Jump to content
IGNORED

approfondimento LIRE 5 1914 QUADRIGA BRIOSA


Guest utente3487
 Share

Recommended Posts

Guest utente3487

Le 5 lire del 1914 vennero ideate ed emesse in un periodo particolarmente delicato per l'Italia che si apprestava ad entrare nel primo conflitto mondiale. L'inflazione stava andando alle stelle, eppure si pensò di battere una moneta da 5 lire in argento in un numero abbastanza elevato di esemplari. Circolarono veramente?

Link to comment
Share on other sites

UNA MIA PERSONALISSSSSIMA IDEA....

le monete vennero emesse per "uscire" normalmente e rogolarmente....ma penso che la maggior parte...vennero "incamerate" da alcuni che aveva il potere economico di poterle prendere e tenere senza problemi....

quindi...da qualche parte ..penso ci siano i ...rotoloni !!!!

Link to comment
Share on other sites


UNA MIA PERSONALISSSSSIMA IDEA....

le monete vennero emesse per "uscire" normalmente e rogolarmente....ma penso che la maggior parte...vennero "incamerate" da alcuni che aveva il potere economico di poterle prendere e tenere senza problemi....

quindi...da qualche parte ..penso ci siano i ...rotoloni !!!!

Si e sopratutto in banche straniere =) . . . il problema è che tirarle fuori tutte ora e in Fdc vorrebbe dire renderla comunissima e con un prezzo molto piu basso dei 14 000€ rischiesti oggi !!!

Saluti

Marco

Link to comment
Share on other sites


era in una discussione di poco tempo fà. Un vecchietto ne ha un rotolino (di quelli veri) insieme ad altre monete d' argento ( sempre in rotolini e in sacchetti).

Posso dirvi con certezza che mio nonno non sapeva nemmeno che esistevano, perciò secondo me, sono stati immediatamente imboscati (chissà da chi??....).

Link to comment
Share on other sites


Le ipotesi sono molte.

Secondo me qualche rotolino/sacchettino in giro probabilmente ci sarà ma la maggior parte del contingente, se coniata veramente è stata fusa chissà dove e da chi

Anche nelle aste battute non è che compaia così spesso e quelle che passano sono provenienti da collezioni. Se qualcuno avesse "i rotolini" state tranquilli che almeno 1 per asta in Europa sarebbe a listino

Link to comment
Share on other sites


Le ipotesi sono molte.

Secondo me qualche rotolino/sacchettino in giro probabilmente ci sarà ma la maggior parte del contingente, se coniata veramente è stata fusa chissà dove e da chi

Anche nelle aste battute non è che compaia così spesso e quelle che passano sono provenienti da collezioni. Se qualcuno avesse "i rotolini" state tranquilli che almeno 1 per asta in Europa sarebbe a listino

100% d'accordo

TIBERIVS

Link to comment
Share on other sites


Guest utente3487

privati che hanno rotolini,penso sia improbabile.per le banche e' un altro discorso,sempre col rischio che tenerle chiuse.........marcantonio.

Qualcuno li ha, ma non essendo collezionista ma solo un tesaurizzatore, li conserva, come molti conservano marenghi, pezzi da lire 500 in argento ecc

Link to comment
Share on other sites

Fidatevi che i rotolini ci sono . . . ne hanno coniate tante di quelle monete . . . =)

Saluti

Marco

P.s. Per il mercato e per i collezionisti che la posseggono è meglio credere cmq che gli esemplari in circolazione siano davvero pochi =)

Link to comment
Share on other sites


io penso che chi detenga queste monete...nel suo tesoretto abbia anche ben altro..marenghi--sterline---lingotti..quadri...diamanti..azzioni...titoli di stato ecc..ecc...quanto di piu' diversificato possibile....e non ha nessun bisogno di tirar fuori niente.....

Link to comment
Share on other sites


Guest utente3487

io penso che chi detenga queste monete...nel suo tesoretto abbia anche ben altro..marenghi--sterline---lingotti..quadri...diamanti..azzioni...titoli di stato ecc..ecc...quanto di piu' diversificato possibile....e non ha nessun bisogno di tirar fuori niente.....

La penso anche io così infatti....

Link to comment
Share on other sites

La penso anch' io come l' amico Riccardo,

Quanti erano all' epoca che si potevano permettere un acquisto del genere dal momento che è stato messo subito sotto chiave?.

Link to comment
Share on other sites


Le 5 lire del 1914 vennero ideate ed emesse in un periodo particolarmente delicato per l'Italia che si apprestava ad entrare nel primo conflitto mondiale. L'inflazione stava andando alle stelle, eppure si pensò di battere una moneta da 5 lire in argento in un numero abbastanza elevato di esemplari. Circolarono veramente?

