Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
quattrino

Denario di Adriano - Romolo Conditori

Risposte migliori

quattrino

La lettura dell'interessantissimo libro di Andrea Carandini - Roma, il primo giorno, mi ha dato lo spunto per scrivere questa breve nota a commento del denario con il rovescio di Romolo.

Quanta storia e quanta simbologia dietro le monete romane! :)

AdrianoRomvuloconditori-CNG.jpg

Nominale AR DENARIO

Data / Zecca AD 138 / ROMA

Descrizione

D/ HADRIANVS AVG COS III P P / Busto laureato a d. con leggero drappeggio sulla spalla sinistra.

R/ ROMVLO CONDITORI / Romolo, con la testa nuda, che avanza a destra in abiti militari, tenendo un trofeo sulla spalla s. ed un’asta con la mano d.

Riferimenti RIC II 266 (Scarce); BMCRE 711; RSC 1316a;

La rappresentazione di Romolo il fondatore (Romvlo Conditor), deificato con il nome di Quirino, è tutt’altro che comune nella serie romana imperiale, nella quale compare sporadicamente solo sulle monete di Adriano e degli antonini. Ciò è dovuto senz’altro al fatto che si preferì, sin dagli inizi della monetazione repubblicana, adottare la rappresentazione della “Dea Roma”(1).

Il richiamo alle tradizioni è forte nella monetazione adrianea. In questa ottica di esaltazione della tradizione romana può essere letta la dedica a Romolo fondatore, che ricorre in una serie di monete coniate nei tre metalli ed in medaglioni e che può collegarsi anche alla costruzione del Tempio di Venere e Roma dedicato tra il 135 ed il 137. Questo tempio è funzionale per il proposito di Adriano di ricollegarsi ai giulio-claudi anche attraverso la divinità progenitrice, assimilata nel Pantheon romano proprio come capostipite della gens Iulia e, come tale, ora recepita Genetrix. Ma vi sono anche altre caratterizzazioni di Venere, sempre fortemente celebrative, come Victrix e Felix, databili agli ultimi anni del regno, nel ciclo cui fanno riferimento anche i medaglioni con soggetti più propriamente romani, Romolo, lupa, Enea, Silvano e Bacco. Tutto ciò rafforza la realizzazione del programma adrianeo di porsi, nel contempo nuovo Romolo, rifondatore della città e nuovo Augusto, rifondatore dell'Impero, ormai consolidato dalla tradizione e dall'adesione agli stessi culti e dalla medesima discendenza da Venere (2).

Romolo è rappresentato con un trofeo sulla spalla, immagine che rimanda al primo trionfo celebrato a Roma, quello appunto di Romolo contro Acrone, re di Cenina che aveva attaccato i romani per vendicare l’affronto del “Ratto delle Sabine”. Racconta infatti Plutarco che Romolo, una volta sfidato a duello e sconfitto Acrone, per adempiere il voto fatto a Giove di consacrare le armi del nemico in caso di vittoria”…tagliò una quercia gigantesca e le diede forma di trofeo, poi vi appese le armi di Acrone disposte in ordine una ad una; egli stesso , indossata la veste, si cinse di alloro la testa chiomata. 5 Sollevato il trofeo, che teneva dritto poggiandolo sulla spalla destra, procedeva intonando il canto della vittoria, al quale rispondeva l’esercito che lo seguiva in armi, mentre i cittadini l’accoglievano pieni di gioia e di ammirazione. Questa processione, dunque, fu l’inizio e il modello dei trionfi successivi; il trofeo fu dedicato come offerta votiva a Giove Feretrio. 6. I Romani dicono ferire l’atto di colpire; e Romolo aveva chiesto col suo voto di colpire e di abbattere il nemico.(…) Dionisio è inesatto quando dice che Romolo si servì di un carro. 8. Si narra che Tarquinio, figlio di Demarcato fu il primo a portare i trionfi a questa forma di lusso; altri dicono che il primo a celebrare il trionfo su di un carro sia stato Publicola. Le raffigurazioni di Romolo, che si possono vedere a Roma, lo rappresentano tutte mentre porta il trofeo a piedi (3).

E’ possibile che la scelta del tipo sia stata ispirata proprio dalla pubblicazione dell’opera di Plutarco, contemporaneo di Adriano che lo nominò procuratore nel 117 d.c.

(1) F. Gnecchi, I Tipi Monerari di Roma Imperiale (1907), pp. 25-26;

(2) http://www.monetaecivilta.it/storia/adriano.html;

(3) Plutarco, Vite Parallele, Teseo e Romolo 17, 4-8, traduzione di C. Ampolo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

brozzi

post davvero molto interessante, grazie quattrino

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

quattrino

Grazie Brozzi. :)

Ho trovato altre notizie interessanti sui trionfi in generale e sul trionfo di Romolo in particolare, in questa presentazione di Uniroma2:

http://www.uniroma2.it/didattica/an_ro/dep...6,1,Diapositiva 1

C'è anche una raffigurazione di romolo trovata a Pompei molto simile a quella del denario di Adriano.

Ciao! :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×