Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
Littore

approfondimento
Buoni da L.1 e L.2

Tutti o quasi gli appassionati della monetazione di Vittorio Emanuele III hanno in collezione i buoni del Regno d’Italia da L.1 e 2, coniati a partire dal 1922-23 fino al 1927-28, ed emessi in sostituzione dei biglietti di Stato.
La mia curiosità, probabilmente inerente più l'economia che la numismatica, riguarda quali siano le differenze, dal punto di vista legale, rispetto ad una moneta dal L.1 e 2, la coniazione delle quali era stata sospesa nel 1917 e ripresa solo nel 1936.
Ringrazio anticipatamente per una risposta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Credo che la differenza stava che secondo la Lega Latina le monete d 1 e 2 lire dovevano essere d'argento . Sul finire della Grande Guerra non fu possibile coniare pezzi d'argento, causa inflazione galoppante e tali monete furono sostituite dai cosiddetti buoni di carta, che altro non era che moneta fiduciaria, tant'è che era a "corso forzoso", cioé senza controvalore metallico.

La loro sostituzione nel 1922-1923 coi buoni metallici era solo di facciata perché la sostanza non cambiava, si modificava la carta col metallo "vile" (Nichel). Quando la Lega Latina cessò di esistere ( mi pare nel 1926), fu possibile cancellare la denominazione di buono da queste monete e finalmente abbiamo i pezzi da 1 e 2 lire lire Imperiali nel 1936 (nel frattempo circolavano anche i biglietti di Stato da 1-2 lire)

un saluto

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

"La mia curiosità, probabilmente inerente più l'economia che la numismatica, riguarda quali siano le differenze, dal punto di vista legale, rispetto ad una moneta dal L.1 e 2,"

Dal punto di vista legale i buoni di cassa in nichelio avevano un potere liberatorio limitato a lire 50 per ogni pagamento verso i privati e verso lo Stato. Inoltre non potevano essere impiegati per il pagamento dei dazi di importazione.

Le monete d'argento da Lire una e da Lire due avevano lo stesso potere liberatorio di lire 50 per pagamento verso i privati, ma nessun limite per i pagamenti da effettuarsi a favore dello Stato, ivi compresi i dazi di importazione.

Saluti.

Michele

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Molto più semplicemente questi si chiamavano buoni perchè dovevano sostituire quelli cartacei...così scriveva il Lanfranco...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Supporter

Inviato (modificato)

Stesso periodo delle corrispondenti monete belghe e romene, d'altronde.

Modificato da luke_idk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In Francia, nello stesso periodo, si inventarono i buoni della Camera di Commercio :rolleyes:

post-3417-0-60105900-1307814995_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Molto più semplicemente questi si chiamavano buoni perchè dovevano sostituire quelli cartacei...così scriveva il Lanfranco...

Anche quelli cartacei erano "Buoni". Credo che come gia detto tutte le monete/biglietti di stato che sostituivano le monete d'argento fossero denominate "buoni", fino al 1 gennaio 1927 (scioglimento della UML).

Sarebbe interessante sapere come mai il Buono L.1 in nickel fu emesso anche nel 1928, suprattutto dato che non era stato piu coniato dal 1925 al 1927.

C'e' stato unbel thread di alcuni mesi fa dove qualcuno attacco i documenti ufficiali dell' epoca che annunciavano la conversione forzosa delle monete d'argento in buoni, pena "severissime sanzioni" per chi fosse trovato in possesso di monete per importi superiori alle Lire dieci.

Mi sembra normale che finito il periodo di emergenza post-1GM e stabilizzata l'inflazione, il governo sostitui i buoni cartacei con monete metalliche piu durevoli. Poi, quando l'inflazione riprese a salire vertiginosamente causa perfida Albione, ritornarono alla emissione parallela di biglietti di stato cartacei per esigenze di circolazione.

Modificato da ersanto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?