Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
gpittini

Tiberio

Risposte migliori

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Tiberio non fu mai popolare. Augusto fu costretto a eleggerlo successore suo malgrado: erano morti sia Agrippa, che i due nipoti. I soldati e la popolazione lo considerarono un gran tirchio, per le scarse elargizioni ( e non si può negare che lo fosse). La sua politica monetaria fu molto restrittiva, con poca emissione di circolante, e sembra che l'economia abbia mostrato segni di recessione-deflazione. Non parliamo poi delle cose orripilanti descritte da Svetonio (orge e perversioni sessuali nella villa di Capri), sospette di calunnia o quanto meno esagerazione. Più intriganti le accuse relative alla morte di Germanico, che pur aveva adottato, e il trattamento riservato poi ad Agrippina, che certo aveva fatto la fronda; qui anche Tacito non è molto benevolo verso Tiberio. Infine noi numismatici lo amiamo poco: denari molto ripetitivi, bronzi pure, con poche eccezioni (il timone col globo terraqueo, le emissioni postume di Augusto). De aureis non disputo...Ma eccovi un asse classico (pesa 10,6 g. e misura 27 mm). Al diritto: TI CAESAR DIVI AUG F AUGUST IMP VIII Al rovescio: TRIBUN POTEST XXIIII PONTIF MAXIM. Credo sia C 25 e RIC 18.

post-4948-0-97229300-1302895589_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

Rovescio.

post-4948-0-07063200-1302895682_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko8710

Antipatico ma pieno di fascino anche lui :D

Prima o poi prenderò un bel denarietto PONTIF MAX...

Bello il tuo asse.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Caio Ottavio

Una moneta interessante anche se lo stato di conservazione non è granchè. Proviene dalla zecca di Roma e risale al 22 d.C. Le tipologie monetarie di Tiberio non erano precisamente sempre le stesse: ce ne sono molti che riportano le stesse cose dato che questo Imperatore tendeva a proseguire, per quanto riguiarda gli assi, le emissioni di Augusto risalenti all' 11 - 12 d.C. Abbiamo anche altri esemplari, come il sesterzio colle cornucopie che sorreggono le effigi di Druso e Livilla, inframmezzati dal Caduceo (20 d.C.) oppure un interessante dupondio in oricalco con al R/ un busto frontale al centro di uno scudo e l'iscrizione CLEMENTIAE, ai lati SC...solo per citarne alcuni. Ci sono, poi sesterzi che raffigurano il tempio della Concordia, databili al 34 - 36 d.C. Secondo me, è altamente riduttivo e poco proficuo limitare la monetazione in bronzo di Tiberio ai tipi più comuni di cui si è già parlato e a cui appartiene la moneta postata. Riporto di seguito un'immagine tratta dal web dell'asse in bronzo di Augusto a cui si sono ispirate le emissioni di Tiberio, a cui appartiene quella mostrata da gpittini.

post-24898-0-77495500-1302955607_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Hai ragione. Ammetto di aver un po' esagerato, polemicamente...il problema è che alcune monete molto interessanti di Tiberio sono talmente rare e care, che è quasi impossibile vederle. Provo a postare un esemplere tratto da Wildwinds, ma non so se è troppo pesante. Infatti non riesco a caricarlo, forse qualcun altro riesce a farlo (è quello con lo scudo, CLEMENTIAE).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko8710

Superbo...ohmy.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Caio Ottavio

E' vero, alcune monete sono davvero difficili da trovare, ma io credo che sia più importante studiarle che possederle: non dobbiamo, cioè, sminuire la monetazione di un Imperatore solo perchè alcuni pezzi non si trovano nelle nostre mani. Almeno io, che non sono un collezionista, la penso così. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Exergus

Prima di diventare imperatore, Tiberio è stato un ottimo comandante militare, sempre estremamente lucido nel prendere le decisioni, un fatto piuttosto curioso, vista la sua risaputa e non celata passione per l'alcool. Uno dei nomignoli di Tiberio (Tiberius Claudius Nero all'anagrafe) era Biberius Caldius Mero, "bevitore di vino caldo non annacquato" bere vino puro (che raggiungeva anche i 16/18 gradi) era considerata un usanza da barbari o da alcolizzati.

il vino, aspro e denso, si beveva diluito in proporzioni variabili di 3-2 parti di acqua e una di vino. Il rex bibendi, un personaggio presente nei banchetti più sontuosi ed assimilabile agli odierni sommelier, aveva il compito di assaggiare il vino e decidere in quale proporzione andasse diluito, generalmente veniva bevuto caldo con l'aggiunta di spezie e/o miele.

Il "Vinum Opimiarum" che prese il nome dal console Opimio, era considerato la miglior annata in assoluto del famoso Falerno (zona di Capua), risalente agli ultimi decenni del II secolo a.C. e sopravvissuto (un paio di anfore) fino al primo secolo d.C. non credo però sia sopravvissuto a Tiberio...

Ciao, Exergus :drinks:

p.s. per campanilismo volevo spendere due parole su un'altro vino famoso dell'antichità prodotto dalle mie parti: Il Pucino.

Nasce il Pucino nel golfo del mare Adriatico, non lungi dalla sorgente del Timavo, su un colle sassoso dove alla brezza marina matura per poche anfore, ne si crede ve ne sia di migliore per i medicamenti. Così Plinio il Vecchio descrive, nella sua Historia Naturalis del I° secolo d. C. , il luogo di provenienza di quel vino al quale limperatrice Livia aveva messo in conto i suoi ottantasei anni, non consumando altro vino se non quello.

I greci lo conoscevano con il nome di Pictano, ed un contemporaneo di Plinio un certo Dioscoride Pedacio, un medico militare originario della Cilicia , ne mise in risalto le proprietà curative nel suo scritto Sulla storia medica.

Purtroppo le viti sono scomparse nel 1600 circa a causa di una malattia, e, qui a Trieste rimane solo "Via del Pucino"...

Modificato da Exergus
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

meja

altra fantastica moneta di Tiberio

post-3646-0-94296900-1303208892_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Ammetto volentieri che alcune monete bronzee non sono male, compreso l'asse col rovescio cosiddetto di LIVIA (ma non sarà invece VESTA, come altri dicono?), uno dei pochi abbastanza comuni. Questo pesa 10,3 g. e misura 26 mm. Al D. ...DIVI AUG F A(UGUST IMP)... Al rovescio, Livia o Vesta seduta a dx., qui si legge solo: PONT...BUN POTEST XVII. Mi risulta essere la C 18 e RIC 34.

post-4948-0-15160300-1303233172_thumb.jp

Modificato da gpittini

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

Rovescio.

post-4948-0-73199800-1303233240_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

AlfaOmega

anche questa non è male, peccato che è in bassa conservazione: ROM ET AVG , tempo di Augusto dovrebbe essere ric 245

post-4498-0-63917500-1303238551_thumb.jp

post-4498-0-62906800-1303238560_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×