Jump to content
IGNORED

aes rude?


dott. Gordon Freeman
 Share

Recommended Posts

mi hanno detto che trattasi di aes rude il peso e' sui 60 gr, notate qualche disegno impresso sul retro?

che ne pensate?

quanto puo valere?

assomiglia un po a questa forse tranne che il peso

http://www.deamoneta.com/cataloghi/artemid...te/dettaglio/54

Edited by dott. Gordon Freeman
Link to comment
Share on other sites


Potrebbe trattarsi di aes rude anche se noto bordi molto arrotondati.

I frammenti di aes rude sono di classificazione assai labile mancando ogni segno di riferimento (altrimenti diventa il piu' raro e regolare "aes signatum").

La foto del tuo pezzo e' un po' piccola per trarre conclusioni piu' convincenti.

numa numa

Link to comment
Share on other sites


comunque se non sbaglio le zone dove circolavano erano il Lazio e la Campania...

quanto al valore forse dipende dalla grandezza...oppure se presenta qualche simbolo....anche se non mi sembra che ci sia... <_< ....in quanto per presentare simboli dovrebbe essere più piatta e regolare... <_<

comunque nelle aste viene riportata tra le 100 (o anche meno) e le 250 euro....

Edited by apuliensis
Link to comment
Share on other sites


Sicuramente è aes rude, ma la contromarca proprio non la vedo...

l'Aes Rude si differenzia dall'Aes Signatum proprio perchè non ha alcun segno di riconoscimento. Praticamente è un pezzo di bronzo senza una forma specifica "rude" per l'appunto che veniva usato come mezzo di scambio, una via di mezzo tra il baratto e la moneta vera e propria, dato che il metallo non era deperibile ed era facilmente trasportabile. Naturalmente poteva anche essere fuso ed usato per realizzare degli utensili, in effetti il valore del pezzo era proprio il valore di quella determinata quantità di metallo.

Link to comment
Share on other sites


Aspetta Ariminum, ci sono degli aes rude contromarcati, o punzonati come preferisci, che sono molto rari e hanno un maggior valore collezionistico rispetto all'aes rude "semplice". Il signatum è proprio un altro genere. Le contromarche sono spesso simili a crocette, triangoli, tridenti ecc...

Link to comment
Share on other sites


interessante, non ne ho mai visti, riesci ad allegare qualche immagine? in pratica sono una via di mezzo tra il rude e il signatum; ma a cosa servivano le contromarche? nell'aes signatum il marchio veniva fatto in fase di produzione, nel caso di contromarca invece il segno viene apposto successivamente...

ciao

Link to comment
Share on other sites


esiste qualche teoria su chi e perchè mettesse quei marchi su dei pezzi di bronzo informe? forse era una garanzia sul peso, magari tutti i pezzi sono riconducibili ai multipli e sottomultipli del sistema ponderale dell'epoca e della zona di provenienza dei pezzi.

Link to comment
Share on other sites


Supporter

:) DE GREGE EPICURI

J.Haeberlin nel 1902 ("Aes grave") ha proposto lo stadio intermedio dell'AES FORMATUM, che ha inserito fra le due categorie dell'AES RUDE e AES SIGNATUM. Questo aes formatum sarebbe un po' più regolare anche nella forma perchè fuso in stampi primitivi, e talvolta (specie nelle zone di Tarquinia e Perugia) presenterebbe semplicissimi segni (stelle, falci di luna, croci) oppure cifre.

La questione è ripresa dallo Zehnacker in "Moneta", Roma, 1973, vol I, p. 201. Si tratterebbe comunque di metallo fuso da privati.

Link to comment
Share on other sites


io sono sempreconvinto che si spacci per aes rude qualunque pezzo informe di rame....( anche se lessicalmente è ineccepibile e nn si può controbattere )

Link to comment
Share on other sites


in effetti il metallo al tempo valeva in quanto tale e a prescindere dalla sua forma... impossibile poi dire se un determinato pezzo informe di metallo sia mai stato usato all'epoca come mezzo di scambio o solo come materiale da fondere per ricavarci oggetti. Del resto l'aes rude non era ancora moneta; diciamo che ogni pezzo di metallo, nella fase post-baratto, potenzialmente poteva essere usato come moneta.

Personalmente trovo inutile collezionarli; ritengo invece interessante che venga inserito ad esempio in un museo che abbia l'obiettivo di rappresentare l'evoluzione del concetto di moneta, ma a titolo puramente didascalico.

Link to comment
Share on other sites


Il materiale da fondere per ricavarne oggetti era prezioso per definizione. Lavorato aveva un valore aggiunto, ma cmq era utilizzato come mezzo di scambio, proprio in funzione premonetale. In definitiva non c'è molta differenza tra aes rude e aes signatum (regolarità di impostazione di quest'ultimo a parte). Capita spesso di vedere nelle aste pezzi di aes signatum spezzettati in una sorta di aes rude (è il peso che ha valore intrinseco, l'idea della convenzione monetaria è ancora debole). Per questo hanno molto valore gli aes rudi contromarcati.

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.