Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
caiuspliniussecundus

SULL’AUTENTICITA’ DEGLI AUREI IMPERIALI

32 risposte in questa discussione

Cari amici

Vi propongo il sunto di un articolo molto interessante comparso sul RIN del 2008 109 pg 175-198. Questo articolo, a nome di D Ferro e C Botrè, si propone di discriminare l’autenticità di due aurei mediante alcune metodiche scientifiche molto avanzate, Perdonatemi le inesattezze e la sinteticità, ma l’articolo è moto tecnico e ho cercato di andare al nocciolo della questione, evitando le parti più complesse. Voglio ringraziare inoltre Aemilianus per avermi fornito l’articolo.

La premessa è ovviamente l’inquietante proliferare di monete d’oro false, prodotte con le tecnologie più avanzate, in particoalre la presso-fusione, che permette di ottenere delle monete identiche all’originale clonato ed indistinguibili (checché ne dicano sedicenti esperti) anche all’occhio più esperto.

Materiali e metodi:

Lo studio ha avuto come oggetto due aurei, (uno di Julia Domna e uno di Sesto Pompeo) uno sicuramente originale ed uno sicuramente falso.

Le metodiche utilizzate sono la SEM (scanning electron microscopy) e la EDS (energy dispersion spectroscopy). La SEM , raggiungendo ingrandimenti molto elevati, permette di indagare la superficie della moneta meglio che con un comune microscopio, in particolare permette di visualizzare la struttura granulare dell’elemento che compone la moneta, cioè l’oro. L’EDS permette di studiare la composizione della lega mediante analisi spettroscopica.

I risultati della SEM e dell’EDS sono stati raffrontati.

Risultati:

1. Sull’aureo originale la SEM ha permesso di evidenziare:

- noduli di oro cristallizzato (anche l’oro cristallizza, anche se meno dell’argento)

- inclusioni di materiale di giacitura

- presenza di piccole cavità di corrosione intergranulare avvenute a spese degli elementi ossidabili della lega (fondamentalmente il rame e l’argento).

- l’elemeno più importante: i granuli d’oro appaiono appiattiti superficialmente, questo appiattimento è dovuto alla violenza istantanea della mazzata che ha prodotto la moneta e costituisce la prova che la moneta è prodotta per coniazione. Sulle lettere e nelle parti verticali l’applicazione di una forza brusca e non progressiva produce un aspetto a gradini.

Tutto ciò è ampiamente documentato da fotografie (poco chiare al non addetto ai lavori ndr)

L’EDS ha evidenziato la composizione chimica dell’aureo, compatibile con una produzione antica, ovvero Au 98,5%, Ag 1,3%, Cu 0,2%.

2. Sull’ aureo ottenuto per presso fusione la SEM ha evidenziato:

- nessun appiattimento dei granuli d’oro, manca quindi l’evidenza del colpo istantaneo dovuto a percussione. La moneta è stata prodotta da una forza che ha agito progressivamente, uniformemente e su tutta la superficie interessata. Le lettere risultano particolarmente regolari e non hanno l’aspetto a gradini riscontrabile sull’altra moneta.

- non si osservano cristallizzazioni né dell’oro né degli altri componenti della lega.

- riscontro di alcune inclusioni di materiale estraneo alla moneta, risultate poi essere granuli di pasta abrasiva, utilizzata probabilmente per un trattamento successivo alla presso-fusione.

NB: le foto seguenti sono esemplificative, nopn sono quelle dell'articolo.

post-705-1227019841_thumb.jpg

post-705-1227019869_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

EDS: Au 98%, Ag 1%, Cu 1% (e fin qui è perfetto… complimenti al falsario, ndr) ma anche tracce molto esigue ma precepibili di silicio, carbonio, stagno, antimonio ed ossigeno in aggregato cristallino, che suggeriscono possibili trattamenti superficiali moderni e non compatibili con l’origine antica della moneta.

Conclusioni:

La conclusione degli autori è che sia possibile, mediante analisi microscopichge e spettroscopiche, distinguere con certezza un aureo presso-fuso da uno coniato, inoltre l’analisi della lega permette di riconoscere elementi estranei (sempreché non vengano usate leghe antiche per la produzione del falso ndr).

