Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Exergus

Antoniniano bonsai

Risposte migliori

Exergus

Salve a tutti,

ho alcune perplessità su questa moneta, la classificazione che si avvicina di più secondo me,(visto quel che ne resta) è:

Claudio II Gotico - RIC 261 Antoniniano in mistura, zecca di Milano 270 a.D.

D: DIVOCLAVDIO - busto con corona radiale rivolto a destra

V: CONSECRATIO - altare con fiamma accesa

La moneta è veramente piccola, misura appena 11,4 mm per 0,93 g. Anche supponendo che sia stato grattuggiato il materiale che conteneva le legende (come fa pensare il bordo), non credo che possa aver superato i 15 mm di diametro, mentre dovrebbe aggirarsi attorno ai 20mm. Lo stesso ritratto mi sembra molto piccolo per questa tipologia di monete. So che in un certo periodo sono state coniate monetine piccolissime (minimi e minimissimi) che circolavano in sacchetti, ma se ben ricordo questo avveniva nel secolo successivo, potrebbe appartenere comunque a questa categoria? O che?

Grazie a tutti in anticipo.

post-18735-1262445780,05_thumb.jpg

post-18735-1262445787,59_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nikko

Direi che si tratta di un imitativo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ramon_fonst

Anche io ho una monetina molto simile, trovata in mezzo ad altre da pulire:

002vi.jpg001wc.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Exergus

Grazie,

effettivamente, al dritto, benchè il ritratto appaia stilisticamente accettabile, la corona radiale sembra un po' stilizzata, così come l'altare al verso. Allora, date le dimensioni, si può concludere che monete di questo tipo (radiati piccolissimi) sono da considerarsi imitative barbariche? Mi rendo conto che la documentazione esistente sulle imitative è scarsa, ma sono sicuro che qualcuno potrebbe dirmi qualcosina in più...

Ciao

p.s. Per raffronto aggiungo una foto del RIC 261, trovata sul sito dei "venti selvaggi".

post-18735-1262451698,73_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nikko

Se parli il francese e mi mandi la tua mail ti faccio avere tutto un lavoro su queste imitazioni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Exergus

Grazie Nikko,

forse avrai già letto questa discussione a proposito di una imitativa, in caso contrario ecco il link 7nov2009

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

... i Claudio II CONSECRATIO sono stati frequentemente oggetto di imitazioni barbariche (al pari dei Tetrici...) ed a mio parere anche il campione postato per primo potrebbe esserlo. :huh:

I ritratti talvolta non sono proprio canonici.

Anch'io ne ho uno di dimensioni ridotte con un ritratto delle caratteristiche di cui sopra che il buon Pittini (dotato di occhio fine e buona esperienza nel campo) me lo aveva dato come autentico.

Il problema è che spesso sono consunti (sia il mio che i due postati...) e ciò non aiuta nell' identificazione...

Tra l'altro mi pare Gianfranco in questi giorni sia in ferie (cosa che farò anch'io da domani :D :D :D ) e quindi impossibilitato a darci un'occhiata. Forse al rientro...

Ciao

Illyricum

;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Exergus

Dal bel lavoro di Weber (ringrazio ancora Nikko), mi sembra di aver capito che potrebbe essere proprio una di queste, sia dalle tipologie che dalla frequenza di queste imitative ritrovate nei tesoretti. C'è la foto di una ritrovata in Algeria che è molto somigliante. Alla luce di questo, ho rivisitato alcuni antoniniani in mistura più piccoli del normale, di Tetrico, Claudio II (consecratio con aquile o altari) e Gallieno, che avevo classificato tempo fa, quando ero ancora molto più ignorante di adesso, credo che più d'uno di questi, viste le dimensioni e lo stile, potrebbe ricadere nella categoria delle imitative/monete di necessità.

Acc... è un campo maledettamente interessante...

Modificato da Exergus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

In effetti rientro oggi dalle Gallie (!) e vi dò il mio parere.Sia la prima moneta postata che quella mostrata subito dopo sembrano imitative (direi di evitare il termine "barbariche"), lo dimostrano sia il peso, che le dimensioni, che la tipologia dell'altare al R.; le "fiamme verticali" e anche la suddivisione cruciforme con 4 globetti sono tipici di queste imitative, uscite in quantità abbondante già contemporaneamente alle monete ufficiali, e poi per almeno 10-15 anni. Dove? Sembra soptrattutto in Italia Settentrionale, Gallia Meridionale, probabilmente anche in Africa. Motivo: carenza di numerario. Discorso un po' diverso per le imitative dei Tetrici. Le imitative di Gallieno, Vittorino e Postumo sono molto meno comuni. Se vi interessa, sui radiati imitativi dovrebbe uscire un mio articolo sul prossimo numero di "Monete Antiche".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Exergus

Grazie Gianfranco della conferma, mi dispiace per te che hai finito le ferie... :) ma la rivista si trova in edicola oppure è in abbonamento? Non mi sembra di averla mai vista dai giornalai che conosco, devo cambiare edicolante?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ramon_fonst

DE GREGE EPICURI

In effetti rientro oggi dalle Gallie (!) e vi dò il mio parere.Sia la prima moneta postata che quella mostrata subito dopo sembrano imitative (direi di evitare il termine "barbariche"), lo dimostrano sia il peso, che le dimensioni, che la tipologia dell'altare al R.; le "fiamme verticali" e anche la suddivisione cruciforme con 4 globetti sono tipici di queste imitative, uscite in quantità abbondante già contemporaneamente alle monete ufficiali, e poi per almeno 10-15 anni. Dove? Sembra soptrattutto in Italia Settentrionale, Gallia Meridionale, probabilmente anche in Africa. Motivo: carenza di numerario. Discorso un po' diverso per le imitative dei Tetrici. Le imitative di Gallieno, Vittorino e Postumo sono molto meno comuni. Se vi interessa, sui radiati imitativi dovrebbe uscire un mio articolo sul prossimo numero di "Monete Antiche".

Grazie per la spiegazione, c'è già un post nel forum che descrive queste "imitative", per poterle inquadrare?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Purtroppo la rivista è solo in abbonamento; non costa molto (23 € per 6 numeri!), il versamento va fatto sul CCP 22375026 intestato a Libreria Classica Editrice Diana, CASSINO. Per in formazioni puoi telefonare (0776-22815), Antonio Morello è molto gentile. Se non fai a tempo, posso mandarti il testo dell'articolo, ma senza le immagini, perchè risulta troppo complicato. Quanto a discussioni qui sul sito su radiati di imitazione: qualcosa forse c'è, ma non te la so indicare con precisione; puoi cercare con le parole-chiave "radiati, imitazioni, barbariche"; prova anche a vedere nei Manuali de La Moneta. Sicuramente c'è una vecchia discussione sul FAC, ma nel settore inglese.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×