Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
cometronio

Wikipedia sta morendo?

37 risposte in questa discussione

Buongiorno a tutti.

Ieri stavo cercando notizie in internet sull' imperatore Galba e quando ho aperto la pagina di Wikipedia ho letto che questa rischia la chiusura.

Sinceramente non ho capito bene il motivo, comunque è un problema legale, e vorrei sapere se qualcuno di voi è a conoscenza di notizie certe sulla sua chiusura. :(

La fine di Wikipedia mi dispiacerebbe molto, in quanto spesso mi ha aiutato nelle mie ricerche, spesso riguardanti la storia e la numismatica.

Se qualcuno quindi ha notizie certe potrebbe inserirle in questa discussione?

Grazie. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno a tutti.

Ieri stavo cercando notizie in internet sull' imperatore Galba e quando ho aperto la pagina di Wikipedia ho letto che questa rischia la chiusura.

Sinceramente non ho capito bene il motivo, comunque è un problema legale, e vorrei sapere se qualcuno di voi è a conoscenza di notizie certe sulla sua chiusura. :(

La fine di Wikipedia mi dispiacerebbe molto, in quanto spesso mi ha aiutato nelle mie ricerche, spesso riguardanti la storia e la numismatica.

Se qualcuno quindi ha notizie certe potrebbe inserirle in questa discussione?

Grazie. :)

L'hanno provvisoriamente oscurata per protesta contro il DDL intercettazioni. Se dovesse passare, wiki italia ha dichiarato che chiuderà i batttenti per evitare problemi legali.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E' il momento di imparare l'inglese :rolleyes:

Wiki in english is still alive ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In questi giorni vanno di moda gli scioperi delle enciclopedie (o nonciclopedie) online, ma non credo ci siano reali rischi di chiusura. Ad ogni modo è in sciopero solo l'edizione italiana, e per chi non sa l'inglese è tutt'ora attiva l'edizione in lombardo: http://lmo.wikipedia.org/wiki/Pagina_principala , in siciliano: http://scn.wikipedia.org/wiki/P%C3%A0ggina_principali , e in tutti gli altri dialetti italiani :lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In questi giorni vanno di moda gli scioperi delle enciclopedie (o nonciclopedie) online, ma non credo ci siano reali rischi di chiusura. Ad ogni modo è in sciopero solo l'edizione italiana, e per chi non sa l'inglese è tutt'ora attiva l'edizione in lombardo: http://lmo.wikipedia.org/wiki/Pagina_principala , in siciliano: http://scn.wikipedia.org/wiki/P%C3%A0ggina_principali , e in tutti gli altri dialetti italiani :lol:

giustamente di moda, a mio dire.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In realtà sarebbe una grave perdita, sono moltissime le voci disponibili solo in lingua italiana e Wikipedia, con tutti i difetti che avrà, è uno strumento molto potente. Personalmente non sottovaluto i disagi che l'eventuale chiusura sicuramente causerebbe, senza contare che la legge potrebbe portare alla sospensione di molti altri siti.

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Speriamo (ci credo poco9 emendino il comma della discordia.

Anche perchè anche LA;MONETA potrebbe essere coinvolta

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

La chiusura di Wiki.it sarebbe una grande perdita, ma la norma incriminata rischia di fare ben altri danni; non per niente viene chiamata norma ammazzablog; il suo fine è particolarmente variegato e controverso, e comunque tale norma è una lampante dimostrazione che l'Italia è il paese dello status quo, un paese la cui classe politica e la cui egemonia culturale odia tutto ciò che è nuovo ed innovativo per paura di non potersi adattare efficacemente. Prepariamoci, perché intenet così come lo conosciamo oggi (sostanzialmente anarchico) sta morendo, almeno in Italia (a voler tacere dell'ambito comunitario ed internazionale). Altro che Cina...

Senza contare che la norma del DDL intercettazioni avrebbe ripercussioni anche sulla gestione del nostro forum...

EDIT: in commissione è successo un putiferio, la Buongiorno (avvocato ed ex AN si è dimessa), comunque la norma del comma 29 sembra sarà emendata prevedendo il dovere di rettifica entro 48 ore solo per le testate giornalistiche online registrate; Wiki.it sarebbe così al di fuori dell'applicazione stretta della norma. Ora bisogna vedere a chi verrà richiesta la registrazione (in passato si ipotizzò di prevedere la registrazione presso il tribunale circondariale di riferimento di ogni blog o cosa simile, fortunatamente poi non si fece)...

Modificato da DragoDormiente

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Pian piano l'Italia invece che progredire regredisce....

Modificato da collezionistabari

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie a tutti voi, spero veramente che non smetta di esistere, perchè se così fosse, come ha già detto Orlando 10, sarebbe una grande perdita.

Piuttosto ci sono rischi seri per il nostro forum? Cosa potrebbe succedere?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Questo quanto ho capito in base a ciò che ho letto in giro.

