Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
rick2

quattrino del giubileo 1650

Risposte migliori

rick2

mi date un riferimento per questo quattrino cortesemente

sul mio catalogo non c`e`

quattrino Innocenzo X anno VI data 1650

con porta santa aperta

volevo sapere se e` rara o meno

e altre considerazioni

post-8662-0-17550700-1296985034_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rcamil

Ciao, è il tipo classificato dal Muntoni al n° 122 (CNI 52), ed a mio parere è una moneta non comune.

Il Muntoni non classifica le varianti esistenti, ad esempio per il timpano sopra la Porta Santa, che può avere un giglio (dallo stemma di Innocenzo X, variante decisamente più rara), oppure essere vuoto (come mi pare il tuo caso), anche la distribuzione della legenda è differente, come puoi vedere dal confronto dei rovesci delle due tipologie:

post-35-0-50433900-1296987925_thumb.jpeg

Esiste poi la tipologia coniata per la chiusura del Giubileo, con la Porta Santa chiusa (Muntoni 123 - CNI 51):

post-35-0-54359100-1296988127_thumb.jpg

Ciao, RCAMIL.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rick2

molte grazie !

la mia e` quella senza niente nel timpano

secondo me il fatto che ci siano 2 tipologie (o forse piu`) significa che i conii son stati rifatti e quindi la tiratura e` abbastanza alta.

40-50.000 pezzi per tipo di conio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rcamil

Verissimo, consideriamo che Gubbio coniava il rame per la circolazione nell'intero stato pontificio (escluse le legazioni di Bologna e Ferrara), per via della facilità di reperimento del metallo, per cui le tirature dovevano essere necessariamente elevate.

E questo vale di certo per queste emissioni commemorative, che come visto anche per altri casi simili, avevano un "seguito" devozionale che andava ben oltre il valore d'uso della moneta spicciola e per le quali non è da escludersi che le coniazioni si siano protratte anche oltre il periodo giubilare.

Ciao, RCAMIL.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×