Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Mirko8710

Adriano

Risposte migliori

Mirko8710

Salve,

oggi voglio postarvi un'altra moneta abbastanza comune, ma affascinante. Le condizioni non sono un granché e molto probabilmente è stata anche pulita mad.gif.

Adriano, Denario

Peso: 3g c.ca

Diametro: 18mm c.ca

Al D/ HADRIANVS AVGVSTVS, testa dell'imperatore a dx, laureata.

Al R/ COS III, l'Annona in piedi rivolta a sinistra con il piede dx su di un modius, nella mano destra un uncino, nella sinistra una cornucopia.

Roma, 125-128 d.C.

RIC II - 169 ©, comune. Ed.1926

Sappiamo che le monete di Adriano sono difficilmente databili sulla base della titolatura, perchè Adriano dopo il 3° consolato non inserì l'anno della tribunicia potestate. Come terminus ante quem abbiamo però il 128, anno della sua titolatura a Pater Patriae. Diciamo dunque che la data è stata estrapolata in base alla ritrattistica imperiale, confrontandoli fra di essi.

Altra cosa che mi incuriosisce della moneta in questione è il rovescio, con l'Annona, insieme ad alcuni elementi. Il modio, che a mio avviso era lo specchio della prosperità che l'Impero attraversava in quel momento a una decina d'anni dalla scomparsa di Traiano e l'uncino; su questo non ho trovato molte notizie, sarebbe molto interessante trovare un paragone in quanto a funzionalità ed estetica, a cosa serviva, e perchè in mano dell'Annona?

post-7356-1268240720,72_thumb.jpg

post-7356-1268240724,27_thumb.jpg

Modificato da Mirko8710

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tacrolimus2000

Ricordo di aver letto che l'identificazione di quell'oggetto è incerta; le ipotesi fanno riferimento ad un falcetto per mietere le messi, ad uno strumento per la potatura della vite o addirittura ad un gancio per trainare le navi nei porti.

Se ritrovo il riferimento lo inserisco.

Bella tipologia. Ottimo acquisto.

Luigi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko8710

Grazie mille Luigi. Sì, mi ha incuriosito subito come moneta, sopratutto dopo aver notato questo elemento di cui non sapevo nulla.

Le tue informazioni ci stanno tutte, con l'annona cosa c'è di meglio che un falcetto per le messi o per l'uva? Direi ottima interpretazione. Stasera cercherò di trovare qualche confronto con altre monete od utensili.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko8710

Ho trovato un immagine online di una moneta molto meglio conservata della mia, nella quale si apprezza il dettaglio di questo uncino.

La forma è veramente strana, somiglia al profilo di un falcetto, ma è strano anche il modo in cui l'Annona lo tiene.

post-7356-1268260901,83_thumb.jpg

post-7356-1268260907,91_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko8710

Chiamatemi pazzo, ma io ci vedo anche una cosa come questa. Mi sembrava somigliassero a qualcosa di familiare, e poi mi sono ricordato di quest'arma. Si chiama spada ad uncino o Shuang Gou. La sua funzione prima di diventare arma da guerra era piuttosto varia. Inoltre sembra che l'Annona tenga l'oggetto proprio a questa maniera...

post-7356-1268262040,57_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini

DE GREGE EPICURI

Non mi sembra poi così strano: uno strumento agricolo, con una modifica grande o piccola, può diventare un'arma offensiva, e viceversa. In quante rivolte contadine i nobili sono stati aggrediti a colpi di forcone! C'è anche in Novecento di Bertolucci. E l'ascia romana dei littori, prima di servire a decapitare la gente, non era stata uno strumento usato in agricoltura e per tagliare la legna?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko8710

Grazie dell'intervento gpittini. Sì, hai proprio ragione e la cultura cinese inoltre ne è la prova più eclatante. La maggior parte delle armi annoverate negli stili del Kung Fu prima non erano altro che strumenti agricoli. Comunque cercherò di trovare altre informazioni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko8710

Allora, cercando e ricercando attrezzature agricole (ammesso che di questo si parli) mi sono imbattuto in questi simpatici strumenti. Il primo è un innestatoio, trovato a Pompei nei famosi Horti Pompeiani, del I sec. d.C., in ferro. Questo attrezzo veniva utilizzato per praticare incisioni nelle quali inserire gli innesti. La pratica dell'innesto, antichissima, è stata determinante per il miglioramento delle specie arboree commestibili.

La seconda, invece, che a mio avviso è ancora più somigliante, è un seghetto, posseduto dal Landesmuseum di Zurigo, le dimensioni non sono indicate e comunque il profilo è molto più dritto che nella moneta. Chissà.....

Comunque per chi fosse interessato ho trovato un libro molto carino su Google Books: Roman Woodworking di Roger B. Ulrich (sempre che di questo si tratti :) )

post-7356-1268318100,52_thumb.jpg

post-7356-1268318104,39_thumb.jpg

Modificato da Mirko8710

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×