…”fino ad una ventina di anni fa qualificati esperti sono stati i grado di identificare falsi archeologici in generale e falsi monetali in particolare, semplicemente in base a considerazioni stilistiche del reperto; oggigiorno sono aumentate enormemente le perplessità a condividere l'idea che il semplice esame stilistico di un reperto monetale, stante lo sviluppo di nuovi processi tecnologici di cui prima i falsari non disponevano, ma che oggi utilizzano, possa avere carattere definitivo per l'attribuzione di autenticità o meno di una moneta antica. Un dato di fatto è certo: il processo di coniazione secondo il metodo del mondo antico si discosta moltissimo da quelli utilizzati attualmente dai falsari, in quanto basati prevalentemente sul processo di presso-fusione. Questo meccanismo di fabbricazione ha permesso di soppiantare il metodo della falsificazione per fusione, ormai facilmente identificabile con le tradizionali strumentazioni di laboratorio ed anche visivamente, se effettuato da validi esperti. Il processo di coniazione usato in antico si discosta moltissimo da quelli utilizzati attualmente dai falsari, basati prevalentemente sul processo di presso-fusione. Questo meccanismo di falsificazione ha permesso di soppiantare la semplice fusione, ormai facilmente identificabile con le tradizionali strumentazioni di laboratorio ed anche visivamente, se effettuato da validi esperti. “

a voi eventuali commenti

Caius

post-705-1227019978_thumb.jpg

post-705-1227019990_thumb.jpg

post-705-1227020128_thumb.jpg

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Caius per il notevole contributo alla conoscenza di un argomento tanto difficile e tecnico quale è quello dello studio della falsificazione delle monete auree dell'Impero Romano. Enrico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bravo Caius, ottimo sunto. Argomento interessante e "stringente", visto l'aumento esponenziale dei falsi ottenuti per pressofusione, che mi dicono, risultano sempre più perfezionati. <_<

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Argomento estremamente interessante. Suggerirei anche di dare a Cesare quel che è di Cesare e a adamaney quel che è di adamaney ;) (sempre che si tratti della stessa persona)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ottimo Caius. Aggiungerei, se mi è permesso, che uno studio intelligente della moneta deve tener presente anche di eventuali fratture. Una frattura, soprattutto nei pressi del contorno (anche se irregolare), talvolta è facilmente distinguibile se originata da pressofusione o da coniazione autentica.

In sostanza la frattura da colpo secco (come per coniazione) è irregolare, spigolosa, parziale e variamente diffusa; quella originata per pressione graduale è più uniforme, netta, continua e distribuita con regolarità (talvolta addirittura a fascia). E' consigliabile avere sempre la o una moneta termine di paragone, altrimenti potrebbe essere difficile riflettere in tal senso. Questo è un criterio generale e valido in particolar modo per l'oro, ma non esclusivo se si vuole sgamare un falso.

Purtroppo ho difficoltà a reperire immagini di taglio per postare un esempio visivo ma spero che l'intervento possa essere utile lo stesso.

Ottimo post, Caius.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Caius! :)

Molto interessante ed ovviamente molto inquietante. Se per distinguere i falsi sono necessari strumenti così sofisticati, noi poveri collezionisti siamo fritti! :ph34r:

Immagino che le considerazioni per gli aurei valgano, mutatis mutandis, anche per i denari non credete?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Caius! :)

Molto interessante ed ovviamente molto inquietante. Se per distinguere i falsi sono necessari strumenti così sofisticati, noi poveri collezionisti siamo fritti! :ph34r:

Immagino che le considerazioni per gli aurei valgano, mutatis mutandis, anche per i denari non credete?