La legge, per come era stata impostata, avrebbe portato direttamente alla chiusura di forum, blog e in generale siti web il cui contenuto è inserito dagli utenti. Infatti c'era un obbligo di rettifica su richiesta degli interessati entro un limite di tempo strettissimo. Senza rettifica ed eliminazione dei contenuti considerati "infamanti" partivano penali salate...

Il punto critico non sono le penali ma i tempi visto che chi gestisce un sito come questo non fa un servizio 24/7 e il fatto che la rettifica e l'eliminazione di contenuti dovessero avvenire su semplice richiesta dell'interessato senza alcuna verifica sul fatto che tale contenuto fosse effettivamente diffamatorio.

Ho usato l'imperfetto in quanto da notizie del telegiornale di stasera sembra che tali obblighi vigeranno solo per i giornali online. Già così mi sembra un'enorme fesseria ma in questo caso il nostro forum sarebbe salvo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Esatto Incuso, solo per le testate giornalistiche registrate in tribunale, cioé solo per il mondo della propriamente detta "editoria" anche internettiana. Il nostro forum non è un giornale online, quindi sfuggirebbe all'applicazione del comma 29.

Comunque la protesta di Wiki.it sta facendo storia ed il giro del mondo. Guardate quanti ne parlano!

http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Comunicato_4_ottobre_2011/Media

Modificato da DragoDormiente

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Rimane il fatto che anche se circoscritto alle testate giornalistiche è pazzesco. Il giornale X parla di me in maniera che non mi aggrada? Basta che gli mandi rettifica e loro devono rimuovere il contenuto e pubblicare la mia rettifica? Se l'ho capita bene è assurdo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Rimane il fatto che anche se circoscritto alle testate giornalistiche è pazzesco. Il giornale X parla di me in maniera che non mi aggrada? Basta che gli mandi rettifica e loro devono rimuovere il contenuto e pubblicare la mia rettifica? Se l'ho capita bene è assurdo.

è vergognoso :angry:

Per quanto avremo ancora la libertà di stampa e di opinione? :(

Modificato da cometronio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Rimane il fatto che anche se circoscritto alle testate giornalistiche è pazzesco. Il giornale X parla di me in maniera che non mi aggrada? Basta che gli mandi rettifica e loro devono rimuovere il contenuto e pubblicare la mia rettifica? Se l'ho capita bene è assurdo.

E' proprio così. Ed il paradosso è duplice: giuridico, perché si lascia ai singoli, e non all'autorità giudiziaria, decidere cosa offende la propria fama o la propria persona e si costringe alla rettifica anche quando il fatto è una libera manifestazione di pensiero che non sarebbe sufficiente ad integrare il reato di diffamazione; etico, perché chiunque potrebbe richiedere la retifica anche quando i fatti ritenuti lesivi della propria personalità siano fatti reali e documentabili (esempio pratico: scrivo sul mio blog che il Sig, Tizio è un ladro; il Sig. Tizio, offeso, mi domanda la rettifica, ma io l'ho definito ladro sul mio blog allegando lo stralcio di una sentenza passata in giudicato che lo condanna per il reato di furto; posto che non c'é l'AGO a giudicare del fatto che chiamare ladro il Sig. Tizio sia o meno diffamazione, per evitare di sborsare l'ammenda io mi vedrei costretto a rettificare la verità, anche quella giudizialmente accertata; altro esempio: scrivo che il Sig. Caio fa uso di droghe; il Sig. Caio mi domanda la rettifica, ma io ho suffragato la mia affermazione con articoli giornalistici e fotografie dello stesso Sig. Caio che lo ritraggono tirare cocaina e venire arrestato per possesso di stupefacenti; anche in questo caso, alla richiesta di rettifica o si copre una verità lampante o si pagano i 12.000 € di ammenda).

Modificato da DragoDormiente

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se fossi malizioso (ma non lo sono) direi che il vero scopo del decreto non sia di tutelare i diffamati ma di eliminare la libera comunicazione su fatti di interesse pubblico.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se fossi malizioso (ma non lo sono) direi che il vero scopo del decreto non sia di tutelare i diffamati ma di eliminare la libera comunicazione su fatti di interesse pubblico.

Pian piano si sta entrando in una dittatura... Se continua così finiremo come la Corea del Nord.... <_<

Ma mi fermo qui perchè non voglio sconfinare in un altro contesto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bocca mia taci.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Qui non si parla di politica, ma credo che sia una vergogna una legge che accomuna praticamente noi a BIELORUSSIA, KAZAKISTAN, CINA, NORDCOREA, VIETNAM...Tutti Paesi con cui DA ANNI siamo in amicizia..... chissà che il Governo di Roma non prenda lezioni da quello di Minsk....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La chiusura di Wiki.it sarebbe una grande perdita, ma la norma incriminata rischia di fare ben altri danni; non per niente viene chiamata norma ammazzablog; il suo fine è particolarmente variegato e controverso, e comunque tale norma è una lampante dimostrazione che l'Italia è il paese dello status quo, un paese la cui classe politica e la cui egemonia culturale odia tutto ciò che è nuovo ed innovativo per paura di non potersi adattare efficacemente. Prepariamoci, perché intenet così come lo conosciamo oggi (sostanzialmente anarchico) sta morendo, almeno in Italia (a voler tacere dell'ambito comunitario ed internazionale). Altro che Cina...

