Jump to content
IGNORED

Storia di Morgan


petronius arbiter
 Share

Recommended Posts

Ho notato da un pò di tempo un crescente interesse per quella splendida moneta che è il Morgan Dollar, con il moltiplicarsi di discussioni al riguardo.

Discussioni che però, in genere, si limitano a chiedere un parere su stato di conservazione, autenticità e valore economico, tralasciando (forse perchè tutti già la conoscono :rolleyes:) la storia di questa moneta.

Per i pochi che non ne fossero a conoscenza, vorrei provare, almeno a grandi linee, a raccontarla qui.

Nel 1876 il direttore della zecca statunitense, Henry Richard Linderman, aveva proposto al Congresso l'emissione di una nuova moneta in argento da 1 dollaro, che sostituisse la tipologia Liberty Seated coniata fino al 1873.

L'anno seguente, essendo ormai quasi certo che la nuova moneta sarebbe stata prodotta, gli incisori della zecca, William Barber (incisore-capo), il suo assistente, George Thomas Morgan e l'indipendente Antony Paquet iniziano a studiare i modelli per il nuovo conio.

Il 28 febbraio 1878 la promulgazione del Bland-Allison Act autorizza il Dipartimento del Tesoro ad acquistare dai produttori (i cosiddetti "Silver Barons") dai 2 ai 4 milioni di dollari in lingotti d'argento, ogni mese, da trasformare in sonanti monete, il cui peso è fissato in 26,73 grammi, al 90% di argento e 10% di rame.

C'è grande attesa per l'uscita del nuovo dollaro, che il Cincinnati Commercial così sintetizza:

"Non vogliamo un dollaro d'argento coniato per Wall Street, ma un dollaro d'argento coniato per la gente, un dollaro per la Valle del Mississippi, con su un'aquila la cui ala destra planerà su Washington e la sinistra spazzerà la polvere lungo le strade di San Francisco, mentre la coda si estenderà fino alla Baia di Hudson."

Il 21 febbraio 1878 Linderman scrive al sovrintendente della zecca di Philadelphia (la principale degli Stati Uniti) di aver ricevuto i modelli del nuovo dollaro proposti da William Barber e George Morgan, e di aver scelto quello con i rilievi più bassi, più facile da coniare.

E' il modello di Morgan! :)

petronius B)

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


interessante storia petronius,proprio io stavo per aprire un post per chiedere delucidazioni riguardo questa moneta...che proprio come hai detto tu..sta diventando quasi una mania sul forum,

Link to comment
Share on other sites


Quando il suo modello fu scelto, George Thomas Morgan (1845 - 1925) era giunto in America dall'Inghilterra, dove aveva lavorato alla Royal Mint, da appena due anni.
L'essere inglese da molti non gli fu perdonato, ed è uno dei motivi per cui il "suo" dollaro all'apparire non incontrò affatto il favore del pubblico, disattendendo tutte le attese che aveva suscitato....ma di questo tratterò poi.

La prima moneta viene coniata a Philadelphia alle 3:17 del pomeriggio dell' 11 marzo 1878, ed è così descritta nel numero di aprile dell'American Journal of Numismatics:

Dritto: grande testa di Liberty volta a sinistra, con cappello frigio e corona di foglie, capelli fluenti parzialmente coperti dal cappello; al disopra della testa la legenda E PLURIBUS UNUM ; il contorno è completato da 13 stelle, mentre l'anno di coniazione, come nelle vecchie monete, è posto alla base del conio.
Rovescio: aquila ad ali spiegate, come appare sullo stemma nazionale, al piede destro un ramo d'ulivo, frecce al sinistro, al disotto corona d'alloro; appena sopra la sua testa, in caratteri Old English, il motto IN GOD WE TRUST, completa il contorno ONE DOLLAR."


La moneta la conoscete tutti, e comunque non mancherò di mostrarne nel prosieguo, meno noto, forse, il ritratto di George Morgan, che allego.

petronius cool.gif

post-206-1232887768_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


Ti ringrazio per il contributo e l'ottima spiegazione. Io ero fra i pochi, che non ne conoscevano la storia :D .

