Jump to content
IGNORED

Conservazione delle Monete


Conio
 Share

Recommended Posts

Salve a tutti, volevo sapere da voi che avete molta più esperienza del sottoscritto se il mio modo di conservare le monete è corretto.

Premettendo che al momento ho solo monete vaticane dal 1929 in poi tutte in FDC, dopo avere acquistato la serie divisionale o la commemorativa smonto la confezione originale per conservarle in capsule che a loro volta tengo in vassoi di velluto.

Lasciando stare l'aspetto dei costi e del valore numismatico che tali monete possano avere, vi chiedo se conservandole così ne mantengo una maggiore integrità nel tempo piuttosto che lasciarle nei blister originali, oppure se faccio una cavolata a smontare le confezioni originali (che a me piacciono poco perchè mi sembrano pacchetti di gruppo per monete)

In attesa di vostre risposte.

Saluti.

Link to comment
Share on other sites


Salve a tutti, volevo sapere da voi che avete molta più esperienza del sottoscritto se il mio modo di conservare le monete è corretto.

Premettendo che al momento ho solo monete vaticane dal 1929 in poi tutte in FDC, dopo avere acquistato la serie divisionale o la commemorativa smonto la confezione originale per conservarle in capsule che a loro volta tengo in vassoi di velluto.

Lasciando stare l'aspetto dei costi e del valore numismatico che tali monete possano avere, vi chiedo se conservandole così ne mantengo una maggiore integrità nel tempo piuttosto che lasciarle nei blister originali, oppure se faccio una cavolata a smontare le confezioni originali (che a me piacciono poco perchè mi sembrano pacchetti di gruppo per monete)

In attesa di vostre risposte.

Saluti.

Secondo me agendo in tal modo preservi maggiormente le monete e non rischi di trovarti ossidate le monete in rame , acmonital e poi puoi sempre rimontare la divisionale se conservi i cartoncini

Cosa che invece non potresti fare per le divisionali della Repubblica Italiana

Inoltre le monete in vassoio fanno sempre la loro figura

Link to comment
Share on other sites


L'importante è che non tocchi con le mani nude le monete per portarle nelle capsule :closedeyes:

Su quello sto attentissimo, infatti oltre alle pinzette per numismatica utilizzo dei guanti particolari che vengono venduti in un sito che si occupa di conservazione e restauro.

Link to comment
Share on other sites


Mi chiedo come fate a resistere a non toccare le monete? Per me uno dei piaceri della numismatica è proprio il contatto con la moneta...

Link to comment
Share on other sites


Mi chiedo come fate a resistere a non toccare le monete? Per me uno dei piaceri della numismatica è proprio il contatto con la moneta...

Questo vale anche per me (con le dovute precauzioni)

Link to comment
Share on other sites


mi sembra semplicemente pazzesco pensare che una moneta che è nata per circolare nelle mani della gente debba essere trattata con guanti particolari per non lasciare l'improntae con le pinze, magari con punta particolare per evitare chissà che cosa... e quelle di duemila anni fa ed oltre? altro che pinze hanno passato di tutto eppure quando te le rigiri fra le mani non sei te che lasci una impronta a loro sono loro che ti mandano un brivido e che brivido; ma forse ho sbagliato forum... sono capitato tra filatelici?

Attenzione alle sofistificazioni eccessive snaturano la numismatica ed il senso di storia che essa rappresenta...ammesso e non concesso di essere in grado di recepirlo

Grazie e scusatemi l'esplosione; ma è stato più forte di me

Saluti Cesare Augusto

Link to comment
Share on other sites


concordo con cesare augusto,il bello della numismatica e'proprio quello di rigirarsi le monete tra le mani e gustarne il fascino che sprigionano :wub:

Link to comment
Share on other sites


concordo con cesare augusto,il bello della numismatica e'proprio quello di rigirarsi le monete tra le mani e gustarne il fascino che sprigionano :wub:

con certe monete si può, con altre ahimé no ;)

Link to comment
Share on other sites


Anch’io mi trovo sostanzialmente d’accordo con Cesare Augusto

Nel forum delle monete moderne ( vedi euro) si leggono consigli o metodi di conservazione e/o manipolazione delle monete che raggiungono il parossismo, si discute se è meglio conservare il conio nell’oblò, il massimo si raggiunge nel mettere il tutto sotto vuoto in un “sarcofago” di plexiglass dal quale estrarre la poca aria esistente.

