Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
williamwilson

1 grano 1715

56 risposte in questa discussione

Salve,

grazie a questo forum, ho scoperto il nome di questa moneta, appunto 1 grano.

Nella pagina della suddetta moneta ho trovato 2 voci che si riferiscono a questa moneta:

-

1715 TS W-VA2SI1/2-4 Palermo R4 -

1715 senza sigle W-VA2SI1/2-5 Palermo NC -

la prima estremamente rara e la seconda non comune, non essendoci le foto non ho capito quale sia delle due la moneta che posseggo.

Cosa significa TS e senza sigle?

Qualcuno mi sa dire quanto vale?

Grazie mille a chi risponderà.

resizeddsc00269zf4.jpg

w935.png

resizeddsc00270pl0.jpg

w933.png

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao,

la tua moneta è del 1718 sigle C P , le vedi sul rovescio sotto l'ornato.

Antonio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

a quindi quel 191S è 1918 non 1915, e ci sono le sigle cp...

ecco ora so con certezza che moneta è...

grazie :rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti...

nella monetazione di Vittorio Amedeo per la Sicilia la S sta per 5. Quindi la moneta è un grano del 1715. Pur essendo una moneta piuttosto comune, a mio parere la data del 1715 è la meno comune (a parte ovviamente i grani del 1719).

Vincenzo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dopo che Williamwilson aveva scritto, che l'ultimo numero era una S quindi un 5 e non avendo in quel momento io dei testi sottomano, ho nella tarda serata consultato dei testi solo lo Spahr riportava in maniera esaustiva la descrizione delle sigle, allora ho chiesto una consulenza a Sicil_rex, il quale mi ha confermato l'esistenza del grano 1715 con sigle CP ed è anche una moneta comune , io ho anche espresso una mia perplessità riguardo i grani del 1714 e 1715 senza sigle ma lui ha detto che sono riportati nel MIR Savoia che io non ho.

Quindi si può midificare la scheda riguardante i Savoia "Grano" aggiungendo quello del 1715 con sigle CP definendolo comune.

Antonio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ah ecco... infatti mi sembrava + simile ad un 5 che ad un 8.

Cmq sono un pò perplesso...

cioè la 1715 ts è classificata come r4

la 1715 senza sigle nc

e la mia, cp, è una moneta comune? :blink:

anzi l'unico grano comune? (tutti gli altri vanno da r5 a nc :P )

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

anzi l'unico grano comune? (tutti gli altri vanno da r5 a nc tongue.gif )

E' la dura legge delle probabilità :D.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Un mio parere, per questo tipo di monetazione, si potrebbe fare una tabella delle rarità riferita allo stato di conservazione.

Cioè per quanto riguarda la moneta un grano 1715 CP: MB > C ; BB >tra C e NC ; SPL > tra NC e R ; FDC > R2

Non so chi è d'accordo.

Che ne pensa Sicilrex?

Antonio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La tua scala di rarità rapportata allo stato di conservazione è corretta ma credo che il discorso non sia diverso per quasi tutte le monete. E' quasi sempre più facile trovare una moneta circolata piuttosto che in FDC.

A mio avviso, le rarità riportate sui testi non possono che essere una media tra le diverse conservazioni.

Vincenzo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

subito mi era sfuggita questa discussione, ma poi grazie alla segnalazione fattami da carlino ho cominciato a fare alcune ricerche...

nel catalogo di incuso ( mi diverte chiamarlo così...) non avevo inserito la data del 15 con le sigle CP perchè in tutti i testi di riferimento da me consultati non è indicata....

il simonetti generalizza le sigle non indicando in quali anni si presentano

il MIR non la indica

il Biaggi non inserisce foto del 15 con CP

il Traina che per il periodo è il riferimento più preciso del 15 indica quattro varianti ma nessuna con la sigla CP..... mi fido degli utenti del forum, specialmente degli specialisti della sicilia, quindi ho inserito la variante sul nostro catalogo..... ma ho qualche dubbio visto che sembra si tratti di una moneta abbastanza comune strano non sia stata rilevata dal Traina, purtroppo la sicilia non è ancora una priorità della mia collezione, tendo a sacrificare l'acquisto di quelle monete per altre...... ma mi piacerebbe vedere altre foto per poter fare una discussione su dei riferimenti visuali..... quella di questa discussione non è molto nitida come immagine, vorrei vedere qualcosa di più chiaro, mi consulterò anche con gli altri collezionisti savoia di mia conoscenza e controllerò nel limite del possibile i grani che riesco a rintracciare..... sarei grato di avere maggiori notizie da sicil-rex e carlino che sono esperti nel campo........

