Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
Maffeo

Piastra Clemente XII 1731

Risposte migliori

Maffeo
Abbiamo già parlato un pochino di questa moneta giacché un esemplare qSPL verrà offerto alla prossima asta NAC 32 23 gennaio (lotto 130 stima 14000chf):
[url="http://www.lamoneta.it/index.php?showtopic=7026"]http://www.lamoneta.it/index.php?showtopic=7026[/url]

Ho trovato delle informazioni che potrebbero interessare:
"Fino alla riforma [del 1733] le emissioni argentee della Zecca di Roma erano state piuttosto limitate e, in particolare, non furono coniati i nominali maggiori, ma solamente giuli, grossi e mezzi grossi. Unica eccezione la piastra del 1731 con, al rovescio, le figure della Giustizia e dell'Abbondanza contornate dalla scritta FOEDUS EST INTER ME ET TE: molto probabilmente si trattò di una emissione 'politica', diretta ad esaltare il nuovo corso del pontificato di Clemente XII, in contrapposizione a quello del suo predecessore [Benedetto XIII], che si era circondato di ministri incapaci e corrotti. Inoltre tale emissione ebbe un carattere esclusivamente di prestigio in quanto effettuata in un numero limitatissimo di pezzi, all'incirca 1564." S. Balbi de Caro - L. Londei, "Moneta Pontificia. Da Innocenzo XI a Gregorio XVI", Edizioni Quasar, Roma 1984, p. 64.

Quanti saranno, dunque, i pezzi eventualmente disponibili ai collezionisti privati e non deturpati da traccie di appiccagnolo? Forse non più di una decina...

(La riforma del 1733 fu una riforma monetaria di ampio respiro e sul livello tecnico introdusse per la prima volta ben determinati contorni in tal modo da rendere impossibile la tosatura...)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rcamil
[quote name='Maffeo' date='26 dicembre 2005, 11:43']Quanti saranno, dunque, i pezzi eventualmente disponibili ai collezionisti privati e non deturpati da traccie di appiccagnolo? Forse non più di una decina...

(La riforma del 1733 fu una riforma monetaria di ampio respiro e sul livello tecnico introdusse per la prima volta ben determinati contorni in tal modo da rendere impossibile la tosatura...)
[right][snapback]81466[/snapback][/right]
[/quote]

Ciao Maffeo, piastre di buon livello di conservazione e prive di tracce di appiccagnlo forse anche meno di dieci... :rolleyes:

Quanto alla riforma, come giustamente citi introdusse la lavorazione anti-tosatura sui contorni, allego quello di un giulio "riformato" ;)

Ciao, RCAMIL.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×