Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
sesino974

1 Grammo d'argento della mia città

ebbene si :lol: da regnofilo non ho resistito alla tentazione di possedere una moneta della mia città natale, era qualche tempo che seguivo le sporadiche apparizioni nelle aste pubbliche ma senza successo.

Oltre al piacere di averla aggiunta ad una collezione nella quale si troverà come un pesce fuor d'acqua mi son divertito a catalogarla, e dovrebbe essere un grosso da 4 denari:

le misure sono: peso 0,99 gr

diam 19 mm

Variante: R/croce greca sopra la torre di sinistra, mezzaluna coricata sopra la torre di destra

g. 0,89; diametro 19,2 C.N.I. IV, 130 C.N.B. 21,1

ora non mi resta che attendere i vs preziosi pareri, in particolare riguardo alla conservazione

Grazie a tutti coloro che interverranno

Sergio

post-1327-1277893072,54_thumb.jpg

post-1327-1277893096,56_thumb.jpg

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

qualcuno sta affinando il palato ?????

Senza nulla togliere alla monetazione moderna, ci mancherebbe, bisogna riconoscere alla medievale un fascino particolare; quella federiciana poi é unica.

Direi che il pezzo in questione sia un q.BB; non male per il tipo di moneta. Mi lascia solo perplesso il colore: non é che é stata pulita ?

Alberto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

qualcuno sta affinando il palato ?????

Senza nulla togliere alla monetazione moderna, ci mancherebbe, bisogna riconoscere alla medievale un fascino particolare; quella federiciana poi é unica.

Direi che il pezzo in questione sia un q.BB; non male per il tipo di moneta. Mi lascia solo perplesso il colore: non é che é stata pulita ?

Alberto

Grazie Alberto

le immagini non sono mie, non credo di poterne fare di migliori, il colore non è cosi intenso, ha giusto una patina dorata che si apprezza meglio alla luce del sole, alla prima occasione non mancherò di fartela visionare.

Grazie ancora

Sergio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Si .... stonerà. Prendine un'altra. Stoneranno? Prendine ancora .......... :D

Modificato da chievolan

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

E bravo Sergio! Sai che è l'inizio della fine ? :D Ma che bella fine!!! :lol:

Moneta molto interessante, come conservazione direi che un BB ci possa stare

Come raffronto eccola in SPL

image00535.jpg

http://www.coinarchives.com/w/lotviewer.php?LotID=788109&AucID=580&Lot=535&Val=f5787276b80e2037508944ad7134f61b

Modificato da fra crasellame

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho provato a correggere un po il colore ci assomiglia di più ?

post-1677-1277965479,01_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Salute

su Monete Antiche di Maggio/Giugno 2010 vi è un lavoro di Gianpietro Basetti in cui l'autore cerca di stabilire una corretta classificazione ed attribuire il grado di rarità alle monete bergamasche.

Dalla tabella stilata dal Basetti il tuo Grosso da 4 Denari ha il tetto della fortezza formato da 4 spioventi(esistono esemplari a 5 spioventi,e sono di estrema rarità ,ed esemplari a 3 con rarità R3 )ed è di tipo comune poichè non ha la O croxata.

Nella tabella del Basetti la tua moneta è classificata al 4a

A seguire,sempre nella stessa rivista troviamo un aggiornamento,fatto sempre dal Basetti, al Corpus Nummorum Bergomensium di Pietro Lorenzelli pubblicato nel 1996.

Con le molteplici varietà e tipologie monetali si può creare una bella collezione di monete Bergamasche e chissà se sesino non si possa incamminare verso questa strada ;)

--salutoni

-odjob

Modificato da odjob

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ehehe...

si comincia così... poi si inizierà a guardare le "vecchie" monete con occhi diversi... :D :D

Ottima scelta sesi ;) .

Continua così!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Il "fascino" del Medioevo colpisce ancora.... :D . Bella moneta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si .... stonerà. Prendine un'altra. Stoneranno? Prendine ancora .......... :D

...e alla fine "stoneranno" le altre smile.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vi ringrazio per i preziosi consigli e per le belle immagini, ormai non ho piu nessun criterio nel collezionare, se non quello di cercar di prendere ciò che mi piace, e poi il rovescio, senza la classica "croce"; non ho resistito alla tentazione.......