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buonasera Savoiardo ,

ecco una moneta grano 1715 CP la data si legge bene e anche le sigle.

post-6956-1230055984_thumb.jpg R

post-6956-1230055997_thumb.jpg D

un'altro grano che stava sul noto sito forse la data non si legge bene ma per me è un 1715

post-6956-1230056106_thumb.jpg

Saluti e buon Natale a tutti

Antonio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

è indubbio che abbiano usato lo stesso punzone per l'ultima cifra della data che hanno usato per la lettera "S".... che il Traina lo abbia scambiato per un "8"????? eppure ho visto le date del 18 e l'8 è proprio diverso...... devo cercare altri grani del 15 anche senza CP mi potete aiutare????

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti,

non ricordo se posseggo il grano del 15 senza sigle (sono all'estero e vado a memoria.... che non sempre mi aiuta :blink: ). Posseggo certamente alcuni del 15 con CP che posterò al rientro.

Auguri a tutti.

Vincenzo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Infatti, in un MP mandato a Sicil_rex avevo messo in dubbio la facilità di trovare il grano 1715 senza sigle (personalmente non viste), quindi sicuramente più rare dei grani 1715 CP.

Saluti

Antonio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

ricercherò altri esempi e le vostre immagini sono gradite, aggiorniamo a dopo le feste....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno,

riprendo questa discussione con una proposta.

ho fatto una ricerca online sui cataloghi e discussioni relative a questa moneta e inseriti in un foglio elettronico i risultati

granoamedeo.pdf

e poi riportato i risultati in una tabella con le rarità del catalogo lamoneta

STAGRANOAMEDEO.pdf

Chiedo a tutti i lamonetiani , se possibile di postare le foto di proprie monete relative al grano di Vittorio Amedeo d'Aosta oppure elencarle indicando la data e le sigle.

Oppure se hanno cataloghi cartacei di segnalare le monete con la relativa casa d'aste e la data (per evitare di inserire 2 volte la stessa moneta).

Io man mano modifico il foglio.

Credo che così si potranno fare delle valutazioni interessanti sulle rarità, per esempio non ho visto una moneta del 1715 o 171S senza sigle considerata NC.

Daremo così un contributo a Savoiardo per aggiornare le rarità sul catalogo

Antonio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

perfetto.....

devo andare ancora a spulciare i cataloghi, quando finisco di spalare neve vedo cosa posso fare.....

bisogna ancora chiarire se la "S" è un otto oppure un cinque.... di cinque senza "S" si vedono????

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno Savoiardo,

grano con il 5 classico io non li ho visti, allego un lotto di "Artemide Aste

Asta del 6 Maggio 2006 Corrispondenza " dove presenta un grano 1715 dichiarandolo 1715 con la S

post-6956-1231763366_thumb.gif

forse la strada che stiamo percorrendo non è errata.

Antonio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

ho chiesto agli amici di tirare fuori i loro grani, appena li ho sottomano continuo....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Savoiardo,

riprendo questa discussione per chiedere di aggiungere anche il grano 1719 senza sigle nel catalogo, un esemplare di questa moneta stà nell'ultima asta di Varesi.

Poi desideravo sapere se vi erano novità per quanto riguarda il grano 1715.

