Jump to content
IGNORED

2 Baiocchi 1849 IV "strano"


Paleologo
 Share

Recommended Posts

Salve a tutti, vorrei sottoporvi questo pezzo di Pio IX che mi lascia piuttosto perplesso. Evidentemente sono 2 Baiocchi I tipo per Roma del 1849 anno IV, però:
- il diametro è corretto (35mm) ma stranamente il peso è eccedente (21.4g contro i 20 canonici)
- nella leggenda manca il punto dopo PON
- il bordo è particolarmente deturpato e addirittura il taglio sembra "scalpellato"
Potrebbe trattarsi di un falso d'epoca? Mi sembra strano che uno si mettesse a falsificare monete di rame, oltretutto eccedendo nel peso! Che ne pensate?

Ciao e grazie, P.

[attachment=5632:attachment]
Link to comment
Share on other sites


Ciao Paleologo, dalle foto io propenderei per un esemplare originale, come tu stesso affermi, falsificare oggi una moneta in rame, per giunta comune, non avrebbe senso e credo sia troppo ben fatta (riguardo le incisioni) perchè si possa trattare di un falso d'epoca ;) .

Interessanti i rilievi sul peso (di solito calante, ho due esemplari in buona conservazione che pesano rispettivamente 19,25 grammi e 19,4 grammi :rolleyes: ) e soprattutto sul punto mancante nella legenda del diritto, variante che non ho visto citata nel Muntoni ed in un vecchio catalogo che ho consultato.

Infine quanto al martellamento del bordo, non so perchè, ma sembra essere pratica comune all'epoca, tempo fa l'avevo visto su un baiocco 1850 ed io stesso ho un 2 soldi 1866 che ha subito lo stesso trattamento :(

Un saluto, RCAMIL ;)
Link to comment
Share on other sites


Grazie rcamil, mi conforti! Che mi sia capitata in mano una variante inedita? Attendo ulteriori pareri. Considerate che potrebbe essere la mia occasione di passare alla storia :P
Link to comment
Share on other sites


Ne ho viste anche io delle monete in quelle condizioni, per quanto riguarda il bordo, anche secondo me è buona e poi se cè anche qualcosa che faccia pensare ad una variante ancora meglio...
Link to comment
Share on other sites


Aggiornamento: World Coins in figura fa vedere il tipo senza punto, Gigante il tipo col punto, nessuno dei due nomina l'esistenza di varianti... Dato che il Gigante cita come riferimento il libro del Pagani "Monete Italiane dall'Invasione Napoleonica ai Giorni Nostri" qualcuno avrebbe la possibilità di consultarlo e vedere se dice qualcosa al riguardo?

Ciao, P.
Link to comment
Share on other sites


  • ADMIN
Staff
Il Pagani (che mi sembra sottovalutato di questi tempi ma in realta' sarebbe sempre bene consultarlo) cita 3 varianti per il 1849 IV Roma:

- senza il punto dopo PON ma ANN . IV senza il punto a seguire
- come sopra ma ANN . IV .
- con il punto dopo PON, ANN . IV .

Tutte e tre le varianti riportano le iniziali dell'incisore e sono segnalate come comuni.

M.
Link to comment
Share on other sites


[quote name='incuso' date='22 luglio 2005, 08:47']Il Pagani (che mi sembra sottovalutato di questi tempi ma in realta' sarebbe sempre bene consultarlo) cita 3 varianti per il 1849 IV Roma:[/quote]

A proposito di Pagani, è un catalogo che consigliate di avere? Ho visto che su eBay è andato recentemente via a una cifra di poco superiore ai 60€, è un prezzo adeguato?
Link to comment
Share on other sites


  • ADMIN
Staff
Forse ricordo male, ma in un negozio della mia città mi sembra che ne chiedessero 40. E ne avevano un discreto numero di copie, ti sto però parlando di due anni fa circa.

M.
Link to comment
Share on other sites


[quote name='incuso' date='22 luglio 2005, 09:02']Forse ricordo male, ma in un negozio della mia città mi sembra che ne chiedessero 40. E ne avevano un discreto numero di copie, ti sto però parlando di due anni fa circa.[/quote]

Se ti capita di rivederlo a quei prezzi, mi fai un fischio? Mi costa meno venire a prenderlo a Parma, piuttosto che spendere 70€ su eBay! :o
Link to comment
Share on other sites


  • ADMIN
Staff
Fino a settembre non penso di ripassarci. Ma poi vedo di informarmi. Se vuoi ti passo i dati se preferisci contattarli tu prima.