Per logica i denari, essendo molto più comuni degli aurei, devono per forza essere MOLTO più falsificati degli aurei. Capita spesso di vederne ai convegni e non solo nei banchi dei "soliti bulgari"... <_<

Vedrete a Verona quanti ce ne saranno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Grazie Caius! :) Molto interessante ed ovviamente molto inquietante. Se per distinguere i falsi sono necessari strumenti così sofisticati, noi poveri collezionisti siamo fritti! :ph34r: Immagino che le considerazioni per gli aurei valgano, mutatis mutandis, anche per i denari non credete?
Purtroppo è così,i denari in più offrono il vantaggio di essere più economici, quindi di essere esaminati più velocemente da professionisti e collezionisti Modificato da BiondoFlavio82

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

bell'articolo,ma un pò obsoleto.

Le immagini postate sono un esame o possiamo sapere cosa rappresentano?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Temo anch'io che il discorso sia identico per l'argento. Posso aggiungere però che l'argento cristallizza più facilmente e più velocemente dell'oro per cui i fenomeni di cristallizzazione probabilmente sono più facili da riscontrare. E questo dovrebbe essere un buon elemento in favore dell'autenticità. Trovo interessanti le considerazioni su come rimangano traumatizzate le lettere dal colpo improvviso del conio, mentre invece la pressofusione le produce più dolci e regolari. Su queste cose forse possiamo difenderci anche da soli con un normale microscopio.

NB: Per Numizmo, le foto sono prese a casaccio dai files del mio PC, dimmi però se l'aureo di Nerone ti sembra buono???

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

interessante....tra poco cambio tipo collezione...mi sa che diventa impossibile o estremamente difficile , e per pochi....difendersi dai falsi....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Temo anch'io che il discorso sia identico per l'argento. Posso aggiungere però che l'argento cristallizza più facilmente e più velocemente dell'oro per cui i fenomeni di cristallizzazione probabilmente sono più facili da riscontrare. E questo dovrebbe essere un buon elemento in favore dell'autenticità. Trovo interessanti le considerazioni su come rimangano traumatizzate le lettere dal colpo improvviso del conio, mentre invece la pressofusione le produce più dolci e regolari. Su queste cose forse possiamo difenderci anche da soli con un normale microscopio.

NB: Per Numizmo, le foto sono prese a casaccio dai files del mio PC, dimmi però se l'aureo di Nerone ti sembra buono???

potrebbe anche essere buono.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

interessante....tra poco cambio tipo collezione...mi sa che diventa impossibile o estremamente difficile , e per pochi....difendersi dai falsi....

a proposito di difendersi dai falsi,come è andato l'esame del nerone?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

interessante....tra poco cambio tipo collezione...mi sa che diventa impossibile o estremamente difficile , e per pochi....difendersi dai falsi....

a proposito di difendersi dai falsi,come è andato l'esame del nerone?

come già segnalato è stato consegnato...poi ti farò sapere..Devo anticipare che hai sicuramente un buon ...occhio!!! Bravo complimenti ancora a te..

Io evidentemente dò troppa fiducia...ma da oggi...sarò spietato...

Franco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gli autori (Ferro e Botré) pongono l'accento su un problema serio, quello della falsificazione (moderna) di monete d'oro antiche e più precisamente romane imperiali, ma in una luce differente rispetto a quanto riportato da Caius (non me ne voglia....). In pratica sostengono - giustamente - che le monete autentiche hanno determinate caratteristiche che risaltano immediatamente con apparecchi all'avanguardia come quelli da loro utilizzati; caratteristiche che le monete prodotte con altri sistemi o in altri periodi non possiedono.

Non sostengono però che gli esperti non siano più in grado di riconoscere il buono dal falso o che gli esemplari ottenuti per pressofusione siano indistinguibili dagli originali.

Qualche passaggio risulta un poco ostico (almeno allo scrivente) per via dei contenuti altamente tecnici, ma l'articolo è molto interessante...da leggere assolutamente

Un saluto a tutti

p.s.: il Nerone mi sembra autentico (non la patina rossiccia), ci faccia sapere

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

interessante....tra poco cambio tipo collezione...mi sa che diventa impossibile o estremamente difficile , e per pochi....difendersi dai falsi....

a proposito di difendersi dai falsi,come è andato l'esame del nerone?

Mi è stato anticipato telefonicamente che è stata valutata originale da Moruzzi.....aspetto gli esiti scritti...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Articolo molto interessante.

