Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
corallino

Romana Antoninus?

Anche questa non riesco a classificarla, leggo Antoninvs, si tratta di Antonino Pio?

Peso 2,71 diametro 18

Grazie per la eventuale classificazione

Corallino

post-6632-0-79456500-1303741528_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rovescio, bruttino.

post-6632-0-76750500-1303741571_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mi sembra Caracalla, ora controllo per una identificazione più precisa.....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

anche per me è Caracalla...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

anche se non riesco a leggere il rovescio dovrebbe essere un denario con al diritto Antoninvs avgvstvs e non Antoninvs Pivs Avg, quindi dovrebe risalire al 199-200 e al rovescio dovrebbe aver Part Max Pont Tr P IIII Cos che se non erro è Cohen 177

non avendo sufficente supporto cartaceo attendiamo pareri più precisi e qualificati

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sembra un denario di Caracalla, all'anagrafe Lucio Settimio Bassiano, dal 195 assunse il nome di Marco Aurelio Antonino, per creare un legame, in realtà inesistente, con gli Antonini.

RIC IVa 346, 201 d.C.,

Dico sembra perchè dovrebbe essere d'argento... a parte l'aspetto bronzeo, al verso sembra presentare una strana porosità, non mi pronuncio sull'autenticità.

Potrebbe essere un denario in bronzo del limes, succedeva che la zecca centrale mandasse nelle zone di confine i conii stanchi o usurati per coniare monete destinate alla circolazione locale, o semplicemente destinate alle truppe da usare come gettoni all'interno dei castra.

A questo proposito c'è un'interessante discussione di Gpittini di qualche anno fa: Denario in bronzo

questo è un originale in argento

post-18735-0-02343100-1303760349_thumb.j

Ciao, Exergus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?