Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
francescoasolano

asse malato

Risposte migliori

francescoasolano

Buongiorno a tutti.

Ho l'asse di Claudio di cui posto la foto, che come potete vedere è butterato dal cancro del bronzo. Questa foto l'ho fatta dopo averlo tenuto per più di un mese a bagno in acqua demineralizzata, cambiandola ogni 4-5 giorni e pulendolo con uno spazzolino morbido. Purtroppo è migliorato ben poco dall'inizio del trattamento. Vorrei allora provare il metodo del bagno in benzotriazolo in etanolo descritto nel manuale presente nel forum. Non l'ho mai fatto prima, quindi vorrei qualche consiglio. Dovrei prima tentare di rimuovere meccanicamente parte delle macchie verdi? se sì, come? Come faccio a capire quanto tempo è necessario tenere la moneta a bagno? Quando vedo che le macchie sono tutte sparite? Come etanolo posso usare l'alcool che si compra normalmente al supermercato per usi di pasticceria? Grazie per le risposte a queste domande e per altri eventuali consigli che vorrete darmi!

post-13618-1279973885_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francescoasolano

Posto anche la foto del rovescio.

post-13618-1279973961,87_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Exergus

"Dovrei prima tentare di rimuovere meccanicamente parte delle macchie verdi? se sì, come? "

Con uno stuzzicadenti, solo quello che viene via facilmente, altrimenti rischi di scavare la moneta troppo a fondo, se il verde non viene via così, vuol dire che non è cancro.

"Come faccio a capire quanto tempo è necessario tenere la moneta a bagno? "

Dalle 2 alle 24 ore, non si danneggia se la lasci più del necessario. Dalla foto ti consiglio 24 ore in soluzione al 6% (la percentuale usata dai restauratori del British Museum)

"Quando vedo che le macchie sono tutte sparite? "

A dire il vero non scompaiono del tutto alla vista, l'effetto del BTA è di trasformare il cancro in sali stabili, che non corrodono ulteriormente la moneta.

"Come etanolo posso usare l'alcool che si compra normalmente al supermercato per usi di pasticceria? "

Proprio quello.

Usa guanti e mascherina, meglio all'aperto. Dopo il bagno risciacquare bene con alcool pulito, per eliminare le tracce del tossico BTA che non è solubile in acqua. I sali così trasformati non diventano molto più robusti, esistono dei consolidanti silossanici ma io non li ho mai usati, ho usato cera microcristallina (Renaissance), che oltre a proteggere la moneta, irrobustisce un po' le parti più morbide, inoltre, la moneta uscita dal bagno di alcool e BTA ha un aspetto "secco" con la cera diventa leggermente più lucida e (de gustibus) più piacevole alla vista. Comunque l'applicazione della cera non è irreversibile, eventualmente si può togliere con trielina.

Ciao, Exergus

p.s. Questi consigli sono dettati da MIA esperienza personale, se qualcuno ha qualcosa da aggiungere o da correggere, ben venga :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

modulo_largo

Posso solo aggiungere due cose: sbrigati, la moneta è bella, và salvata..inoltre stai attento nel maneggiare il benzotriazolo, è una sostanza cancerogena

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

roby14

Se possibile, farebbe piacere vedere delle immagini dopo il trattamento...saluti!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francescoasolano

non mancherò di postare le foto della moneta dopo il trattamento, state tranquilli! appena avrò tempo farò l'"intervento", spero entro la settimana!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cliff

Mi sono sempre chiesto, quando parlate di soluzioni al 4-5-6 %, c'e' un modo pratico per chi non ha strumenti da laboratorio chimico per ottenere queste soluzioni, senza il rischio di esagerare in un senso o nell'altro?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Exergus

Molto empiricamente (e rapidamente) mi regolo così: metto 60 g di BTA in 1 litro di alcool, 30 g in 1/2 litro e così via, a seconda di quanta soluzione si vuole ottenere.

So che non è la percentuale esatta, e a qualche chimico verranno i brividi :)

Dall'alto della mia profonda ignoranza nel campo della chimica, direi che la soluzione è più concentrata del necessario (cosa che preferisco), visto che la densità dell'alcool etilico è di 0,79 contro 1 dell'H2O distillata, facendo la proporzione, per ottenere una soluzione al 6% si dovrebbero usare 47,4g di BTA per litro di alcool (credo...), comunque per l'uso che devo farne sembra che funzioni, e tanto mi basta.