Non credo cmq che allungherò i miei tentacoli collezionistici al di fuori della città di bergamo :lol:

Grazie

Sergio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

hai visto che soddisfazione a condividere la tua nuova moneta con gli altri??

ti avevo detto che già a me piaceva, pur non essendo una delle mie savoia, sono belle monete cariche di storia e con una bellissima rappresentazione della città, almeno per il periodo.....

complimenti, ma segui il consiglio.... non lasciarla sola poveretta... ;) ;) :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E' una moneta iconograficamente molto particolare: se paragonata con i denari coevi di altre zecche dell'Italia settentrionale salta agli occhi come lo stile sia molto più realistico. Un unicum per il suo tempo e la sua zona geografica. Il ritratto ricorda molto quello dell'augustale d'oro, mentre la vista della città ricorda in qualche maniera certi pfennig tedeschi, o i friesacher magari di Aquileia o Trieste.

Non ho mai approfondito su Bergamo, quindi non so dare più di un'impressione personale: sarebbe molto interessante se qualcuno che la conosce potesse illustrare l'origine di questa iconografia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Affascinante. :)

Complimenti.

luciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bella moneta, complimenti ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E' una moneta iconograficamente molto particolare: se paragonata con i denari coevi di altre zecche dell'Italia settentrionale salta agli occhi come lo stile sia molto più realistico. Un unicum per il suo tempo e la sua zona geografica. Il ritratto ricorda molto quello dell'augustale d'oro, mentre la vista della città ricorda in qualche maniera certi pfennig tedeschi, o i friesacher magari di Aquileia o Trieste.

Non ho mai approfondito su Bergamo, quindi non so dare più di un'impressione personale: sarebbe molto interessante se qualcuno che la conosce potesse illustrare l'origine di questa iconografia.

questo è il poco che sono riuscito a trovare online:

""La moneta dominante nel territorio bergamasco era, come nel resto della Lombardia, il denaro imperiale, emesso regolarmente a Milano a partire da Federico I.

La moneta bergamasca coniata a partire dal 1237 rappresenta l'unica adesione, se non alla cultura artistica, alla concezione ideologica figurativa federiciana. Nel dritto compare il ritratto imperiale, ripreso alla lettera dall'iconografia degli augustales, in una versione più rude, secondo i dettami di un artista di cultura postantelamica, che accentuò i caratteri espressionistici del ritratto imperiale svevo.

La raffigurazione del rovescio corrisponde ad una visione ideale della città di Bergamo secondo un'iconografia suggerita dai rovesci di numerose coniazioni contemporanee di centri tedeschi, la cui influenza potrebbe essere stata trasmessa proprio tramite Federico II. Nella raffigurazione compaiono chiari riferimenti alle rocce dell'altura e alle aperture murarie dell'antica Bergamo, secondo una visione che ha caratteri insieme di idealità e naturalismo.

Il Comune bergamasco stabiliva così attraverso la scelta del ritratto di Federico II e la visione ideale della città i due emblemi che condensavano i nuovi valori storici e politici espressi dalla civiltà federiciana: da un lato, l'affermazione dell'ideologia imperiale e la sua relativa esaltazione secondo gli strumenti della retorica romana; dall'altro, l'autonomia del potere laico, che orientava l'esperienza estetica verso l'affermazione di una concezione terrena ed empirica della realtà".(da: Stefano Petrocchi, "Bergamo e Federico II" in Corpus Nummorum Bergomensium, Roma, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, 1996).

Fonte:

http://www.bibliotecamai.org/cataloghi_inventari/altri_beni/catalogo_zecca.html

Sergio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie sesino, molto interessante!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

...ormai non ho piu nessun criterio nel collezionare, se non quello di cercar di prendere ciò che mi piace...

Come non concordare... :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Complimenti Ses.

Aspettiamo la sorellina a breve! biggrin.gif

Saluti,

N.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

complimenti bella moneta!!!!!!!

saluti

Latino ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Davvero una scelta di vita numismatica importante, comprare solo ciò che piace. COmplimenti per la moneta e per la scelta !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Un po' tardi per intervenire in questo forum, ma mi sono registrato solo oggi e ho visto per caso questa discussione.

Se vuoi notizie sulla monetazione bergamasca, vedere monete di Bergamo comprese le doppie disponibili per scambi, o farmi vedere le tue (sempre solo Bergamo !) per un parere contattami.

Gianpietro Basetti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?