A questo punto, vorrei fare un passo indietro, per aggiungere qualche considerazione, relativa al background storico-culturale, alla base dei fatti, che hai raccontato.

Nel 1812, il governo del presidente Madison aveva deciso un intervento militare contro la Gran Bretagna, volto all'annessione dei territori canadesi. Le valutazioni politico-militari di Madison partivano da presupposti rivelatisi, poi, totalmente errati.

Prima di tutto, fu sopravvalutata la forza militare americana, probabilmente memori della vittoria nella guerra d'indipendenza, tralasciando elementi basilari, quali (in questa occasione) la mancanza degli aiuti franco-spagnoli. Si immaginò che la Gran Bretagna, già fortemente impegnata a preparare le campagne anti-napoleoniche, non avrebbe potuto schierare tutta la sua potenza in Nord-America. Infine, elemento basilare, fu totalmente ignorato il fatto, che la popolazione canadese fosse largamente "lealista" (e in buona parte lo è ancora oggi). Le sconfitte militari furono pesantissime e la capitale Washington fu devastata. Il comandante britannico occupò la casa bianca ed il presidente e la sua famiglia furono costretti alla fuga, cercando rifugio in un'abitazione vicina. La padrona di casa, però, scaccio via a male parole la moglie del presidente, sostenendo come il di lei marito avesse costretto il proprio ad andare in guerra. Probabilmente, questa è soltanto leggenda, ma esplicativa di come la popolazione americana avesse vissuto una guerra impopolare ed una delusione cocentissima.

Il livore nei confronti dell'antica madrepatria crebbe a dismisura, ma la speranza di una futura annessione del Canada continuò a covare sotto la cenere… e qui ci ricolleghiamo alla storia del dollaro Morgan, a partire da quella che pare un'ostentata indifferenza, nei confronti della "creatura" del britannico Morgan. Ma qui, aspettiamo le ulteriori precisazioni, di Petronius.

Emblematiche, mi paiono, comunque, le parole del Cincinnati Commercial:

"… la coda si estenderà fino alla Baia di Hudson."

La Baia di Hudson, territorio del neonato Dominion del Canada, indipendente, ma strettamente legato ed amico del Regno Unito e, ai tempi, vera e propria spina nel fianco, per gli Stati Uniti d'America, che si avviavano a diventare la prima potenza politica ed economica del mondo, ma che, ancora, si portavano appresso il fardello di quell'insensata sconfitta.

Forse è parzialmente off-topic, ma qualche attinenza mi è parso di intravvederla :)

Edited by luke_idk
Link to comment
Share on other sites


davvero complimenti petronius,un topic molto interessante B).....riguardo al modello presentato da barber,hai notizie,o magari una foto di come fosse e che cosa raffigurasse?....ricordo di aver visto navigando su internet,alcune prove di dollari di questo periodo e di come fossero tutte molto belle(alcune anche piu appariscenti dello stesso dollaro morgan).

aggiungo che tra il 1873(ultimo anno di coniazione del tipo seated liberty)ed il 1878(avvento del morgan)sul territorio statunitense non vennero coniati dollari d'argento,ma solo in oro....mentre per l'estero si decise di coniare gli splendidi trade dollars....

Link to comment
Share on other sites


  • ADMIN
Staff

Citerei anche la presunta "modella" del dollarone, Miss Anna Willes Williamson:

uspatterns_2036_77787660?a.gifust_108.jpg

Fonte:

http://query.nytimes.com/mem/archive-free/...FBE668382669FDE

Link to comment
Share on other sites


riguardo al modello presentato da barber,hai notizie,o magari una foto di come fosse e che cosa raffigurasse?

Sia Morgan che Barber presentarono più di un progetto; allego l'unica foto che ho trovato di uno dei modelli di Barber.

Grazie per i vostri interessantissimi contributi :) ne sta uscendo davvero una bella discussione, quale il Morgan sicuramente merita. :D

petronius B)

post-206-1232899995_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


Come noterete il modello di Barber riprende al dritto il Trade Dollar mentre risulta piuttosto "povero" al rovescio.