Ciao, Exergus :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

FlaviusDomitianus

Molto empiricamente (e rapidamente) mi regolo così: metto 60 g di BTA in 1 litro di alcool, 30 g in 1/2 litro e così via, a seconda di quanta soluzione si vuole ottenere.

So che non è la percentuale esatta, e a qualche chimico verranno i brividi :)

Dall'alto della mia profonda ignoranza nel campo della chimica, direi che la soluzione è più concentrata del necessario (cosa che preferisco), visto che la densità dell'alcool etilico è di 0,79 contro 1 dell'H2O distillata, facendo la proporzione, per ottenere una soluzione al 6% si dovrebbero usare 47,4g di BTA per litro di alcool (credo...), comunque per l'uso che devo farne sembra che funzioni, e tanto mi basta.

Ciao, Exergus :)

Oggi ho ricevuto il benzotriazolo e mi sono messo all'opera per trattare le monete che presentavano principi di corrosione.

Ho una domanda da porre: supponendo di utilizzare un recipiente di vetro a tenuta ermetica, la soluzione realizzata secondo le proporzioni indicate è conservabile e quindi riutilizzabile? O invece è necessario approntarne volta per volta una nuova?

Ciao e grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Exergus

...supponendo di utilizzare un recipiente di vetro a tenuta ermetica, la soluzione realizzata secondo le proporzioni indicate è conservabile e quindi riutilizzabile? O invece è necessario approntarne volta per volta una nuova?

Ciao e grazie

Avrai visto l'aspetto poco rassicurante... :ph34r: personalmente preferisco conservarlo nella forma solida piuttosto che in soluzione con un liquido estremamente volatile come l'alcool etilico. Certo anche prepararne un litro ed usarne di volta in volta il necessario potrebbe essere una soluzione, credo che una volta reagito con il cloruro di rame il BTA perda in parte la sua efficacia.

Ciao, Exergus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

FlaviusDomitianus

...supponendo di utilizzare un recipiente di vetro a tenuta ermetica, la soluzione realizzata secondo le proporzioni indicate è conservabile e quindi riutilizzabile? O invece è necessario approntarne volta per volta una nuova?

Ciao e grazie

Avrai visto l'aspetto poco rassicurante... :ph34r: personalmente preferisco conservarlo nella forma solida piuttosto che in soluzione con un liquido estremamente volatile come l'alcool etilico. Certo anche prepararne un litro ed usarne di volta in volta il necessario potrebbe essere una soluzione, credo che una volta reagito con il cloruro di rame il BTA perda in parte la sua efficacia.

Ciao, Exergus

Ti ringrazio Exergus.

Proverò magari a trattare un secondo lotto tra qualche giorno per vedere se la soluzione mantiene la sua efficacia.

In passato mi era stata consigliata l'acqua ossigenata all'80%, da far preparare in farmacia.

E' abbastanza efficace contro il cancro, ma ha due grosse controindicazioni: è difficile da conservare e tende a lasciare una macchia scura sulla parte trattata.

Ho seguito il tuo consiglio anche per quanto riguarda la cera microcristallina. Ho provato con un paio di monete e il risultato mi soddisfa.

Ciao e grazie ancora per gli ottimi suggerimenti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francescoasolano

Ciao a tutti,

ho finalmente potuto fare il trattamento alla moneta (mi ci è voluto un po' di tempo per procurarmi il benzotriazolo), ma purtroppo non ha sortito i risultati sperati :(, anzi a me sembra che non sia cambiato proprio niente. Io ho preparato una soluzione di 6 g di BTA e ho aggiunto alcool fino ad arrivare a 100 ml, poi ho messo tutto in un vasetto di vetro e ci ho lasciato a bagno la moneta per ben due giorni, ma non ho ottenuto risultati apprezzabili, come potete giudicare dalle foto che ho scattato oggi, a una settimana dal trattamento.

Qualcuno di voi ha un'idea se qualcosa può essere andato storto, o se magari non si tratta di cancro del bronzo ma di qualcos'altro... che cosa?:blink:

post-13618-034570600 1286628253_thumb.jp

post-13618-067128900 1286628254_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Forse, prima di farle il "bagnetto", sei stato troppo leggero nell'uso dello stuzzicadenti per togliere la parte azzurra già salificata. Io francamente avrei usato anche un bisturi metallico, ovviamente con molta cautela, perchè la lesione mi sembra intensa e profonda. Credo comunque che tu abbia bloccato l'avanzamento della stessa.

Modificato da gpittini

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×