Correggetemi se sbaglio, questa moneta dovrebbe essere stata battuta in 270000 esemplari circa, a mia conoscenza non vi furono rifusioni o espatriazione per il pagamento di danni di guerra o altro, con un contingente del genere tale moineta dovrebbe essere catalogata al massimo come NC, allora? O non ho capito nulla io o le mie informazioni sono errate o parziali oppure c'è evidentemente qualcosa che non và, chiedo lumi

Link to comment
Share on other sites


Le 5 lire del 1914 vennero ideate ed emesse in un periodo particolarmente delicato per l'Italia che si apprestava ad entrare nel primo conflitto mondiale. L'inflazione stava andando alle stelle, eppure si pensò di battere una moneta da 5 lire in argento in un numero abbastanza elevato di esemplari. Circolarono veramente?

Correggetemi se sbaglio, questa moneta dovrebbe essere stata battuta in 270000 esemplari circa, a mia conoscenza non vi furono rifusioni o espatriazione per il pagamento di danni di guerra o altro, con un contingente del genere tale moineta dovrebbe essere catalogata al massimo come NC, allora? O non ho capito nulla io o le mie informazioni sono errate o parziali oppure c'è evidentemente qualcosa che non và, chiedo lumi

Ciao Ramossen,

la tua domanda è il fulcro della discussione...

Spero che nel progredire della stessa si possa aver lumi per tutti.

La tua osservazione sulle rifusioni, espatriazioni e soprattutto sul pagamento di danni di guerra è corretta; sono ipotesi sentite spesso ma mai provate.

Anche l'ipotesi di R-R, condivisa anche da elledi, è valida...come ipotesi...

Sono sicuro che la discussione si evolverà su tantissime supposizioni e pensieri ma a un certo punto dovrà scontrarsi con dei dati di fatto provati e qualche documentazione relativa.

Se non ho compreso male la nuova sessione creata serve tra l'altro a questo...

Io credo che una community come quella dei lamonetari arriverà a raccogliere informazioni e fornire possibili risposte a domande che tanti ci poniamo da tempo......(troppo tempo)....

Un caro saluto

Link to comment
Share on other sites


Guest utente3487

Chissà, forse tra le carte di VEIII c'è qualcosa su questa moneta, qualche sua autorevole osservazione. Ma si sa, sono di proprietà privata del MNR e chiedere lumi è pressochè impossibile, anche perchè sono in altre faccende affancendati per pensare a studi storici.

Link to comment
Share on other sites

Le 5 lire del 1914 vennero ideate ed emesse in un periodo particolarmente delicato per l'Italia che si apprestava ad entrare nel primo conflitto mondiale. L'inflazione stava andando alle stelle, eppure si pensò di battere una moneta da 5 lire in argento in un numero abbastanza elevato di esemplari. Circolarono veramente?

Correggetemi se sbaglio, questa moneta dovrebbe essere stata battuta in 270000 esemplari circa, a mia conoscenza non vi furono rifusioni o espatriazione per il pagamento di danni di guerra o altro, con un contingente del genere tale moineta dovrebbe essere catalogata al massimo come NC, allora? O non ho capito nulla io o le mie informazioni sono errate o parziali oppure c'è evidentemente qualcosa che non và, chiedo lumi

La tiratura qualche volta non può essere associata alla rarità... della rupia del 1921 furono coniati 1000000 di pezzi, ne sono spuntate 4 o 5... il 5 lire 1860 Torino è stato battuto in 5000 pezzi ma è "solo" R

Link to comment
Share on other sites


Le 5 lire del 1914 vennero ideate ed emesse in un periodo particolarmente delicato per l'Italia che si apprestava ad entrare nel primo conflitto mondiale. L'inflazione stava andando alle stelle, eppure si pensò di battere una moneta da 5 lire in argento in un numero abbastanza elevato di esemplari. Circolarono veramente?

Correggetemi se sbaglio, questa moneta dovrebbe essere stata battuta in 270000 esemplari circa, a mia conoscenza non vi furono rifusioni o espatriazione per il pagamento di danni di guerra o altro, con un contingente del genere tale moineta dovrebbe essere catalogata al massimo come NC, allora? O non ho capito nulla io o le mie informazioni sono errate o parziali oppure c'è evidentemente qualcosa che non và, chiedo lumi

anche io mi sono posto le stesse domande in un'altra discussione:

Ho ancora forti dubbi sul fatto che una simile moneta come la 5 lire 1911 coniata in 60.000 esemplari è entrata in circolazione e capita di vederla sul mercato molto più spesso (implica un prezzo decisamente inferiore rapporto 1:5-6 contro un numemo di pezzi coniati 1:4,5 circa). Classificata dai cataloghi R e R2 la 5 lire del 1914 mha! :blink: :blink:

Capisco gli imminenti eventi bellici, ma allora perchè l'hanno coniata? Dove sono sparite?

Non è che qualcuno l'abbia dimenticata in qualche forziere...!!!!! :ph34r: :ph34r:

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.