Questo invece è uno dei modelli, scartati, di Morgan, già molto simile a quello definitivo.

petronius :)

post-206-1232900563_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


  • ADMIN
Staff

Questo però riporta HALF DOLLAR

Link to comment
Share on other sites


Paradossalmente, mi pare che il modello di Barber abbia "richiami" britannici, molto più di quello di Morgan. La versione di Morgan del mezzo dollaro, ha un'aria più francese, forse.

Link to comment
Share on other sites


Alla luce anche della situazione economica corrente, aggiungo un po' di background economico sul Morgan.

Come correttamente citato la sua coniazione deriva dal Bland-Allison Act del 1878.

La legge, che dovette passare sopra il veto presidenziale (seconda approvazione con maggioranza di due terzi), fu la risposta alla crisi finanziaria causata dall' abbandono dello standard bimetallico nel 1873.

L' improvvisa diminuzione del denaro circolante causo danni all' economia non minori di quanti ne abbia causata la riduzione dei prestiti da parte delle banche lo scorso ottobre.

La parte piu populista del Congresso USA, supportata anche dalla lobby mineraria del Nevada, dove erano stati scoperti enormi giacimenti d'argento (da cui il soprannome Silver State per quello stato), tanto fece che alla fine con grande soddisfazione pubblica restauro lo standard bimetallico con il Bland-Allison Act appunto.

Il governo fu obbligato a comprare ingenti quantita di argento ed a coniarne i Morgan Dollars. Il libero cambio oro/argento in proporzione di 16:1 resto in vigore fino alla fine del secolo.

I Morgan per lo piu non circolarono, ma rimasero nei caveau delle banche. La circolazione in argento fu assicurata dai Silver Certificates, invece.

Quando alla meta degli anni '60 i Silver Cerificates furono ritirati dalla circolazione, la gente si riverso a chiederne la conversione in moneta d'argento a termini di legge. Peace e Morgan Dollars riapparvero improvvisamente in condizioni FdC e questo e' il motivo del loro non elevato valore numismatico, salvo eccezioni.

Per fare un esempio i quarti Standing Liberty (1916-30) costano molto di piu in alte conservazioni.

Una nota curiosa: le 5 Lire Aquila Sabauda debbono la loro rarita proprio alla soppressione dello standard bimetallico di cui sopra.

Per ovviare alla improvvisa abbondanza d'argento di provenienza americana all' inizio del '900, l' Unione Monetaria Latina vincolo la coniazione degli Scudi all' approvazione di tutti gli stati membri (per evitare che uno stato comprasse argento dagli USA al prezzo di mercato (40:1 contro oro). Ne coniasse Scudi e li usasse per raccogliere oro sotto forma di Marenghi ad un rapporto di 15.5:1).

Appena dopo la coniazione dei 114 prototipi, la Francia impose il veto, memore anche del fatto che poco prima noi avevamo imposto il veto ad una nuova coniazione di 5F Hercules.

Il Morgan e' anche legato ad un altro Act, il Pittman del 1919. Alla fine della Prima Guerra Mondiale gli Stati Uniti decisero di aiutare la Gran Bretagna,afflitta da un scarsita di argento necessario per assicurare la circolazione monetaria nelle colonie, a causa del debito accumulato durante la guerra.

Un ingente quantita di Morgans fu recuperata dai caveau, fusa, e spedita a Londra. Motivo questo per i quale, nonostante quanto scritto sopra, alcune annate del Morgan sono tuttavia rare.

Link to comment
Share on other sites


Questo però riporta HALF DOLLAR

Vero :P c'è però da dire che un mezzo dollaro con questo disegno non fu mai prodotto, mentre servì come modello per la versione finale della moneta da 1 dollaro.

Ho prima accennato al fatto che al suo apparire la moneta non piacque, cosa difficile da capire oggi che è tra le più collezionate in tutto il mondo, ed anche un profano difficilmente riesce a resistere al suo fascino.

Riporto ancora una volta l'opinione della stampa dell'epoca, iniziando dal già citato American Journal of Numismatics dove è addirittura l'editore a scrivere che

"La lunga linea di mostruosità prodotte dalla US Mint certamente riceve la sua corona con il nuovo dollaro.

