Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
pozleo

gettone milanese 1933

Risposte migliori

pozleo

Da anni ho questo gettone o medaglia milanese:

TIBI . BONVS FAVSTVSQVE MCMXXXIII Il Duca a cavallo

MVT . INV . MEDIOLANI . A . XI Cimiero sormontato da drago

Rame gr. 6,65 diam 26 mm

post-10355-0-04340100-1309473792_thumb.j

Chi lo ha emesso e perchè?

Pozleo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

giancarlone

Ciao Leopoldo,anch'io per anni mi sono chiesto la stessa domanda. Un amico mi ha suggerito che sarebbe emesso dalla MUTUA INVALIDI solo che non ho mai trovato nessuna documentazione che conferma questa ipotesi, ti allego quello che ho io.

Saluti GIANCARLONE

post-13397-0-16974500-1309549066_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

pozleo

Grazie Giancarlo, il mistero resta. La mia medaglia ha tracce dell'appiccagnolo con ossidazione antica sulla frattura.

Perchè un ente che doveva essere governativo ha impiegato simboli viscontei? Solo perchè la sezione era milanese?

La rimetto nel cassetto degli UFO.

Ciao

Leopoldo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apollonia

Ciao

...Un amico mi ha suggerito che sarebbe emesso dalla MUTUA INVALIDI

La mia lettura delle abbreviazioni è MVT = MUTILATIS (agg.) e INV = INVALIDIS (sost.).

Quindi una medaglia emessa dal regime a Milano nel 1933, anno XI dell'era fascista, per gli invalidi mutilati milanesi, probabilmente gli invalidi di guerra che avevano subito mutilazioni come perdita di un occhio, una mano, un braccio, una gamba, ecc.

Giampiero

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

pozleo

Grazie anche a Giampiero, Forse una medaglia consegnata per ringraziamento a benefattori augurando loro ogni bene (Tibi bonus faustusque)

Ciao

Leopoldo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apollonia

Ciao Leopoldo

Ho notato che nonostante il fanciullo tra le fauci, non si tratta del biscione visconteo ma di un drago crestato che sormonta a mo’ di ornamento un cimiero. E’ l’immagine che troviamo raffigurata ad es. sul grosso da un soldo e mezzo di Bernabò Visconti.

post-703-0-55009300-1309960175_thumb.jpg

L’immagine del cavaliere in armatura al galoppo a destra, con corazza e gualdrappa ornate dalla biscia, si trova ad es. sul fiorino e sul grosso di Filippo Maria Visconti.

post-703-0-17296200-1309961209_thumb.jpg

Quindi il gettone-medaglia si potrebbe definire una moneta viscontea di fantasia con appiccagnolo.

apollonia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apollonia

Ho notato casualmente che il motivo dell'elmo sormontato dalla biscia col bimbo in bocca è stato ripreso in chiave più moderna sul rovescio di un gettone d'argento emesso dal Circolo numismatico milanese nel 1950.

post-703-0-87381300-1310050661_thumb.jpg

apollonia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sandokan
Supporter

Ho trovato questa, sembra argento, 8 g. circa con pendaglio.

Ciao Okt. L'aggiunta del chiodo di cavallo mi fa pensare alla creazione artigianale di un piccolo "portafortuna". Negli anni '50 a Bologna la Ditta Hatù, tra vari gadgets reclamistici, ne diffondeva uno simile : un chiodo da ferro di cavallo identico a quello che compare nella foto da cui pendevano alcune maglie di catena sottile che reggeva due sferette di acciaio cromato.

In sostanza un piccolo amuleto fallico che incontrava molto successo tra gli studenti universitari, che lo appendevano sul proprio berretto. Quanto al gettone/medaglia (potrebbe essere una successiva trtasformazione...) in questione, mai visto.... Saluti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apollonia

Ho trovato questa, sembra argento, 8 g. circa con pendaglio.

Ciao Okt. L'aggiunta del chiodo di cavallo mi fa pensare alla creazione artigianale di un piccolo "portafortuna". Negli anni '50 a Bologna la Ditta Hatù, tra vari gadgets reclamistici, ne diffondeva uno simile : un chiodo da ferro di cavallo identico a quello che compare nella foto da cui pendevano alcune maglie di catena sottile che reggeva due sferette di acciaio cromato.

In sostanza un piccolo amuleto fallico che incontrava molto successo tra gli studenti universitari, che lo appendevano sul proprio berretto. Quanto al gettone/medaglia (potrebbe essere una successiva trtasformazione...) in questione, mai visto.... Saluti.

Ciao sandokan

l'amuleto al quale alludi dovrebbe essere simile a questo utilizzato a scopo pubblicitario da Barbisio, un negozio di abbigliamento maschile (da qui il simbolo fallico) di Torino.

post-703-0-27740400-1349953665_thumb.jpg

apollonia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sandokan
Supporter

Identico :cambia solo la scritta ; in quello che ho menzionato figura la scritta Hatu-Velo.

Evidentemente era un gadget di successo, in un tempo in cui i tabou erano ferrei....

Modificato da sandokan

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apollonia

Salve

Ho trovato anch’io un gettone (o medaglia, ma qui non vedo tracce di appiccagnolo) come quelli di pozleo e giancarlone.