Al prossimo mercatino cerco un microscopio in saldo, anche arrugginito.

ciao

Stefano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

interessante....tra poco cambio tipo collezione...mi sa che diventa impossibile o estremamente difficile , e per pochi....difendersi dai falsi....

a proposito di difendersi dai falsi,come è andato l'esame del nerone?

Mi è stato anticipato telefonicamente che è stata valutata originale da Moruzzi.....aspetto gli esiti scritti...

Moruzzi é un buon conoscitore delle monete romane.

Dalla foto postata non ho notato caratteristiche "strane". E' stata richiesta la perizia in quanto sono sorti dubbi o solo per una maggior tranquillità dell'acquirente (magari perchè proveniente da un venditore non professionale) ?

Saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao caiuspliniussecundus,

credo che sia molto interessante l'articolo che citi di D.Ferro e C.Botrè sull'autenticità degli aurei imperiali, volevo chiederti se potresti postarlo così da esaminarlo per intero, oppure se potresti darmi qualche indicazione dove cercare questa rivista RIN, io vivo a Roma ma fin ora non l'ho trovata :(

Grazie ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non credo che l'articolo citato possa essere postato perche' probabilmente coperto da copyright

(anche se si potrebbe chiedre permesso ai due autori).

La rivista RIN , ovvero Rivista Italiana di Numismatica e' una rivista scientifica, organo della Societa' di Numismatica Italiana, viene pubblicata una volta l'anno (e' in pratica un libro composto di articoli) e non si puo' acquistare in edicola :D

Viene distribuita gratuitamente ai soci della Societa' (la piu' importante associazione numismatica italiana) . Eventualmente si puo' acquistare dalla Societa' o consultare presso biblioteche pubbliche che normalmente dovrebbero averla.

Fotocopie dell'articolo si possono richiedere, dietro pagamento, alla Societa, il cui indirizzo e':

Via Orti

20100 Milano

La RIN e' la piu' antica rivista di numismatica tuttora in attivita' in Italia e una delle piu' antiche al mondo avendo cominciato le sue pubblicazioni nel 1888 (!)

numa numa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma questo sarà un esame avrà dei costi e il costo si sommerà ai prezzi di un eventuale perizia?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma questo sarà un esame avrà dei costi e il costo si sommerà ai prezzi di un eventuale perizia?

E' vero, l'esame risulta sicuramente costoso (non saprei quanto, ma di sicuro non è gratis), soprattutto se effettuato su una sola moneta. Ma se un commerciante illuminato esaminasse e garantisse con spettroscopia e SED tutti gli aurei di un'asta, i costi sarebbero distribuiti su tante monete, e l'acquirente acquisterebbe la moneta ad un prezzo un po' maggiorato , ma con una garanzia tale da metterlo al sicuro dalle falsificazioni che affliggono questo tipo di monetazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non esiste un esame, ancorche' costoso, che possa sancire al 100% l'autenticita' di una moneta d'oro

antica

numa numa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E' vero, ma si tratta di ridurre il rischio ad un livello accettabile. Una moneta di nota provenienza, con pedigree, vagliata da numismatici esperti, che passi anche degli esami specifici, sarà autentica al 90% o anche al 95%. Il 100% non esiste, come osservi giustamente, nemmeno se vedi la moneta saltar fuori dal terreno (in campania sono maestri nell'organizzare truffe di questo tipo, fin dai tempi dei Borboni).

Altresì un aureo messo in vendita su una di questi siti di commercio elettronico (il noto sito, ma anche la V- piattaforma americana), visibile solo da foto, senza nessun esame specialistico, messa in vendita da un numismatico un po' meno esperto, ecco che le probabilità che sia autentico scemano a quanto? 30%, 40% ?? o ancor meno??? ricordiamoci che sono monete per cui i commercianti vogliono migliaia di euro o decine di migliaia di euro. al momento io non vedo garanzie sufficienti per intraprendere questo tipo di collezione (salvo appunto queste novità diagnostico/tecnologiche).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?