La bruttezza del pezzo aggiunge un altro torto alla disonestà originale: aver chiamato un incisore europeo per disegnarlo."

L'Harper's Weekly afferma che

Le parole IN GOD WE TRUST riprese dalle precedenti monete sono occasione per una grande beffa: la CHRISTIAN UNION suggerisce di aggiungere FORGIVE US OUR DEBITS."

Il Cincinnati Commercial rincara la dose, ponendo ancora una volta l'accento sulla nazionalità di George Morgan, non senza una certa ironia:

Non possiamo dire che l'arte di questa moneta ci riempia di gioia.

L'aquila, capiamo bene, è disegnata da un inglese; dovremmo pensare così, anche, dalle apparenze.

Non sembra fatta per assomigliare all'uccello della nostra terra, in effetti abbiamo paura che "la cosa" sia piuttosto un "British grouse".

Grouse è il gallo cedrone...giudicate voi :P

petronius B)

post-206-1232921793_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


Come correttamente citato la sua coniazione deriva dal Bland-Allison Act del 1878.

E difatti, inizialmente, sono chiamati Bland Dollars.

Come giustamente nota ersanto, in buona parte non entrano in circolazione, anche perchè rifiutati dalla popolazione.

In particolare, gli stati dell'Est, i più popolosi e industrializzati, e quelli del Nord, snobbano del tutto la nuova moneta metallica, abituati ormai come sono all'uso generalizzato delle banconote; un fenomeno del genere, in piccolo, lo abbiamo avuto anche in Italia con la moneta bimetallica da 1000 lire.

Fenomeno che persiste tuttora negli USA, dove il frusciante biglietto verde di George Washington continua ad essere il più amato dagli americani; ora stanno provando a fargli cambiare idea con i nuovi dollari della Presidential Series, staremo a vedere....ma questa è un'altra storia. :rolleyes:

Negli stati del Sud, che ancora scontano gli effetti della grande crisi economica e sociale seguita alla sconfitta nella Guerra Civile, ad accettare la nuova moneta è soprattutto la popolazione di colore, da poco liberata dalla schiavitù.

In maggioranza analfabeti, gli ex-schiavi non si fidano troppo dei dollari di carta, di cui non riescono a capire la complessa simbologia e ad interpretare le iscrizioni; così, in mancanza di una moneta d'oro per la circolazione, riversano la loro fiducia sul pesante dollaro d'argento....un pò quello che accade, negli stessi anni e per gli stessi motivi, in Africa, con il tallero di Maria Teresa.

petronius :)

Link to comment
Share on other sites


aggiungo che tra il 1873(ultimo anno di coniazione del tipo seated liberty)ed il 1878(avvento del morgan)sul territorio statunitense non vennero coniati dollari d'argento,ma solo in oro....mentre per l'estero si decise di coniare gli splendidi trade dollars....

Poiché fa parte della storia del Morgan, forse tutti consentirete una piccola deviazione? Accosento con voi circa l'appello del dollaro commerciale americano di 1873-85. È una moneta affascinante, con ugualmente un affascinante storia-che non posso cominciare completamente per capire, perché ha tante funzioni differenti, molte di loro internazionali. (Mi ricordo di particolarmente captivated da loro come capretto a causa dei mintages molto piccoli del 1884 e del 1885. Appena 10 parti… ed allora soltanto 5!)

Ma nel loro tempo, i dollari commerciali dell'americano hanno causato molti inconveniente e dolore nel loro p#se d'origine. Sono stato ampiamente odiati, in gran parte a causa “dei giochi„ che sono stati giocati con loro come conseguenza dei prezzi d'argento declinanti del 1870s, un declino guidato, come è notato bene qui da Ersanto, tramite le scoperte d'argento negli Stati Uniti, ma anche dall'adozione dell'impero tedesco della parità aurea e dalle molte migliaia delle tonnellate di argento che colpiscono i mercati mondiali a causa di esso.

Il dollaro commerciale è l'unica moneta americana mai demonetized (anche se era più successivamente re-monetized, apparentemente, in 1965) ed è sicuro dire che alcuna dell'ostilità il dollaro del Morgan incontrato in 1878 ed in seguito era a causa dell'incontro sfavorevole tanti Americani hanno avuti con i dollari commerciali di 1873-78 (le 1879-85 edizioni erano prova-soltanto, non per circolazione).

