Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
FlaviusDomitianus

Patine di vecchia collezione

Risposte migliori

FlaviusDomitianus

Questa moneta è apparsa oggi su VCoins.

Ex Bayerische Vereinsbank, Münzschätze 11 (1976) 206.

Ho notato che molti sesterzi provenienti da vecchie collezioni hanno questo tipo di patina, che personalmente apprezzo molto per come mette in evidenza i rilievi.

Qualcuno ne conosce la genesi chimica?

Mi scuso se l'argomento è già stato trattato in precedenza, in quanto frequento il foro da poco più di un mese.

post-22231-025610600 1287734196_thumb.jp

Modificato da FlaviusDomitianus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

caiuspliniussecundus

la moneta da te mostrata potrebbe avere la cosiddetta patina di fiume o patina tevere (per gli abbondanti ritrovamenti di bronzo romano avvenuti nel tevere nel corso dei vari lavori di sbancamento e assestamento degli argini). E' una patina caratterizzata dall'assenza di patina.... nel senso che praticamente, stazionando in acqua, non avvengono che scarsi fenomeni ossidativi e la moneta dimostra il colore naturale dell'oricalco, che è giallo. Si potrebbe disquisire a lungo se è spatinata o patina fiume. Non c'è modo di saperlo da una foto. Una moneta spatinata in passato infatti poco alla volta perde i riflessi fulvi e il luccichìo della moneta appena passata nell'acido e finisce per somigliare ad una moneta patina fiume. Depongono per l'ipotesi dell'originalità le corrosioni localizzate nei campi sul diritto, che si riscontrano spesso nelle monete patina fiume.

Mentre invece la cosiddetta "patina di antica collezione" per i bronzi è un'altra cosa. Io ho sempre inteso che si tratta di una forma di restauro cui furono sottoposte le monete entrate in collezione nell'800. Spatinate e poi coperte con resine applicate a caldo che col tempo risultano scure e appiccicose. Il classico sesterzio nerastro con i rilievi scoperti e gialli, e i fondi scuri, come se ne vedono tanti nelle vendite.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×