2vkaoac.jpg

D/ TIBI . BONVS FAVSTVSQVE MCMXXXIII Il Duca a cavallo (bardato col biscione visconteo) con la spada in alto nella mano destra.

R/ MVT . INV . MEDIOLANI . A . XI Cimiero sormontato da drago

Rame: 6,483 g ; 25-26 mm

Per la mia lettura delle abbreviazioni al rovescio vedi post #4.

apollonia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apollonia

Assieme al gettone di rame ho trovato questo (metallo bianco: 3,094 g – altro pezzo 3,263 g - ; 20-21 mm) che dovrebbe essere una riproduzione del soldo o ambrosino piccolo di Milano, Prima repubblica (1250-1310). Agli esperti di monetazione milanese confermare o meno.

23rkche.jpg

D/ Trifoglio MEDIOLANVM Croce accantonata da quattro trifogli.

R/ S AMB – ROSIV’ S. Ambrogio mitrato e nimbato, seduto di fronte, benedice con la mano d. e regge il pastorale con la s.

apollonia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apollonia

Solo dopo aver postato la (prevedibile) riproduzione al # 13 mi sono accorto che la questione sull’ambrosino milanese era stata ampiamente discussa nella sezione ‘Monete medioevali di zecche italiane’. Avevo notato lo stile grossolano e il peso superiore ai tre grammi (poco più di 2 g quello della moneta autentica con i quattro trifogli) e poi ho avuto conferma dalle ondulazioni del tondello in alto (volute dal produttore come ‘firma’ del falso) e dal fatto che il pezzo fosse attratto da un magnete o calamita che dir si voglia. Piuttosto m’è sorto qualche dubbio sulla ‘zecca’: Perugina merendine o Mediolanum Assicurazioni? Propendo per la seconda perché negli Anni ’70 mi sa che la compagnia di assicurazioni offrisse come gadget ai propri clienti queste riproduzioni che riportavano al diritto proprio il suo nome MEDIOLANVM.

Questa è una riproduzione 'firmata' della moneta in argento 925/1000 di 16 g prodotta dallo stabilimento artistico Bertoni.

post-703-0-65759900-1353195330_thumb.jpg

apollonia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

giancarlone

E questo è il cartoncino che accompagnava la riproduzione

post-13397-0-79767300-1353321907_thumb.j

Cliccare sull'immagine per leggere.

Modificato da giancarlone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apollonia

La classica riproduzione in ferro argentato dell’ambrosino piccolo (croce con trifogli negli angoli) al post # 13 è quindi il gadget che la Mediolanum assicurazioni, con sede a Milano in Largo Augusto 7, offriva ai propri clienti negli Anni ’70. La ‘carta d’identità’ del gettone è al post # 15.

Una riproduzione artistica dell’ambrosino (croce con semilune e globetti negli angoli) è questo mio acquisto recente che ho potuto mostrare a Mario Dabbene in quel di Verona.

2rr5p4y.jpg

Argento 925: 13,64 g ; 30 mm.

Si nota alla base del braccio della croce il punzone del titolo dell’argento e della ditta produttrice, lo stabilimento Bertoni di Milano. Sull’altra faccia, in esergo, l’anno 1976 in numeri romani.

Nel 1970, quando il Brasile campione del mondo per la terza volta poteva conservare definitivamente la coppa Rimet, la FIFA lanciò un concorso per la creazione di un nuovo trofeo. Lo Stabilimento artistico Bertoni affidò il progetto a un artista alla sua dipendenze, Silvio Gazzaniga, che nel 1971 realizzò la Coppa UEFA vincendo il concorso. In seguito furono commissionati alla Bertoni altri trofei calcistici la cui realizzazione fu sempre affidata a Silvio Gazzaniga con risultati apprezzati a livello internazionale.

apollonia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apollonia

Posso rispondere alla domanda di pozleo in apertura di discussione ‘Gettone o medaglia milanese: chi lo ha emesso e perché?’.

L’oggetto in rame nasce con appiccagnolo complanare attaccato a un chiodo o pendaglio di ferro, nella forma indicata da okt al post # 8. Le scritte sono MVT . INV . MEDIOLANI . A . XI sulla faccia con cimiero sormontato da drago alato con bimbo in bocca e TIBI . BONVS FAVSTVSQVE . MCMXXXIII sulla faccia che raffigura il duca a cavallo con spazzola sulla gualdrappa posteriore e bisce sulla gualdrappa anteriore, munito di corazza e con la spada nella mano destra.

Il personaggio a cavallo è Francesco I Sforza IV Duca di Milano (1450-1466) che fece erigere l’Ospedale Maggiore.

La data fa riferimento all’istituzione dell’INAIL con R. D. 6 luglio 1933, che assorbì anche la Mutua Invalidi Milanese e tanti altri enti simili.

apollonia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apollonia

Ambrosino da un'asta USA per un confronto con la riproduzione al post # 16.

post-703-0-47055700-1354881757_thumb.jpg

ITALY, Milano (Signori). Prima Repubblica. 1250-1310. AR Ambrosino (22mm, 2.89 g, 2h). MEDIOLANV, cross pattée with pellets and crescents in quarters / · SCS · ΛMBROSIVS, St. Ambrogio seated facing, holding croizer and raising hand in benediction. CNI V 7; Biaggi 1425. EF, tond.

apollonia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×