Since it is part of the Morgan story, maybe you all will permit a small detour? I agree with you about the appeal of the American trade dollar of 1873-85. It’s a fascinating coin, with an equally fascinating history—which I cannot begin to fully understand, because it has so many different aspects, many of them international. (I remember being especially captivated by them as a kid because of the tiny mintages of the 1884 and 1885. Just 10 pieces...and then only 5!)

But in their time, American trade dollars caused much inconvenience and pain in their home country. They became widely hated, largely because of the “games” that were played with them as a result of declining silver prices of the 1870s, a decline driven, as is well noted here by Ersanto, by silver discoveries in the U.S., but also by the German Empire’s adoption of the gold standard and the many thousands of tons of silver that hit world markets because of it.

The trade dollar is the only American coin ever demonetized (although it was later re-monetized, apparently, in 1965) and it is safe to say that some of the hostility the Morgan dollar encountered in 1878 and afterward was because of the unfortunate encounters so many Americans had with the trade dollars of 1873-78 (the 1879-85 issues were proof-only, not for circulation).

Link to comment
Share on other sites


Tutto vero quanto scritto da ersanto e villa66....ma poi c'è il West :rolleyes:

Qui, un'innata diffidenza nei confronti della moneta cartacea e il desiderio di sostenere la produzione di argento (le miniere sono quasi tutte in quei territori) porta ad accettare di buon grado il nuovo dollaro.
Ed è nel West che il Morgan, per usare un'espressione retorica, esce dalla Storia ed entra nella Leggenda smile.gif
Alzi a mano chi non ha mai sognato almeno una volta, come Tex, di bucare con la Colt un dollaro in volo a venti passi di distanza biggrin.gif

Non sapremo mai se Wyatt Earp, il 26 ottobre 1881, mentre si avvia verso l'OK Corral di Tombstone, per il suo appuntamento con la Storia, ha in tasca un dollaro Morgan, ma è probabile che sì.
Di sicuro, se "Buffalo Bill" Cody, Billy the Kid o Jesse James hanno mai speso un dollaro nel loro continuo vagabondare, questo era un Morgan Dollar d'argento.

E d'argento era sicuramente il dollaro che l'ubriacone Dude, un grande Dean Martin, raccoglie nella sputacchiera in Un dollaro d'onore, capolavoro di Howard Hawks.

E con la locandina del film vi do appuntamento a domani....buonanotte 2j4vtxv.gif

petronius cool.gif

post-206-1232925900_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


"La lunga linea di mostruosità prodotte dalla US Mint certamente riceve la sua corona con il nuovo dollaro.

La bruttezza del pezzo aggiunge un altro torto alla disonestà originale: aver chiamato un incisore europeo per disegnarlo."

L'aquila, capiamo bene, è disegnata da un inglese

Sì, direi decisamente che la sconfitta bruciava ancora :D

Link to comment
Share on other sites


Un ringrazi voi al arbiter di petronius per darci una probabilità rivisitare alcuna della storia del dollaro del Morgan e per il riferimento al film del John Wayne ONU onore di dollaro d' , che avevo conosciuto precedentemente soltanto dal relativo titolo americano, Bravo de Rio. Roba di divertimento! Grazie inoltre al ersanto per le aggiunte interessanti e se consentirete, vorrei aggiungere una nota sul Morgans di 1921.

L'invenzione del Morgan si era conclusa in 1904. Non hanno circolato molto, a meno che fuori verso ovest, così ci fosse seduta di molti milioni inutilizzato nelle volte del Ministero del Tesoro. Incapace immaginare come più dollari d'argento potrebbero mai essere necessari, le autorità circa 1910 di Ministero del Tesoro hanno ordinato gli attrezzi utilizzati nel colpire i dollari del Morgan da distruggere.