M.
Link to comment
Share on other sites


[quote name='incuso' date='22 luglio 2005, 10:52']Fino a settembre non penso di ripassarci. Ma poi vedo di informarmi. Se vuoi ti passo i dati se preferisci contattarli tu prima.[/quote]

Ok, se hai indirizzo e/o telefono mi fai un piacere.
Link to comment
Share on other sites


  • ADMIN
Staff
No, non li ho ma il posto è la filatelia cavalieri di Parma, se cerchi su internet trovi il sito. Per le monete sono carucci però

M.
Link to comment
Share on other sites


Ho il Pagani e mi piace molto, è un testo di riferimento per i cataloghi di oggi, è di grande interesse storico per quanto riguarda la catalogazione delle varianti, e poi contiene delle bravi descrizioni della moneta (es stemma di Milano inquartato su aquila bicipite coronata etc.) che aiutano chi è alle prime armi a leggere le monete.
Ovviamente va preso un po' con le molle perchè si deve tenere conto dell'evoluzione del mercato negli 20 ultimi anni, molte stime di rarità sono cambiate, ma per quello basta avere il Gigante a portata di mano.
Ogni tanto compare su Ebay a 40 euro. 60 di conseguenza mi sembrano troppi.
Fate attenzione a prendere l'ultima edizione dell'83 con la copertina verde. Edited by micheleavanzo
Link to comment
Share on other sites


[quote name='incuso' date='22 luglio 2005, 12:09']No, non li ho ma il posto è la filatelia cavalieri di Parma, se cerchi su internet trovi il sito. Per le monete sono carucci però[/quote]

Ok, sito trovato, grazie.
Link to comment
Share on other sites


Altro sacro testo da aggiungere alla lista della spesa :(

Quindi si tratta della seconda varietà citata dal Pagani. Grazie per i chiarimenti! :) Edited by Paleologo
Link to comment
Share on other sites


[quote name='incuso' date='22 luglio 2005, 08:47']Il Pagani (che mi sembra sottovalutato di questi tempi ma in realta' sarebbe sempre bene consultarlo) cita 3 varianti per il 1849 IV Roma:

- senza il punto dopo PON ma ANN . IV senza il punto a seguire
- come sopra ma ANN . IV .
- con il punto dopo PON, ANN . IV .
[right][post="48481"]<{POST_SNAPBACK}>[/post][/right][/quote]

Quindi il Muntoni sta indietro di ben due varianti :( , ma non è del tutto sorprendente, sulla monetazione post-1800 le "lacune" sono maggiori rispetto alle meno reperibili e più variegate monetazioni dei secoli precedenti :rolleyes:.

Intanto, a conferma del fatto che il martellamento delle monete era di moda, ho trovato un 5 baiocchi 1850, allegato.

Ciao, RCAMIL ;)
Link to comment
Share on other sites


Forse era veramente un passatempo, ma non nel senso che si divertivano a martellare le monete :D .

Non so niente di questa in particolare, ma i segni che vedo potrebbero essere riconducibili ad un gioco che si praticava un po' ovunque nel XIX sec., con varie varianti regionali.
Monete abbastanza grandi e di valore interessante ma non esagerato dovevano essere particolarmente adatte.
Il gioco consisteva nel far rimbalzare la propria moneta su un pavimento e/o contro un muro cercando di avvicinarsi il più possibile ad un punto predeterminato.
La moneta utilizzata per il gioco era al tempo stesso la posta del gioco e restava al vincitore, per cui è plausibile che la stessa moneta passasse di mano restando nel giro dei giocatori e subisse vari impatti per via di più giocate.

Se l'idea è giusta, può spiegare lo strano stato di conservazione, ma direi che non c'è nesso logico con le anomalie numismatiche che sono state segnalate.
Link to comment
Share on other sites


[quote name='LUCIO' date='23 luglio 2005, 21:06']Non so niente di questa in particolare, ma i segni che vedo potrebbero essere riconducibili ad un gioco che si praticava un po' ovunque nel XIX sec., con varie varianti regionali.
[right][post="48890"]<{POST_SNAPBACK}>[/post][/right][/quote]

Il BATTIMURO! Ci giocavo da bambino, e non risalgo al XIX secolo :D

[quote name='LUCIO' date='23 luglio 2005, 21:06']Se l'idea è giusta, può spiegare lo strano stato di conservazione, ma direi che non c'è nesso logico con le anomalie numismatiche che sono state segnalate.
[right][post="48890"]<{POST_SNAPBACK}>[/post][/right][/quote]

Quoto. La spiegazione è intrigante e perfettamente plausibile :)
Link to comment
Share on other sites


Ipotesi più che plausibile.
Se fossi uno scienziato, proporrei di provare con una moneta monderna, in modo da verificare se i segni sono compatibili :)
Link to comment
Share on other sites


Difficile trovarne di moderne in quel materiale e con quel modulo... A meno che non si trovi un volontario disposto a sacrificare un pezzo della sua collezione sull'altare della scienza, suggerirei di provare con un qualsiasi tondello di rame ;)
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.