Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
ERTO

Tallero di Maria Teresa

ciao a tutti ho questo tallero di Maria Teresa del "1780" volevo sapere da voi esperti se era un riconio moderno o un riconio degli anni '30

mkkv0w.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ecco il diritto

mhx8g3.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciao a tutti ho questo tallero di Maria Teresa del "1780" volevo sapere da voi esperti se era un riconio moderno o un riconio degli anni '30

...

Ciao Erto, ti posso dire che non è sicuramente della zecca di Roma (penso tu intenda sostanzialmente questo quando dici anni '30). Direi che sia della zecca di Vienna e penso un riconio "moderno" (successivo al secondo conflitto mondiale). Ma sentiamo su questa valutazione anche altri amici che possono aiutarti meglio di me.

Un salutone,

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Anche a me non sembra della zecca di Roma.

Puoi trovare informazioni sul catalogo on line di questo sito: Tallero di convenzione- La Moneta

Saluti.

Modificato da Littore

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ha tutta l'aria di essere un riconio moderno...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciao a tutti ho questo tallero di Maria Teresa del "1780" volevo sapere da voi esperti se era un riconio moderno o un riconio degli anni '30

...

Ciao Erto, ti posso dire che non è sicuramente della zecca di Roma (penso tu intenda sostanzialmente questo quando dici anni '30). Direi che sia della zecca di Vienna e penso un riconio "moderno" (successivo al secondo conflitto mondiale). Ma sentiamo su questa valutazione anche altri amici che possono aiutarti meglio di me.

Un salutone,

si intendevo proprio quello

grazie a tutti per le risposte

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

premetto che non conosco molto bene la tipologia, ma confrontando le immagini proposte da erto con quelle riportate sul catalogo giagnte 2010 io non vedo grandi differenze mentre guardando quelle riportate nel catalogo del forum le differenze ci sono e come.

quindi la domanda che vi propongo è la seguente:

l'immagine riportata sul catalogo gigante è errata?

Modificato da darman1983

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

.

Modificato da darman1983

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Darman1983,

mi scuso per il ritardo di questa risposta, ma ero fuori in villeggiatura e non avevo modo di dartela prima.

Non ho il Gigante 2010, ma ti posso assicurare che nella mia copia del Gigante (un bel po' datata, altro che 2010 ... :( ) la doppia piuma nascente è ben visibile ai due lati della coda dell'aquila bicipite. Così come risulta anche sull' Eupremio Montenegro: Monete di Casa Savoia - RENO D'ITALIA, 1800-1946, edizioni Montenegro (1995), e sull'Antonio Pagani, monete italiane dall'invasione napoleonica ai giorni nostri (1796-1980) edito da Mario Ratto (Milano) 1982.

Le foto sul catalogo Incuso/Lamoneta sono molto chiare. Ma ora ho anche aggiunto qui una sintesi di alcuni piccoli particolari, generalmente troppo piccoli per risultare chiaramente nelle immagini dei cataloghi cartacei, e che pure possono aiutare ad individuare il conio romano. Consiglio comunque a tutti di rileggere con pazienza quella lunga discussione sui talleri MT coniati in Italia, insieme all'articolo su Cronaca Numismatica (n. 213, pp 34-41, Dicembre 2008) e possibilmente alla sua bibliografia. Per il conio romano in particolare, consiglierei lo studio statistico effettuato da Francois Regoudy su un cospicuo lotto di esemplari (Le Thaler De Marie-Therese 1780, edition Musée de la Monnaie de Paris, 1992).

Un salutone,

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Anche per me è un riconio della zecca viennese.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?