Allora è venuto WWI e la Legge del Pittman di 1918, sotto cui i dollari d'argento di 270M (Morgans, principalmente) sono stati fusi. Circa 11M ha entrato nella coniatura delle monete americane più piccole e circa 259M sono andato in Gran Bretagna, molto di cui hanno spedito in India britannica. La Legge del Pittman ha affidato il rimontaggio in mandato dei dollari fusi, tuttavia, in modo da dopo che tutte e tre le mente di WWI entrassero nell'alto ingranaggio producendo i nuovi-ancora principalmente dollari non necessari-Morgan datati 1921. Per colpire queste monete, tuttavia, i nuovi attrezzi hanno dovuto essere ricreati quasi da zero, in modo da Morgans 1921 è differente dalle 1878-1904 monete in molti sensi sottili.

L'invenzione' dei 21 Morgans (più comune della serie di gran lunga) è stata interrotta per il nuovo dollaro di pace intorno a Natale che anno e che moneta-con il relativo italiano forte collegamento-è stato usato per continuare a portare a termini della Legge del Pittman. Il lavoro è stato completato dai dollari di pace di 1928.

Auguri a tutti…

A thank you to petronius arbiter for giving us a chance to revisit some of the history of the Morgan dollar, and for the reference to the John Wayne movie Un dollaro d’onore , which I had known previously only by its American title, Rio Bravo. Fun stuff! Thank you also to ersanto for interesting additions, and if you’ll permit, I’d like to add a note on the Morgans of 1921.

Coinage of the Morgan had ended in 1904. They didn’t circulate much, except out west, so there were many millions sitting unused in the Treasury’s vaults. Unable to imagine how more silver dollars might ever be needed, about 1910 Treasury authorities ordered the tools used in striking Morgan dollars to be destroyed.

Then came WWI and the Pittman Act of 1918, under which 270M silver dollars (Morgans, mostly) were melted. About 11M went into coining smaller American coins, and about 259M went to Great Britain, much of which they forwarded to British India. The Pittman Act mandated the replacement of the melted dollars, however, so after WWI all three mints went into high gear producing new—still mostly unneeded—Morgan dollars dated 1921. To strike these coins, however, new tools had to be recreated almost from scratch, so 1921 Morgans are different from the 1878-1904 coins in many subtle ways.

Coinage of the ’21 Morgans (commonest of the series by far) were stopped in favor of the new Peace dollar around Christmas that year, and that coin—with its strong Italian connection—was used to continue fulfilling the terms of the Pittman Act. The job was completed by the Peace dollars of 1928.

Best wishes to all...

Link to comment
Share on other sites


mi sono dato un po da fare anche io :P ....per contribuire a questa splendida discussione....ho trovato numerose foto di prove e studi,per il dollaro d'argento,da aggiungere a quelli stupendi gia postati da petronius...questi sono i primi due B) ....tra un po continuo.....

18nbk8.jpg

5ouhpw.jpg

ecco la seconda,da notare la data 1879,e come l'aquila sia diversa....

34pfjf4.jpg

25ja68z.jpg

evidentemente,pensarono nel 1879 di cambiare il design dell'aquila,anche per le forti critiche ricevute...che ne pensate,preferite queste o il design normale?

Link to comment
Share on other sites


questo è un progetto in rame,e sembra essere una versione embrionale del dollaro morgan,in patricolare nel diritto

xgmhy1.jpg

2gxlcoy.jpg

questa invece è la prova per un dime del 1879,con al diritto lo stesso conio disegnato da morgan,ed un rovescio piuttosto spartano...bellissima la patina di questo esemplare :)

1zocnky.jpg

zvx2bn.jpg

Link to comment
Share on other sites


Bellissime immagini, vathek :)

Io, intanto, continuo con la mia storia :rolleyes:

Eravamo arrivati nel West, e ci rimaniamo per parlare della zecca che più di ogni altra è legata a questi territori (ovvio, è lì :D): quella di Carson City, Nevada, di cui allego una foto del 1879.

Il Nevada è detto "The Silver State" (così è ricordato anche nei quarter dollars commemorativi) per la sua massiccia produzione d'argento.

Dapprima questo argento veniva inviato principalmente alla zecca di San Francisco, attiva dal 1854, ma poi i cittadini del Nevada cominciarono a reclamare una propria zecca che, una volta autorizzata, venne costruita nella cittadina di Carson City, a 15 miglia da Virginia City, il maggior centro minerario dello Stato.