Per la verità va considerato che tali “pruriti” sono in genere d’appannaggio di chi colleziona monete che nascono già per i collezionisti, chi possiede denari romani, grossi rinascimentali, zecchini, o piastre per far solo qualche esempio, non si sognerebbe mai di mettere “sottovuoto” la propria moneta, perdendo il piacere di toccarla esaminarla studiarla, e non ultimo fotografarla, penso a quelle brutte foto di monete attraverso patine di plastiche o riflessi di plexiglass.

Per fortuna a questo mondo c’è piena libertà, di conseguenza ognuno di noi può fare ciò che meglio crede, nel rispetto reciproco.

Saluti

TIBERIVS

Link to comment
Share on other sites


Mi scuso ancora per l'infervoramento e mi rivolgo a Mikkandrea che tra l'altro ha posto un interessante quesito alla "Piazzetta" ... ebbene è purtroppo tristemente vero quello che affermi, se si parla di capitali tesaurizzati sotto forma di moneta; ma in questo caso il problema non riguarda più la scienza numismatica che la moneta è scienza e coivolge: Storia, arte, cultura, chimica, fisica, tecnologia etc... etc... ma puramente commerciale e mi chiedo se in chi ha tendenze da bancario, o meglio da banchiere, sia preponderante e sino a che punto, lo spirito del numismatico... vedi MiK per molti anni ho operato nel settore della ricerca scientifica e non ho fatto fortuna più di tanto in compenso ho conosciuto alcuni che con la ricerca scientifica si sono arricchiti e non poco; ma credimi erano e sono tutto fuorchè uomini di scienza.

p.s. anche le monete auree di quando la moneta non era fiduciaria; ma aveva un valore intrinseco hanno circolato, forse qualche imboscato da trattare in "Guanti bianchi" c'è stato; ma le eccezioni non fanno la regola.

Un saluto a te Mikkandrea ed a tutto il Forum da Cesare Augusto

Link to comment
Share on other sites


Un grande saluto anche a te, Cesare Augusto. Credo di avere compreso il tuo punto di vista ed in parte lo condivido. Tuttavia, quando ci si trova a spendere grosse somme su monete il cui valore varia sensibilmente a seconda del loro grado di conservazione, è comprensibile che si cerchi per quanto possibile di conservare quel valore. Ciò è particolarmente vero per le monete moderne e contemporanee, per logiche di mercato che non amo troppo, e che ciò nonostante determinano e condizionano pesantemente il collezionismo numismatico.

Raccogliere monete antiche sembrerebbe essere invece un collezionare più rilassato, senza le paturnie e le angosce dei vari fdc, qfdc, spl+ e così via.

Forse dovremmo darci tutti a quest'ultimo tipo di monetazione. E però anche le contemporanee (in particolare quelle di V.E.III ;) ) mi danno un certo brivido quando le rigiro fra il pollice e l'indice...

Link to comment
Share on other sites


Saluti Mikkandrea è un po' che mi frulla per la mente un pensieraccio; ma non riesco proprio a scacciarlo...siamo veramente sicuri che le monete a cui ti riferisci o per parlare dei nostri giorni, quelle nate per i numismatici, in eleganti confezioni e coniate in metallo pregiato, facciano parte della numismatica o meglio sarebbe inserirle in altri circuiti ad essa affini, che so medaglie monetate od altro... exonummia insomma; ascolterò volentieri il tuo pensiero ed ovviamente quello degli amici del forum, so già che Bizerba non è daccordo; ma gli altri?

Grazie a tutti ed un saluto da Cesare Augusto

Link to comment
Share on other sites


Sono d'accordo con il pensiero di Cesare Augusto.

Anche se raccolgo monetazione moderna (Regno, Repubblica) mi piace maneggiare con le mani nude le mie monete...che custodisco in vassoi.

Per me la moneta propriamente detta è quella nata per circolare tra la gente e le confezioni appositamente fatte per i collezionisti, non mi attirano, anche se ne ho qualcuna (per esempio le serie repubblicane dal 69 al 79, ma niente di più).

Ultimamente poi, con l'euro, abbiamo raggiunto il culmine della speculazione numismatica.

Senza voler offendere chi raccoglie questa monetazione, ma a mio vedere, si è raggiunto l'apice della speculazione (vedi Vaticano,S.Marino ecc), con un eccessivo interesse per il "valore" del pezzo posseduto (ma quest'ultimo vale un pò per tutto)

La numismatica dovrebbe essere altra cosa: una passione che ti fa sentire la storia tra le mani.

Per chi vuole solo investire dei risparmi, ci sono altre strade.

Un saluto a tutti

Saturno

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.