Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
coins

Valore del grosso agontano

Risposte migliori

coins

Salve a tutti, mi sto dedicando allo studio della zecca di Ancona, ma ho trovato notizia contrastanti su alcuni punti.

Del grosso agontano furono coniati 2 tipi, "pesante" e "leggero", il primo pesava sui 2 grammi virgola qualcosa e il secondo su 1 grammo virgola qualcosa. Il primo valeva 1 soldo ( 12 denari ) o due soldi ( 24 denari ) ? Il secondo invece? Aveva lo stesso valore del primo ma meno intrinseco per l' aumento dell' argento oppure valeva meno del primo?

Un' altra cosa che non ho capito è questa: Guarnieri I e Guarnieri II furono marchesi di Ancona anzi feudatari di ANcona per l' impero, ma allora perchè Lotario II quando scese in Italia per liberare il papa Innocenzo II voleva conquiste Ancona? I Guarnieri erano suoi feudatari, aveva già una sorta di controllo su Ancona..... o sbaglio?

E poi, marchesi di Ancona furono Guarnieri I, Guarnieri II poi nessun' altro oppure ci sono stati altri personaggi al controllo della marca nonostante il suo governo comunale e autonomo? ( non che lo fosse più di tanto quando c' erano i Guarnieri.... o sbaglio? )

Grazie mille

Saluti,

Riccardo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

bavastro

salve, come si vede da questo link http://numismatica-italiana.lamoneta.it/moneta/W-REPUAN/4

l'apprezzamento dell'argento ha reso possibile battere grossi leggeri, con lo stesso potere di acquisto di quelli precedenti.

La storia di Ancona è un po' la storia delle Repubbliche marinare, al centro del conflitto tra Impero e Papato.

I Guarnieri erano feudatari Svevi messi lì dall'imperatore. In teoria comandavano, in pratica ogni pretesto era buono per cacciare i "tedeschi" e stabilire una Repubblica.

Qui un interessante link di storia http://www.moscioli.com/ancona_storia_misteri.asp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miroita

Salve a tutti, mi sto dedicando allo studio della zecca di Ancona, ma ho trovato notizia contrastanti su alcuni punti.

Del grosso agontano furono coniati 2 tipi, "pesante" e "leggero", il primo pesava sui 2 grammi virgola qualcosa e il secondo su 1 grammo virgola qualcosa. Il primo valeva 1 soldo ( 12 denari ) o due soldi ( 24 denari ) ? Il secondo invece? Aveva lo stesso valore del primo ma meno intrinseco per l' aumento dell' argento oppure valeva meno del primo?

Il primo Agontano aveva un peso di 2,355 gr. ed era nato principalmente per svolgere

compiti di commercio internazionale e pertanto non era strettamente legato a multipli di altre monete. Valeva comunque 20 denari ravennati/anconetani. Il valore dell'argento nel frattempo era notevolmente aumentato e così si rischiava che gli abitanti di altre città tesaurizzassero l'agontano perché conteneva più argento rispetto alle loro monete, e quindi si decise di ridurre il contenuto di argento dell'agontano riducendone diametro e peso che scese a circa 1,46 gr.

http://numismatica-italiana.lamoneta.it/moneta/W-REPUAN/3

http://numismatica-italiana.lamoneta.it/moneta/W-REPUAN/4

Un' altra cosa che non ho capito è questa: Guarnieri I e Guarnieri II furono marchesi di Ancona anzi feudatari di ANcona per l' impero, ma allora perchè Lotario II quando scese in Italia per liberare il papa Innocenzo II voleva conquiste Ancona? I Guarnieri erano suoi feudatari, aveva già una sorta di controllo su Ancona..... o sbaglio?

E poi, marchesi di Ancona furono Guarnieri I, Guarnieri II poi nessun' altro oppure ci sono stati altri personaggi al controllo della marca nonostante il suo governo comunale e autonomo? ( non che lo fosse più di tanto quando c' erano i Guarnieri.... o sbaglio? )

Per la parte più storica, se mi invii per MP un tuo indirizzo email, ti mando la fotocopia di 6 pagine tratte da "La vita millenaria di Ancona" di Mons. Mario Natalucci.

Grazie mille

Saluti,

Riccardo

Modificato da miroita

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miroita

Ti ho inviato quelle paginette, se ci sono problemi o hai ulteriori necessità,

CHIEDI!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

coins

Ti ho inviato quelle paginette, se ci sono problemi o hai ulteriori necessità,

CHIEDI!

Te ne sono molto grato, chiederò :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miroita

Ti ho inviato quelle paginette, se ci sono problemi o hai ulteriori necessità,

CHIEDI!

Te ne sono molto grato, chiederò :)

Ho provveduto al rinvio, spero ora tutto ok.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

coins

Ti ho inviato quelle paginette, se ci sono problemi o hai ulteriori necessità,

CHIEDI!

Te ne sono molto grato, chiederò :)

Ho provveduto al rinvio, spero ora tutto ok.

Ora controllo, grazie ancona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

coins

Ancora non capisco la differenza tra denaro vecchio e nuovo, cioè quello pesante e quello leggero, non so quanti di voi possano consultare il libro "Le monete di Ancona" ma i denari a pagina 38 sono vecchi o nuovi?