Tra le più importanti miniere di Virginia City c'era la Gould & Curry Mine ed uno dei proprietari della società, Abe Curry, fu scelto come sovraintendente della neonata zecca....una scelta infelice :(

Abe Curry aveva molti nemici nella politica e nella finanza, che si adoperarono per sabotare la "sua" zecca; molti proprietari di miniere, nonostante la distanza, continuarono ad inviare il loro argento alla zecca di San Francisco, che produsse così un'enorme quantità di Morgan Dollars, mentre la zecca di Carson City fu sempre sottoutilizzata, fin dal 1870, anno delle prime coniazioni.

Questo influì negativamente sull'efficienza della US Mint ma fu in fondo una fortuna per i collezionisti numismatici :D

I dollari di Carson City, sia per il loro (relativamente) scarso numero, sia per il fatto che circolarono più degli altri, sono oggi tra i più rari e ricercati; inoltre, a differenza di quanto avveniva nelle altre zecche, i conii venivano sostituiti molto prima che fossero troppo usurati; per questo, i dollari di Carson City, prodotti dal 1878 al 1885, e dal 1889 al 1893, risultano essere tra i migliori mai coniati. :)

petronius B)

post-206-1233008478_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


Ancora dai giornali dell'epoca, il Carson City Morning Appeal del 17 aprile 1878, a proposito dei nuovi conii per il dollaro d'argento, appena giunti in città:

"I conii, alla fine...Ieri mattina i nuovi conii per la US Mint sono arrivati da Philadelphia. Ci sono dieci dritti, dieci rovesci e sei fascette.

I conii sono stati preparati ieri e la grande pressa Ajax partirà oggi. Ci sono 632.325 tondelli pronti per la pressa e, quando si inizierà a lavorarli, saranno trasformati in dollari al ritmo di 30.000 al giorno."

Dai conii appena giunti da Philadelphia (e dalla mia collezione) il Morgan 1878 CC.

A domani.....2jd1a8w.gif

petronius B)

post-206-1233010013_thumb.jpg

post-206-1233010032_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Grazie a Petronius e a tutti voi per questa splendida discussione. :)

E' una moneta artisticamente bellissima e sicuramente una delle più originali dell'800.

Non mi sembra sia stato segnalato e quindi ve lo segnalo io un bel libro sui Morgan:

"Morgan Silver Dollars, A Complete History and Price Guide" di Q. David Bowers - Whitman Ed.

Un regalo di un caro amico ;)

Link to comment
Share on other sites


mi ero sempre chiesto come mai i dollari coniati a carson city fossero stati emessi in numero cosi scarso,ti ringrazio perchè ora lo so B) ....riguardo al motivo per cui sono anche quelli che circolarono di piu,dipende esclusivamente dalla posizione geografica della zecca o c'è dell'altro?ah complimenti per il tuo esemplare...

vi posto ora le ultime foto relative alle prove e progetti,per il dollaro d'argento,la prima è(dato che se ne è parlato)la prova del 1873 di un trade dollar,evidentemente scartato in favore del tipo che conosciamo(ottima scelta direi...)

1zogm8l.jpg

2qdxzlf.jpg

la seconda invece,credo sia la piu interessante del gruppo:è un progetto in rame del 1872 di un half dollar,che non venne mai realizzato,disegnato da william barber,il quale lo ripropose pochi anni piu tardi,come una delle proposte per il nuovo dollaro d'argento...il progetto venne scartato perchè ritenuto di taglio troppo militaristico,con le sue due aquile,i due scudi,la spada nelle mani di lady liberty e soprattutto la posizione del classico ramoscello d'ulivo,quasi invisibile sullo scudo nel rovescio ...che ve ne pare?io la trovo fantastica(in particolare per il diritto)e mi sarebbe davvero piaciuto un dollaro con questo design(non al posto del mitico morgan,ma magari per un pezzo commemorativo)

2iagdas.jpg

2mgleut.jpg

Link to comment
Share on other sites


  • uzifox pinned this topic
  • uzifox unpinned this topic

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.