Jump to content
IGNORED

GC elmi


danielealberti
 Share

Recommended Posts

Mi piaceerebbe tanto trovare tutti gli elmi raffigurati sulle monete greche, capire da dove vendono e saperne il più possibile per ognuno di essi.

A riguardo è stato pubblicato un libro di D. Castrizio "L'elmo, quale insegna del potere" ci sono amici che l'hanno letto ?

HELP

Daniele

Link to comment
Share on other sites


Ad esempio, nel primo elmo attica che posto , un tetradramma arcaico di Atene, la cresta sembra rigida mentre nel secondo, un tetradramma sempre di Atene ma di stile decisamente più classico la cresta sembra essere composta da un pennacchio? Come mai, abbiamo notizie sull'evoluzione di questo tipo di elmi ?

post-618-1235293847_thumb.jpg

post-618-1235293880_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


Bellissimo questo elmo con cresta che finisce in una coda morbida su un kantharos trovato e conservato a Gravina di Puglia:

480px-Paris_armour_Pomarici_Santomasi.jpg

http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Par...i_Santomasi.jpg

Molto bello anche l'elmo corinzio con cresta frontale sulle monete di Messembria:

http://www.coinarchives.com/a/lotviewer.ph...37&Lot=1184

Poi mi vengono in mente lo statere di Corinto e le sue versioni illiriche, magnogreche e siciliane, l'elmetto degli imperatori bizantini sui loro solidi, Atena elmata sugli stateri d'oro di Alessandro, l'elaborato elmetto di Thurium, gli stateri di Farnabazo e di Datames, il ritratto di atena quasi frontale inventato da Eukleidas, l'elmetto come simbolo di magistrato o di zecca sui tetradrammi sempre di Alessandro, sulle monete di Agrigento.

E ancora: l'elmetto Adrian sulle 20 lire di V.E. III che prendono appunto il nome dell'elmetto, le 20 dracme della Grecia dei colonnelli...

C'è da sbizarrirsi!

Link to comment
Share on other sites


L'elmo è presente su moltissime monete. Elmi attici, come negli esempi trasmessi da Arthas, corinzi come quello di Okt e quelli che si trovano sugli stateri di Corinto e sue colonie... Posso suggerire la zecca di Focea per quanto riguarda l'elmo ionico. Su un paio di hecte ci sono due elmi bellissimi!

Link to comment
Share on other sites


Fra gli elmi presenti sulle monete, mi vengono in mente anche quelli relativi ai mercenari campani in Sicilia e quelli presenti sulla monetazione mamertina, forse meno conosciuti dei precedenti, ma sempre interessanti.

questo che si trova su un bronzo di Entella, viene presentato come elmo corinzio (?).

post-2157-1235493663_thumb.jpg

Edited by nightfly
Link to comment
Share on other sites


Do anche il mio piccolo contributo a questa interessante discussione, postando la foto di questo triobolo coniato in Tracia, datato circa 480 - 350 B.C.

Mostra un piccolo elmo corinzio nel retro

10021z.jpg

0e321.jpg

Link to comment
Share on other sites


Do anche il mio piccolo contributo a questa interessante discussione, postando la foto di questo triobolo coniato in Tracia, datato circa 480 - 350 B.C.

Mostra un piccolo elmo corinzio nel retro

Scommetto che la moneta è by Lanz ;)

Link to comment
Share on other sites


Do anche il mio piccolo contributo a questa interessante discussione, postando la foto di questo triobolo coniato in Tracia, datato circa 480 - 350 B.C.

Mostra un piccolo elmo corinzio nel retro

Scommetto che la moneta è by Lanz ;)

Hai vinto la scommessa dupondio! :) Sto seguendo le sue aste per farmi un po' l'occhio sui prezzi... Qualcuno sa se è un venditore affidabile?

Inoltre colgo l'occasione per mostrarvi questo magnifico elmo della mia dea greca preferita, Atena, che reca addirittura una sfinge su di esso:

immaginebhu.jpg

Link to comment
Share on other sites


... Qualcuno sa se è un venditore affidabile?

Lanz è una delle maggiori case d'asta europee, mi sembra.

Ma se si vuole cercare qualche pecca, nella storia di un commerciante di monete, volendo, la si può sempre trovare, anche se nel caso particolare non ricordo nulla.

Siamo tutti, chi più chi meno, soggetti a errori; l'importante è il comportamento successivo all'errore.

Il nostro valore è direttamente proporzionale alla nostra capacità di riconoscere i nostri errori.

Il mio nonno Nicolò diceva che il valore di un uomo è dato da una frazione: al numeratore sta quello che egli veramente vale, al denominatore quello che crede di valere...

Link to comment
Share on other sites


Mio nonno Nicolò diceva che il valore di un uomo è dato da una frazione: al numeratore sta quello che egli veramente vale, al denominatore quello che crede di valere...

Quanta senile verità ... complimenti !!

roth37

Link to comment
Share on other sites


Grazie okt! :)

Gli elmi di Atena sono uno più bello dell'altro!... L'ultima moneta postata da danielealberti, oltre a essere spettacolare, ha anche una storia interessante: si vede l'infiltrazione d'argento, quindi è stata coniata con il primo conio, quello attribuito a Eukleidas.

Link to comment
Share on other sites


Mi piaceerebbe tanto trovare tutti gli elmi raffigurati sulle monete greche, capire da dove vendono e saperne il più possibile per ognuno di essi.

A riguardo è stato pubblicato un libro di D. Castrizio "L'elmo, quale insegna del potere" ci sono amici che l'hanno letto ?

HELP

Daniele

Ti segnalo - Da elmo frigio a berretto italico, Personaggi e copricapi orientali sulle monete siciliane del V sec. a. C. - di M. C. Caltabiano e D. Castrizio, da Il Greco, il Barbaro e la ceramica attica, IV volume, Atti del convegno Internazionale di studi, 14-19 Maggio 2001, L'erma di Bretschneider editore

Link to comment
Share on other sites


Grazie amico cid!

lord-jon, mi sembrava che anche il secondo conio, quello con profondità di conio meno evidenziata fosse attribuito ad Eukleidas, solo che per paura di nuove rotture posizionò l'immagine di Atena sul conio di incudine, meno sollecitato e non incise il conio a fondo come nel primo per non correre ulteriori rischi.

lele

Link to comment
Share on other sites


Grazie amico cid!

lord-jon, mi sembrava che anche il secondo conio, quello con profondità di conio meno evidenziata fosse attribuito ad Eukleidas, solo che per paura di nuove rotture posizionò l'immagine di Atena sul conio di incudine, meno sollecitato e non incise il conio a fondo come nel primo per non correre ulteriori rischi.

lele

Grazie per l'informazione! Avevo dato per scontato che il secondo conio fosse stato inciso da un'altra persona...

Link to comment
Share on other sites


  • 2 weeks later...
Supporter

DE GREGE EPICURI

Su questo bronzo di PELLAS (g.10,1 e diam 20,5 mm) al D. è rappresentata Roma, o Bellona che sia, insomma la dea elmata che compare sui denari repubblicani. Anche l'elmo è quello, con tanto di alucce; non si vede molto bene, la moneta è un po' consunta e la foto miserella. Ma trovo interessante che i romani, conquistata la Macedonia, abbiano subito importato i loro specifici "simboli del potere".

post-4948-1236757974_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.