Senza contare che la norma del DDL intercettazioni avrebbe ripercussioni anche sulla gestione del nostro forum...

EDIT: in commissione è successo un putiferio, la Buongiorno (avvocato ed ex AN si è dimessa), comunque la norma del comma 29 sembra sarà emendata prevedendo il dovere di rettifica entro 48 ore solo per le testate giornalistiche online registrate; Wiki.it sarebbe così al di fuori dell'applicazione stretta della norma. Ora bisogna vedere a chi verrà richiesta la registrazione (in passato si ipotizzò di prevedere la registrazione presso il tribunale circondariale di riferimento di ogni blog o cosa simile, fortunatamente poi non si fece)...

Pian piano l'Italia invece che progredire regredisce....

ecco altri motivi per cui ho chiesto informazioni per potere emigrare.......

Rimane il fatto che anche se circoscritto alle testate giornalistiche è pazzesco. Il giornale X parla di me in maniera che non mi aggrada? Basta che gli mandi rettifica e loro devono rimuovere il contenuto e pubblicare la mia rettifica? Se l'ho capita bene è assurdo.

avendo capito anche io così..... a questo punto potrei dire, anzi ne sono sicuro che è assurdo.....

Rimane il fatto che anche se circoscritto alle testate giornalistiche è pazzesco. Il giornale X parla di me in maniera che non mi aggrada? Basta che gli mandi rettifica e loro devono rimuovere il contenuto e pubblicare la mia rettifica? Se l'ho capita bene è assurdo.

E' proprio così. Ed il paradosso è duplice: giuridico, perché si lascia ai singoli, e non all'autorità giudiziaria, decidere cosa offende la propria fama o la propria persona e si costringe alla rettifica anche quando il fatto è una libera manifestazione di pensiero che non sarebbe sufficiente ad integrare il reato di diffamazione; etico, perché chiunque potrebbe richiedere la retifica anche quando i fatti ritenuti lesivi della propria personalità siano fatti reali e documentabili (esempio pratico: scrivo sul mio blog che il Sig, Tizio è un ladro; il Sig. Tizio, offeso, mi domanda la rettifica, ma io l'ho definito ladro sul mio blog allegando lo stralcio di una sentenza passata in giudicato che lo condanna per il reato di furto; posto che non c'é l'AGO a giudicare del fatto che chiamare ladro il Sig. Tizio sia o meno diffamazione, per evitare di sborsare l'ammenda io mi vedrei costretto a rettificare la verità, anche quella giudizialmente accertata; altro esempio: scrivo che il Sig. Caio fa uso di droghe; il Sig. Caio mi domanda la rettifica, ma io ho suffragato la mia affermazione con articoli giornalistici e fotografie dello stesso Sig. Caio che lo ritraggono tirare cocaina e venire arrestato per possesso di stupefacenti; anche in questo caso, alla richiesta di rettifica o si copre una verità lampante o si pagano i 12.000 € di ammenda).

ci stiamo avvicinando all'anarchia ??

cioè se io che sono abbastanza robusto (diciamo pure grasso :D ), leggo una descrizione mia dove dice che sono un ciccione, allora posso richiedere il tutto

ma una volta se non ricordo male, mica bisogna fare denuncia ????

è un altro passo per poter surclassare e mettere in disparte giudici e avvocati ed eliminarli del tutto (come vorrebbe "qualcuno") ???

Se fossi malizioso (ma non lo sono) direi che il vero scopo del decreto non sia di tutelare i diffamati ma di eliminare la libera comunicazione su fatti di interesse pubblico.

ma va ?? dici ???? (ovviamente sono frasi ironiche.....)

mi sembra che ci sia stato "qualcuno" che disse che i vari processi (escort, lodomondadori, ecc. ecc.) erano semplicemente una mossa mediateca contro di lui.....

sarà una coincidenza ??

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

è lo schifo totale veramente.... Ogni giorno che passa trovo un motivo in più per andarmene via da questo paese....

Modificato da collezionistabari

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

*** ** ***** ******* !

** ****** ********** ** ** *****, * **** ***** * **** ******* !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Anche i francesi del 1789 non ce la facevano più, ma non si limitarono a lamentarsi, fecero "qualcosa" di più........

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

dopo il successo del referendum, attribuito in buona parte alla Rete, è logico che l'oligarchia che ci governa intenda rimediare.

Primo passo: bavaglio alla Rete.

secondo passo: leggine che stravolgono il risultato dei referendum, passate inosservate grazie al bavaglio.

Modificato da bavastro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vorrei leggere con attenzione il testo di legge. Quali sono le limitazioni e quali le "libertà" nella diffusione delle notizie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?