Quelli a pagina 43 invece?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miroita

Ancora non capisco la differenza tra denaro vecchio e nuovo, cioè quello pesante e quello leggero, non so quanti di voi possano consultare il libro "Le monete di Ancona" ma i denari a pagina 38 sono vecchi o nuovi?

Quelli a pagina 43 invece?

Sono quelli vecchi, con maggior contenuto di argento che gradualmente viene sempre più scemando nella mistura dei denari.

Proprio questo motivo ci consente di trovare i primi denari in conservazione migliore rispetto a quelli successivi che hanno

sempre più un'alta composizione di rame.

Modificato da miroita

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

coins

Ancora non capisco la differenza tra denaro vecchio e nuovo, cioè quello pesante e quello leggero, non so quanti di voi possano consultare il libro "Le monete di Ancona" ma i denari a pagina 38 sono vecchi o nuovi?

Quelli a pagina 43 invece?

Sono quelli vecchi, con maggior contenuto di argento che gradualmente viene sempre più scemando nella mistura dei denari.

Proprio questo motivo ci consente di trovare i primi denari in conservazione migliore rispetto a quelli successivi che hanno

sempre più un'alta composizione di rame.

Grazie mille

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

coins

Oggi pomeriggio mentre nuovato mi è venuto in mente, in un regesto c' era scritto che fu ceduto qualcosa a qualcuno per una lira d' argento, pensai subito che fu pagata con 20 grossi primitivi da 12 oppure con 12 agontani da 20. In tutto doveva fare 240 denari.

Ma quando non venivano coniati i grossi ( 1249 il primitivo, primo grosso di Ancona ) e si doveva pagare una lira in denari ci si moriva!

Non è che Ancona anche perchè commerciava molto utilizzò altri grossi prima di coniare i propri?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

coins

Buonasera, ripessco questa discussione perchè sto cercando una foto del grosso agontano leggero di Ancona ( CNI XIII, Ancona, 26 ) da utilizzare ( con il consenso dell' autore della foto, ovviamente ) nella mia ricerca sulle monete anconetane per il concorso giovani numismatici Nino Rapetti.

Grazie mille :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

magdi

puoi prenderne una da un' asta qualsiasi citando la fonte e va bene

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

coins

puoi prenderne una da un' asta qualsiasi citando la fonte e va bene

Senza scrivere due righe di permesso all' asta?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa

puoi prenderne una da un' asta qualsiasi citando la fonte e va bene

Senza scrivere due righe di permesso all' asta?

Citando bene la fonte è accettabile Coins.

Tieni anche presente che questi lavori saranno soprattutto utilizzati per il concorso e poi per il Forum.

Non vi sono ancora esigenze di pubblicazione (per il momento ;))

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

coins

puoi prenderne una da un' asta qualsiasi citando la fonte e va bene

Senza scrivere due righe di permesso all' asta?

Citando bene la fonte è accettabile Coins.

Tieni anche presente che questi lavori saranno soprattutto utilizzati per il concorso e poi per il Forum.

Non vi sono ancora esigenze di pubblicazione (per il momento ;))

Quindi tra parentesi, sotto la moneta dall' asta pincopallino numero 1000 del 0/00/000?

ps.. il problema è l' R4 in un' asta CORRENTE!" Non chiusa dunque... scrivo asta in corso numero 21000 del GG/MM/AAA ?

Modificato da coins

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

coins

Sto aggiornando il mio studio su Ancona.

Ma non ho capito una cosa, leggendo sia il pregievole articolo di apertura del Saccocci sugli atti del convegno sull' agontano ( Terni ) e il suo articolo sugli atti della prima giornata di studi numismatici marchigiani ( Ancona, 1997 il convegno, 2001 gli atti ) mi sfugge una cosa...

Allora, mettiamo che l' agontano sia stato coniato per essere multiplo dei denari su piede Veneto da 0,30 g ritrovati a Piovene Rocchette ( e non mezzo denaro o obolo come sostengono altri ).

L' agontano era cambiato inizialmente a 24 denari ( vero? ) e poi a 19/20 denari, denari VECCHI, ma se la lira di agontani ( 23 g ) era fortemenre svalutata rispetto alla lira di denari vecchi ( 29 g ) i denari vecchi non dovevano essere tesaurizzati? E' per questo che si crearono i denari nuovi?

Oppure l' agontano veniva scambiato con 20 denari NUOVI?

Susate se mi sono spiegato male..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

pistacoppi

..... i denari vecchi non dovevano essere tesaurizzati? .......

Infatti sono stati ritrovati anche dei ripostigli con denari Anconetani... li cita anche il Castellani nel suo lavoro sulla zecca di Ancona ma se cerchi tra le vari pubblicazioni triovi sicuramente qualcos'altro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

coins

..... i denari vecchi non dovevano essere tesaurizzati? .......

Infatti sono stati ritrovati anche dei ripostigli con denari Anconetani... li cita anche il Castellani nel suo lavoro sulla zecca di Ancona ma se cerchi tra le vari pubblicazioni triovi sicuramente qualcos'altro.

Infatti confrontando il Castellani con il Dubbini-Mancinelli si ricavano buone informazioni :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×