Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
giollo2

Emilia Romagna Odoardo Farnese: due doppie per Piacenza

Recommended Posts

giollo2

Se qualcuno è interessato si potrebbero approfondire alcuni aspetti relativi alla comparsa, da alcuni anni, sul mercato numismatico di un certo numero di esemplari quantomeno “dubbi” delle 2 doppie di Odoardo Farnese per Piacenza sia del 1626 che del 1631.

Ho raccolto un pò di materiale che, se l’argomento può suscitare interesse, potrei condividere con gli utenti del forum.

Poichè non ho molta dimestichezza, chiedo per cortesia a qualche coordinatore in quale forum posso inserire questa discussione (il forum “falsi” forse è troppo categorico: intendo presentare alcuni miei dubbi e perplessità ma non certezze).

Edited by dabbene

Share this post


Link to post
Share on other sites

giollo2

AIUTO!

Come faccio ad inserire le immagini all'interno di un testo?

Ho provato con un copia/incolla di un file Word contenente immagini ma viene copiato solamente il testo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Paleologo

Le immagini devi caricarle separatamente

Share this post


Link to post
Share on other sites

incuso
Staff

Sposto direttamente questa discussione nella sezione. Confermo, ovviamente, il mio interesse!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Liutprand

Aspettiamo con ansia, credo sia un argomento interessante.

Share this post


Link to post
Share on other sites

incuso
Staff

Come faccio ad inserire le immagini all'interno di un testo?

Ho provato con un copia/incolla di un file Word contenente immagini ma viene copiato solamente il testo.

Occorre salvare le immagini estraendole dal file word e poi caricarle una alla volta preferibilmente in messaggi separati. Se ce ne fosse bisogno posso dare una mano, la mia mail è nel mio profilo e nel caso mi spedisca il file e istruzioni su quali immagini caricare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

giollo2

Grazie Incuso,

stasera dopo cena farò un tentativo (ho una quindicina di immagini da inserire nel testo). Se avrò problemi approfitterò senza ritegno del tuo aiuto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

giollo2

messaggio n. 1

Per cominciare alcune premesse:

“Dal 1625 la zecca di Piacenza diventò stabile e fu dotata di "torchietti" azionati dall'acqua che facevano ruotare dei coni cilindrici in grado di produrre una grande quantità di monete di modulo regolare e perfettamente impresse. Piacenza, per merito dello Xell, fu tra le prime zecche d'Italia ad abbandonare l'uso della coniazione a martello” (Crocicchio-Fusconi (di seguito abbreviato in CF) p. 379)

Per intenderci i coni cilindrici sono questi (è possibile notare l’accuratezza dell’incisione e la regolarità dei particolari e delle lettere):

post-7879-1263327891,3_thumb.jpg

post-7879-1263327906,32_thumb.jpg

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

giollo2

messaggio 2

Inizialmente, nel 1626, venne battuta una moneta con la data in numeri arabi (Crocicchio Fusconi n. 103) che probabilmente fu coniata in pochissimi esemplari (forse non gradita al Duca) e che oggi è di estrema rarità.

Eccola:

post-7879-1263328262,93_thumb.jpg

post-7879-1263328278,01_thumb.jpg

Sempre nello stesso anno venne poi coniata la più comune (relativamente) quadrupla con la data in numeri romani e la testa del duca al Diritto più piccola (CF n. 104).

Share this post


Link to post
Share on other sites

giollo2

Queste quadruple presentano una precisa individuazione dei coni caratterizzata da un simbolo al termine della leggenda del rovescio: una V rovesciata per gli esemplari del 1626 e un numero arabo (finora sono stati identificati i numeri 1, 2, 3, 5 e 6) per gli esemplari del 1631. Ad ogni numero corrisponde una particolare variante della punteggiatura della leggenda del diritto.

Ecco i particolari:

V rovesciata

post-7879-1263328387,02_thumb.jpg

numero arabo 1

post-7879-1263328438,41_thumb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

giollo2

Tutti gli esemplari appartenenti a una decina di collezioni pubbliche (e quindi in genere di formazione non recente) e quelli comparsi in asta fino ad una decina di anni fa (nei cataloghi da me esaminati) rispondevano perfettamente a queste premesse: monete molto regolari e perfettamente impresse.

Qualche esempio:

post-7879-1263328522,41_thumb.jpg

post-7879-1263328545,58_thumb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

giollo2

Le prime perplessità mi sono venute esaminando questo esemplare:

post-7879-1263328960,72_thumb.jpg

post-7879-1263328982,37_thumb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

giollo2

Motivi di perplessità:

1. fondi porosi e non perfettamente piani

post-7879-1263329134,34_thumb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

incuso
Staff

Che sarebbe 1631 LX se vedo bene

Share this post


Link to post
Share on other sites

giollo2

Motivi di perplessità

2. particolari molto approssimativi

post-7879-1263329292,76_thumb.jpg

ecco invece lo stesso particolare di un esemplare "buono"

post-7879-1263329337,29_thumb.jpg

Edited by giollo2

Share this post


Link to post
Share on other sites

giollo2

3. lettera R della leggenda del rovescio. Alcune monete presentano un “grumo” sulla gamba della R, frutto verosimilmente di un difetto o di un danneggiamento del conio cilindrico. Negli esemplari sicuramente originali si presenta in questo modo:

post-7879-1263329434,94_thumb.jpg

Negli esemplari “dubbi” assume invece questo aspetto:

post-7879-1263329456,6_thumb.jpg

Da notare che negli esemplari sicuramente originali questo particolare è presente solamente per la data 1626.

4. Negli esemplari sicuramente originali il simbolo della V rovesciata al rovescio si ha solamente per la data 1626 (nel 1631 sono utilizzati solamente dei piccoli numeri). Negli esemplari “dubbi” la V rovesciata si trova anche con la data 1631.

5. Negli esemplari “dubbi”, con data 1631 possono essere presenti anche le sigle LX di Luca Xell (fino a pochi anni fa con questa data si conoscevano solo le quadruple di Ludovico Fermi, L F). Da un attento esame, l’esemplare citato nel CF al n. 104 B non è risultato autentico (tra l’altro per un errore di stampa la foto non corrispondeva alla tipologia descritta) e quindi la coniazione della quadrupla sotto Luca Xell del 1631 probabilmente non è avvenuta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

incuso
Staff

Due esempi del "grumo" sulla R e direi della sua evoluzione (mi sembra che questi esemplari non abbiano le caratteristiche dubbie prima elencate):

2doppiedellalupa_1626_9277.jpg

2doppiedellalupa_1626_11522.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

incuso
Staff

La doppia dell'ultima stack's (invenduta) e segnalata proprio da giollo2:

image00916.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

incuso
Staff

Altri 2 doppie, partiamo con il 1626:

26S51525833376866D.jpg26S51525833376866R.jpg

1556D.jpg1556R.jpg

ma anche il 1631:

1557D.jpg1557R.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

incuso
Staff

In base a quanto detto, l'ultimo 1631 (peraltro andato invenduto) sarebbe dubbio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.