Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
tartachiara

Tallero di Convenzione

Risposte migliori

tartachiara

Ciao a tutti, ieri ho visto dal mio commerciante di fiducia un bel tallero di Convenzione e volevo comprarlo. l'unica cosa che mi ha fermato è il non sapere di preciso di che moneta si tratta. oggi ho provato a leggere su internet, ma ho ancora molti dubbi. qualcuno mi può spiegare che tipo di moneta è? dove fu coniata e dove ebbe corso legale? e inoltre è vero che è stata coniata fino agli anni 2000? e in caso affermativo dove avevano corso legale? grazie in anticipo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

uzifox

Riguardo il tallero cosiddetto "di convenzione" del 1935 se ne sono dette tante nel tempo...

Oltre all'ottima discussione che ti è stata indicata da Littore e che indubbiamente ti sarà utile nel charirti le idee ti anticipo che insieme ad altri amici lamonetiani abbiamo cercato di mettere un pò di ordine al riguardo almeno dal punto di vista legislativo e qualcosa di interessante è venuto fuori: ad esempio che nel tempo sono state riportate dai vari cataloghi e dalla letteratura inerente solo le stesse notizie vaghe e trite e ritrite ma con ben poche basi certe se non proveniente da un' unica fonte "ufficiosa"...

Solo un pò di pazienza e tra qualche tempo potrai leggere qualcosa a riguardo....

Saluti

Simone

Modificato da uzifox

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tartachiara

ok grazie, ma il tallero riportato dal gigante tra le monete di VEIII sotto la voce colonia Eritrea che tipo di moneta è? perchè i talleri sono stati conianti un po da tutte le parti e per cosi' tanti anni? le notizie riportate qui: http://it.wikipedia.org/wiki/Tallero_di_Maria_Teresa sono attendibili?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Littore

ok grazie, ma il tallero riportato dal gigante tra le monete di VEIII sotto la voce colonia Eritrea che tipo di moneta è?

E' una moneta coniata dal Regno d'Italia per la colonia Eritrea e che sostituiva il Tallero Italicum, poco gradito dalla popolazione delle colonie.

perchè i talleri sono stati conianti un po da tutte le parti e per cosi' tanti anni?

Perchè era una valuta particolarmente apprezzata e quindi una garanzia nei commerci.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tartachiara

ma era una sorta di moneta internazionale?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

uzifox

Si esatto o meglio universalmente accettata: Tallero --> Thaler --> Dollar --> Dollaro... dice niente? ;)

Saluti

Simone

Modificato da uzifox

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tartachiara

e valeva il peso dell'argento contenuto o aveva un valore facciale?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Littore

Anche altre monete ebbero diffusione oltre i confini nazionali, come ad es. lo zecchino veneziano o i Talleri del Leone.

Un tempo capitava che circolassero monete dei paesi limitrofi, soprattutto in periodi in cui il valore delle monete era determinato dall'intrinseco.

Anche durante il Regno d'Italia, potevano circolare monete basate sullo stesso sistema monetario (es. Monaco, Francia).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tartachiara

ho capito :) e comunque i vari talleri hanno delle differenze o sono coniati tutti con lo stesso conio?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Littore

e valeva il peso dell'argento contenuto o aveva un valore facciale?

Non so quanto vi sia di vero, ma si è sempre affermato che gli indigeni valutassero l'usura (e quindi il contenuto d'argento) tramite il bottone sulla veste dell' Imperatrice e proprio la mancanza di una sporgenza decretò il fallimento dell'altro Tallero (Italicum).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Littore

ho capito :) e comunque i vari talleri hanno delle differenze o sono coniati tutti con lo stesso conio?

Furono utilizzati i punzoni originali, da cui si ricavarono i vari conii, che differiscono l'uno dall'altro per piccoli particolari.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Littore

Esatto.

Come vedi somiglia a quello di Maria Teresa, ma, nonostante questo, la popolazione continuò ad utilizzare gli altri.

Modificato da Littore

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tartachiara

ho capito grazie, ma quindi i talleri destinati all'eritrea hanno circolato solo la o anche qui?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tartachiara

scusate se vi sto assillando di domande che magari sono anche stupide, ma mi piace conoscere cose nuove e voi siete la fonte migliore a cui posso attingere :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

uzifox

Si è quello.

No qui non circolavano, erano destinati solo al medio-oriente

Saluti

Simone

PS dipende, il valore fluttuava però almeno sapevi quanto argento c'era di sicuro dentro...( regolandoti magari con il bottone come ricordava Littore)

In soldoni. Oggi ci compravi una pecora l'anno dopo magari due.

Modificato da uzifox

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Littore

ho capito grazie, ma quindi i talleri destinati all'eritrea hanno circolato solo la o anche qui?

In Italia i talleri, non circolarono durante il Regno.

Modificato da Littore

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tartachiara

ok grazie mille. ma quanto circolarono? perchè quelli che ho visto sembravano tutti in ottima conservazione

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Saturno

Esistono dei riconi moderni, sempre in argento, del tallero di convenzione 1780.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ray-ban

No, ci sono proprio riconii ufficiali della zecca Austriaca ad esempio... anche di recente ne coniano se non erro.

Non sono falsi, ma non sono come quelli precedenti, ci sono differenze volute che ne identificano periodo e provenienza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tartachiara

No, ci sono proprio riconii ufficiali della zecca Austriaca ad esempio... anche di recente ne coniano se non erro.

Non sono falsi, ma non sono come quelli precedenti, ci sono differenze volute che ne identificano periodo e provenienza.

hai qualche immagini da farmi vedere per caso?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Littore

Nel link che ti ho indicato puoi trovare diverse immagini di talleri, anche moderni.

Se vuoi approfondire l'argomento dei talleri per la colonia eritrea ti consiglio di leggere questa pubblicazione, gentilmente fornita da piergi00:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×