Grazie

Antonio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

ciao carlino

avevo già risposto al tuo MP, ma penso di continuare la discussione anche qua sul forum...

ho inserito la data del 19 sul catalogo, ma come ti ho già accennato in privato avevo inserito solo una nota per ciò che riguarda questa moneta perchè sono convinto che si tratti di un falso d'epoca, visto che nel 19 la Sicilia non faceva più parte del regno di Vittorio Amedeo e quindi era praticamente impossibile che si permettesse di coniare monete a suo nome, se si trattasse di un errore di data su di un punzone di una moneta precedente sia l'aquila che il retro sarebbero più simili ai coni precedenti, e non di brutta fattura come su questa moneta, adesso ho sul catalogo Varesi la possibilità di vederne un'altra rispetto all'unica che ho visto (e solo su foto) e devo dire che sono molto simili, ...... mio parere personale opera di un falsario dell'epoca anche poco bravo ed intelligente, visto che ha inserito una data inverosimile.......

comunque continuiamo a considerarla visto che è segnata sui testi usati per riferimeno.....

per quanto riguarda la data del 15 non ho ancora trovato un esemplare da confrontare con il 5 normale..........

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Savoiardo,

senza nulla a pretendere:

Il regno di Vittorio Amedeo di Savoia in Sicilia fu breve iniziò nell’ottobre del 1713 "inizio" allego link http://www.socistara.it/studi/Vittorio%20A...Sicilia_000.pdf (VITTORIO AMEDEO II - UN ANNO IN SICILIA (OTTOBRE 1713-SETTEMBRE 1714)) .

Vittorio Amedeo di Savoia si affidava nell’alleanza di Filippo V re di Spagna, ma il 30 Giugno 1718 Palermo venne invasa dall’esercito Spagnolo. Il conte Maffei viceré di Vittorio Amedeo difese con successo Siracusa, Messina, ,Trapani e Milazzo ,e il 2 Agosto 1718 con il trattato della quadruplice alleanza venne offerta a Vittorio Amedeo di Savoia il cambio svantaggioso della Sardegna con la Sicilia, trattati sottoscritti da Vittorio Amedeo il 18 Ottobre del 1718, ma dovette aspettare l’anno 1719 per sottomettere i feudatari sardi all’autorità reale piemontese

Il conte Maffei , consegna l’isola al generale Mercy nel maggio 1719 fece vela verso il Piemonte allego interessante "fine" link (SICILIA 1718 DAI DOCUMENTI DELL’ARCHIVIO DI STATO DI TORINO A CURA DI ALBERICO LO FASO DI SERRADIFALCO) http://www.storiamediterranea.it/public/md1_dir/b1292.pdf

La moneta del 1719 non potè essere coniata a Palermo perchè invasa, quindi o come dici è un falso d'epoca oppure il Vicerè ne fece coniare con la data 1719 in una zecca della sicilia orientale prima della capitolazione.

Antonio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Complimenti a tutti per la bella discussione. Volevo solo aggiungere che, a mio avviso, la S sta proprio per un 5, infatti era comune anche nella zecca di Napoli l'uso di questa lettera per quel numerale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

ok carlino, ma ti risultano attive altre zecche in quel periodo?? a me non sembra.....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Savoiardo,

ovviamente la discussione è solo teorica poichè non vi è documentazione.

Per quanto riguarda la zecca di Messina una violenta ribellione armata nel 1674 contro la dominazione spagnola in occasione della quale venne chiesto aiuto alla Francia di Luigi XIV , ma quattro anni più tardi Francia e Spagna firmarono la pace di Nimega la città fu abbandonata a sé stessa e fu riconquistata dagli Spagnoli. Fu chiusa l’Università, abolito il Senato cittadino e distrutto il suo palazzo, trasferita la Zecca a Palermo.

Quindi credo improbabile la zecca di Messina.

Nel 1734 la zecca di Siracusa emisse delle monete con la tecnica di fusione "baiocco" http://numismatica-italiana.lamoneta.it/im...e.moneta/c15347

nella moneta da un grano del 1719 nell'asta di Varesi sono evidenti dei forellini credo dovuti alla fusione

post-6956-1236250872_thumb.jpg

potrebbe essere stata la zecca di Siracusa?

Antonio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?