Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
FlaviusDomitianus

Alleanza tra Efeso e Smyrna

Risposte migliori

FlaviusDomitianus

Secondo Plinio la città di Efeso era stata fondata dalle Amazzoni le celebri donne guerriere, e Strabone dal canto suo afferma che il primo nome della città fosse Smyrna, in onore appunto di una delle Amazzoni. Secondo lo stesso Strabone la città che successivamente prese il nome di Smyrna fu fondata sulle rive dell'Egeo da alcuni abitanti di Efeso.

Altra tradizione, riportata da Pausania, vuole invece che la città di Smyrna sia stata fondata da Alessandro Magno dopo che, addormentatosi in prossimità di una sorgente che bagnava un piccolo tempio dedicato alle Nemesi, queste gli comparvero in sogno ordinandogli di costruire in quel sito una nuova città.

post-22231-0-75985200-1298068872_thumb.j

La città di Smyrna fu celebre nell’antichità proprio come sede del culto della Nemesi, variamente interpretata come sinonimo della giustizia che ricompensa, ma anche come sinonimo di fortuna (di qui la frequente rappresentazione duale a simboleggiare la buona e la cattiva fortuna).

post-22231-0-99514800-1298068922_thumb.j

Viceversa Efeso era nota in tutta l’antichità per il santuario eretto in onore della dea Artemide, venerata in tutta l’Asia e la cui effige si ritrova nelle monete di molte città, non solo su quelle di Efeso.

Si ritiene che la statua della dea, collocata all’interno dell’Artemision – una delle sette meraviglie del mondo antico, fosse realizzata in legno e laminata in oro e avorio.

post-22231-0-06278600-1298068974_thumb.j

Efeso fu una delle maggiori zecche provinciale e batté ininterrottamente moneta con l’effigie degli imperatori da Augusto fino a Gallieno.

Modificato da FlaviusDomitianus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

FlaviusDomitianus

Tra le monete battute sotto i Flavii nella regione dell’antica Ionia, facente parte della Provincia romana d’Asia, diverse sono dedicate a celebrare l’alleanza tra città della regione.

Alcune tra queste hanno per oggetto dell'alleanza tra le città di Efeso e Smyrna, e sono state coniate durante il regno di Domiziano, sotto l'autorità di due proconsoli Cesennio Peto e Calvisio Ruso, negli anni che vanno dal 91-95.

Né gli autori del R.P.C. II né l'estensore dell'articolo pubblicato sul Volume 4 di The Numismatic chronicle and journal of the Royal Numismatic Society (liberamente scaricabile dal web), che pure si diffondono ampiamente su tale monetazione, forniscono una spiegazione della genesi di queste emissioni.

Personalmente penso che una ragione possa trovarsi nella volontà di Roma di dimostrare che il suo governo consentiva di sopire passate rivalità e garantiva la pacifica convivenza nel rispetto delle sue leggi.

Le monete, che generalmente vengono attribuite alla zecca di Efeso (ma la cosa non è certa in quanto alcuni elementi farebbero pensare che alcune siano state coniate a Smyrna) presentano al rovescio i simboli identificativi delle due città alleate.

Da una parte le Amazzoni, facenti parti del mito fondativo delle due città, dall’altra le rispettive divinità di elezione Artemide e Nemesi.

post-22231-0-10540900-1298069093_thumb.j

RPC 1079 - Tetrassaria del peso di 21,43 grammi coniata nel 92-94 sotto gli auspici del proconsole Calvisio Ruso, presenta al diritto il ritratto di Domiziano e al rovescio la statua di culto di Artemide Efesina ai lati della quale sono rappresentate le due Nemesi di Smyrna, velate e con scettro.

La moneta per dimensioni e qualità di esecuzione regge a mio parere il confronto con un sesterzio coevo. L'esemplare proviene dall'asta Triton 2010.

post-22231-0-58714500-1298069393_thumb.j

RPC 1080 - Tetrassaria del peso di 20,76 grammi, emessa in contemporanea con la precedente, presenta al diritto il ritratto di Domiziano e al rovescio due Amazzoni che si danno la mano reggendo ciascuna un'ascia bipenne.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

FlaviusDomitianus

post-22231-0-03134400-1298069621_thumb.j

RPC 1083 - Assarion del peso di 4,63 grammi, emessa in contemporanea alle precedenti, presenta al diritto il ritratto di Domizia e al rovescio la raffigurazione della statua di culto di Artemide Efesina con i relativi supporti. Il ritratto di Domizia è particolarmente ben conservato.

post-22231-0-93611600-1298069929_thumb.j

RPC 1090 - Diassaria del peso di 9,94 grammi coniata tra il 91 e il 95 sotto gli auspici del proconsole Cesennio Peto. Presenta al diritto il ritratto di Domiziano e al rovescio le due Nemesi di Smyrna che si fronteggiano entrambe velate e con scettro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

perporius

Su questa moneta e' ben visibile la statua di Artemide Efesina.

E' attribuibile a Giulia Domna, per Ankyra in Frigia (Sng Leypold 1432 var.),

e misura 3.2 gr. per 17 mm.

post-1426-0-19392800-1298128840_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

FlaviusDomitianus

Su questa moneta e' ben visibile la statua di Artemide Efesina.

E' attribuibile a Giulia Domna, per Ankyra in Frigia (Sng Leypold 1432 var.),

e misura 3.2 gr. per 17 mm.

Bella, mi sembra che ai lati della statua della dea, oltre al supporto, si vedano anche i due cerbiatti.

Il cervo era animale sacro ad artemide che era della anche Elafia (dal greco Ελαφοσ = cervo). Sono visibili (acefali) anche nella copia della statua che ho postato all'inizio della discussione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini

DE GREGE EPICURI

Bellissimo post e splendide monete. Grazie anche per le informazioni, che raramente si trovano nel Forum su queste città della Jonia. Oltretutto, l'attuale flusso di monete provinciali balcaniche non comprende queste emissioni. Domizia è eccezionale!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

FlaviusDomitianus

Grazie, l'ho presa da Gerhard Rohde che ha sempre tante e belle monete di quelle zone.

Non ho ancora capito se è un collezionista che sta liquidando la sua collezione o un commerciante puro.

In ogni caso le monete se le fa pagare salate.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×