oggetto in questione in quanto non mi piace vedere l’alone, il quale che viene lasciato sia sull’argento che sugli altri materiali (almeno con il classico acido che in caso di Ag diventa rosso). Però sono preferenze personali.

 

 

Ps: io prendo tutte le dovute precauzioni del caso, perché l’acido brucia la pelle e la lascia di colore giallognolo (su internet ci sono numerosi esempi di persone con le mani gialle, o con macchie gialle sparse sul corpo a causa di schizzi accidentali di acido).

Le mie precauzioni sono maglia a maniche lunghe, pantaloni lunghi, guanti per prodotti chimici, maschera stile sub che copre gli occhi, visiera come quelle che si usano con il tagliaerba. Non mi piace correre rischi.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Grazie, grazie mille. Sempre utile a fini conoscitivi.

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.