Jump to content
IGNORED

L'UNIONE FA LA FORZA?


gpittini
 Share

Recommended Posts

Supporter

DE GREGE EPICURI

Avevo promesso di prendere contatti con la SNI, e faccio il punto sulla questione. Sul Bollettino COMUNICAZIONE n. 57 uscito recentemente è comparso questo trafiletto, che riporto integralmente:

"RAPPRESENTANZA" del mondo numismatico italiano.

Alcuni soci sono ritornati su questo argomento con e-mail e lettere: l'argomento è ancora all'ordine del giorno del prossimo Consiglio, come lo era stato dell'ultimo (vedi COMUNICAZIONE 56, gennaio 2008) e li invitiamo a leggere quanto il nostro Presidente aveva detto in Assemblea. La speranza è che nel frattempo si definiscano le "richieste" del mondo numismatico e che si possa trovare maggiore comprensione da parte delle Autorità.

Non posso citarvi anche il riassunto delle dichiarazioni in Assemblea del presidente, riportato nel bollett. 56, sarebbe troppo lungo. L'insieme risultava abbastanza generico, diciamo una certa disponibilità ad interessarsi all'argomento, ma anche la sottolineatura delle difficoltà. La SNI è consapevole che molti, specie le associazioni dei commercianti, hanno preferito e forse preferiscono muoversi in proprio, e procedere quindi in ordine sparso (questa è una mia libera esplicitazione, alla SNI sono molto più diplomatici).

Successivamente il Direttivo si è tenuto. Pare si sia deciso di sondare un avvocato che ha discreta competenza in materia, per capire quanto verrebbe a costare e quanto tempo richiederebbe una messa a punto aggiornata, complessiva e ragionata dello stato attuale delle cose (diciamo: dalla normativa, alle proposte di integrazione e modifica che vanno per la maggiore). Poi si vedrà.

Non aggiungo commenti, che mi paiono prematuri. Personalmente attendo di vedere che cosa succede. Dico solo, dopo aver parlato con alcuni commercianti della NIA e della NIP, che la strada per una certa (anche minima) unitarietà di intenti mi sembra ancora lunga.

Link to comment
Share on other sites


Ho qualche perplessità

attualmente la normativa in vigore non prevede oneri particolarmente gravosi per i collezionisti e i commercianti.Potrebbe essere utile un riconoscimento del collezionismo privato ma sospetto che il legislatore, muovendosi in questa direzione, potrebbe prescrivere fastidiosi ed inutili obblighi in capo a molti collezionisti.L'attuale normativa è più che buona,bisognerebbe migliorarla per ciò che riguarda la definizione di "bene culturale" e migliorarla da un punto di vista formale per renderla meno soggetta ad interpretazioni personali. Per quanto riguarda determinati aspetti giudiziari (es. sequestri per i collezionisti che hanno acquistato monete su ebay) reputo che bisogna modificare ben poco di alcune norme del codice penale semmai bisognerebbe sperare su maggiori investimenti economici e su nuove norme procedurali che velocizzino i procedimenti giudiziari

Edited by Fid
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.